TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esperto sanitario: la pillola anticoncezionale tiene lontano il cancro e la demenza

Dottore stellato britannico Michael Mosley, che è, tra le altre cose, dietro la popolare dieta 5:2 e il metodo 800, non è tipicamente un sostenitore degli integratori alimentari. Il medico dice che una dieta equilibrata di solito ti fornirà tutte le vitamine di cui hai bisogno.

Ma ora rivela che in realtà esiste un integratore che prende: la vitamina D. Prima la prendeva solo durante i mesi invernali, ora ha iniziato a prenderla tutti i giorni, tutto l'anno.

“Mangio molto pesce grasso e uova, entrambi ricchi di essi Vitamina DCammino anche molto, quindi i miei livelli di vitamina D dovrebbero essere ben reintegrati. Ma quest'anno continuerò a prendere questi integratori mail giornaliera.

Con l’avanzare dell’età, la vitamina D diventa particolarmente importante, motivo per cui un profilo sanitario dovrebbe assumere questo integratore tutto l’anno.

“Ciò è in parte dovuto al fatto che invecchio ogni anno e gli studi hanno dimostrato che con l'avanzare dell'età, i nostri corpi diventano meno efficienti nell'assorbire la vitamina D dal cibo e la nostra pelle diventa meno efficiente nel convertire la luce solare in questo nutriente.” Lui scrive.

Le pillole hanno molti vantaggi

Gli integratori di vitamina D hanno molti benefici per la salute. Può, ad esempio, rafforzare il sistema immunitario, che a sua volta può ridurre il rischio di raffreddore. La vitamina D fa bene anche alle ossa perché aumenta l'assorbimento del calcio da parte dell'organismo.

La vitamina D può anche impedire alle persone di avere problemi di memoria con l’avanzare dell’età, come riportato in precedenza da News55.

Uno studio pubblicato sulla rivista Neurologia Sembra che il rischio di demenza aumenti del 125% tra coloro che soffrono di grave carenza di vitamina D. Tra quelli con una certa carenza di vitamina D, il rischio di demenza è aumentato del 53%.

READ  La decisione dell'EMA solleva interrogativi sullo screening neonatale

“La vitamina D è collegata a molte diverse malattie croniche, e ora è sempre più dimostrato che la vitamina D è di grande importanza anche per la salute del cervello. Ci sono stati studi precedenti che collegavano la carenza di vitamina D a problemi di memoria, e ora sono stati collegati sempre più al morbo di Alzheimer. “Ora stiamo iniziando a fare molti più studi che puntano nella stessa direzione”, sottolinea Mia Kivipelto SVT.

Qui puoi leggere di più:

Mangia il cibo giusto: scuoti la memoria

Questo è il miglior consiglio sanitario dato dal medico delle stelle