TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esperto: l’Ucraina vuole dire “stai lontano”

Il governo ucraino ha deciso l’evacuazione obbligatoria dei civili nella regione di Donetsk.

– Da parte della leadership ucraina, vogliono ribadire l’importanza di andarsene e di non ostacolare la lotta in modo che non corrano il rischio di essere feriti o uccisi, afferma Joachim Pacekevi.

“Non siamo la Russia”, ha detto Zelensky nel suo discorso alla nazione sabato sera. Ha anche affermato che ogni vita conta e che l’Ucraina farà tutto ciò che è in suo potere per proteggere i civili dal “terrorismo russo”.

Era una parte esplicita della strategia russa per popolare le città sul terreno, afferma Oscar Johnson, ricercatore in scienze militari presso l’Accademia norvegese della difesa, e continua:

– Ma anche le infrastrutture, cioè acqua ed elettricità, sono state danneggiate a tal punto che non è possibile viverci.

Secondo l’ucraino Si stima che nella regione di Donetsk rimangano tra 200.000 e 220.000 civili, di cui 50.000 bambini.

Joakim Paasikivi sottolinea che simili richiami sono arrivati ​​dal governo ucraino anche per quanto riguarda Kherson e Zaporizhzhya, e che la decisione del governo non è un segno che l’Ucraina abbia rinunciato a combattere a Donetsk.

– Negli ultimi mesi i russi hanno ottenuto piccoli successi tattici. Altrimenti oscilla avanti e indietro con i villaggi in conflitto. Dice che la Russia sta prendendo un villaggio e l’Ucraina ne sta liberando un altro.

– Ma non ci sono indicazioni di una grande penetrazione o di un grande attacco russo che abbia causato questo. Ma l’Ucraina da sola dice “stai attento”, i russi continuano a sparare con l’artiglieria.

Afferma che le battaglie si svolgevano in gran parte sulle strade e nei villaggi.

READ  La famiglia Daunte Wrigth si interroga su un incidente mortale con una sparatoria

– Quindi è importante che non rimangano civili ucraini. Ma lì, comunque, e poi soffrire molto.

E gli ucraini civili che scelgono Il vice primo ministro Irina Vereshtyuk ha annunciato che, per non lasciare la regione di Donetsk, dovrà firmare un rifiuto ufficiale dello sgombero obbligatorio.

Il sito riconosce di comprendere i rischi della permanenza nell’area e diventa personalmente responsabile della propria vita.

Questa procedura è insolita. Non ho mai visto esempi di questo prima, dice Oscar Johnson.

Secondo Pasikivi, la maggior parte di coloro che ne hanno avuto l’opportunità se ne sono andati.

Quelli che rimangono sono quelli che non possono costruirsi un futuro altrove. Poi c’è una piccola minoranza rimasta ad aspettare i russi, dice.

Oscar Johnson sulla stessa linea.

Il fatto che le persone non vogliano lasciare casa e casa, penso, sia una parte più importante della decisione rispetto ai conflitti militari.