TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Eri un po ‘ottimista con me.”

L’IFK Gothenburg ha recentemente ingaggiato diversi centrocampisti più anziani ed esperti. Dall’estate scorsa sono stati introdotti Pontus Wernblum, Simon Thearn e Marek Hamsik. Inoltre, hanno già Jacob Johansson e il promettente Al Hassan Youssef. Questi sono i nomi che August Erlingmark, autocostruito, sta lottando per un posto nella formazione titolare.

Il 22enne ha un contratto che scade dopo questa stagione, ma l’estensione per ora non è all’ordine del giorno di Erlingmark. Vuole aspettare per vedere come si evolverà la sua situazione in primavera prima di sedersi e discutere del futuro con Bluffett.

– Ovviamente abbiamo un piccolo dialogo. Vedremo come andrà. Ma l’attenzione è ora solo su queste sette partite della stagione primaverile. Poi vedremo dopo, dice Erlingmark.

Vuoi aspettare fino all’estate?
– Era un po ‘di speranza per me. Forse non mi sarei davvero arreso come negli anni precedenti, quindi anche questo è un motivo. Ma io guido e voglio solo vincere le partite. Quindi lo prenderemo quest’estate.

Vuoi sentire un po ‘i segnali?
– Sì è quello. Poi tocca a me esibirmi. Se sono cattivo o non posso giocare, ovviamente non so cosa sta succedendo.

Cosa dice Blavit, vogliono un’estensione?
– Abbiamo parlato un po ‘liberamente. Non era molto tangibile. Ma sappiamo dove ci troviamo. Pontus e io (Farnrod, direttore sportivo) sappiamo che si tratta di come farlo in queste partite ora. Stabilisco io il tono.

Erlingmark ha iniziato la rivincita contro l’IFK Värnamo e sabato anche alla prima dell’Allsvenskan contro l’Örebro (0-0). All’esperto Pontus Wernblum è stato permesso di sedere in panchina.

– Era un po ‘di speranza per me. Giovane centrocampista, giovane centrocampista. Non c’era continuità. Quindi è stato divertente avere l’opportunità. Qui è dove ho lavorato durante la pre-stagione.

READ  Elias Peterson spera nella prossima stagione

Dice che non ha problemi a usarlo come centrocampista e centrocampista.

– Posso farlo per la squadra. Rolle e io (l’allenatore di Roland Nelson) abbiamo avuto una buona conversazione. Non ci sono cose strane. Da parte tua, a volte si discosta dal ritmo, ma a volte può anche ispirare un cambiamento.

Cosa ne pensate dei vostri sforzi contro Orebro?
– C’era una prima nervosa all’inizio. Un po ‘di pietà. Ma mi sono fatto strada nella partita e dopo un quarto ho fatto davvero bene, credo. Sono contento della mia prestazione. Sono contento di essere stato in grado di esibirmi non appena ne ho avuto l’opportunità.

Sulla prestazione della squadra, dice:

– Quel primo spettacolo era piuttosto tipico. Era alto e basso da entrambe le squadre. Sembra relativamente giusto (con una croce), ma penso che avremmo dovuto fare di più.

– Prima Saab. Ma chiaramente volevamo andare qui e vincere. Non si sente completamente soddisfatto della croce.