TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Equestre: l'equestre bielorussa Olga Safronova è sospesa dalle Olimpiadi: “Hanno detto che il mio cavallo è zoppo”

Equestre: l'equestre bielorussa Olga Safronova è sospesa dalle Olimpiadi: “Hanno detto che il mio cavallo è zoppo”

L'intervista è stata condotta in collaborazione con le società di servizi pubblici nordici Yle e NRK.

Nelle elezioni bielorusse del 2020, Olga Safronova ha fatto parte del movimento di protesta contro il presidente Alexander Lukashenko.

Ha scelto di condividere un post sui social media che includeva una foto con la bandiera dell'opposizione bielorussa che sventolava sullo sfondo.

– Ha scritto che l'amore è più forte della paura. Dice che l'amore per il nostro popolo e la nostra scelta devono trionfare, e che io ero dalla parte del popolo.

Olga Safronova afferma che un direttore del Centro equestre olimpico bielorusso ha chiesto che il post fosse cancellato. Ma lei rifiutò e perse il contratto con la nazionale.

La bandiera rossa e bianca sul pennone è la bandiera dell'opposizione bielorussa ed è diventata un simbolo del movimento di protesta. immagine: Instagram

Prima delle Olimpiadi di Tokyo del 2021 è sorto il seguente problema.

Secondo un'indagine del Centro veterinario statale della Bielorussia, il suo cavallo da competizione Sandro era zoppo e il Comitato Olimpico bielorusso ha espulso la squadra dalla squadra olimpica.

Olga Safronova era la campionessa bielorussa di dressage all'epoca ed è certa che l'infortunio di Sandro fosse inventato.

– Ero completamente convinto che questo non fosse vero. Quindi un comitato di tre veterinari statali ha sollevato la questione.

È elencato come un “traditore” in Bielorussia

Oggi Olga Safronova vive in Polonia con il marito e i cavalli. Le è stato concesso un visto umanitario e ha buone possibilità di competere per la Polonia ai Giochi Olimpici di Parigi quest'estate.

READ  Vettel sbatte la dichiarazione del capo della F1 sulle donne: "sfortunate"

In Bielorussia, secondo numerosi resoconti dei media, è considerata una “traditrice” e corre il rischio di essere arrestata se ritorna.

– Non è stato facile. Abbiamo dovuto ricominciare da zero. Mio marito ed io abbiamo cambiato paese e lingua. “E mi manca ancora la mia patria”, dice Olga Safronova.

Ascoltala mentre sviluppa la sensazione di cambiare paese nel player qui sopra.