TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È così che i batteri infettati dal virus vengono indotti al suicidio



I germi sono virus che attaccano i batteri, inclusi gli agenti patogeni che causano malattie. Tuttavia, i batteri hanno sviluppato strategie difensive per proteggersi dagli attacchi dei virus. Per poter utilizzare i fagi nelle terapie contro le infezioni batteriche resistenti agli antibiotici, è essenziale capire come funziona la difesa dei batteri contro i fagi. Un gruppo di ricerca internazionale ha ora scoperto un meccanismo di difesa precedentemente sconosciuto e ha mappato il modo in cui un attacco batterico lo innesca. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Brevi fatti: ricerca di base // studio quantitativo // in vitro // in vivo. Dietro lo studio ci sono ricercatori del MIT, dell’Université Libre de Bruxelles e dell’Università di Lund.

Batterio (o fago) significa “mangiatore di batteri” in greco. Sono ovunque e sono una parte importante del nostro ambiente. Attaccandosi a una superficie e iniettando il suo DNA, il fago entra nei batteri. I batteri vengono quindi riprogrammati per produrre copie del fago in grandi quantità. Infine, i batteri esplodono e nuove copie dei fagi possono diffondersi e infettare altri batteri.

Affronta i fagi

La resistenza agli antibiotici è diventata una minaccia globale e sono necessarie nuove alternative per sconfiggere le infezioni batteriche laddove gli antibiotici non funzionano più. La terapia fagica comporta il trattamento di pazienti infetti da fagi. Questo metodo ha un grande potenziale clinico, ma i batteri, a loro volta, hanno sviluppato molte strategie complesse per difendersi dai fagi. I batteri sembrano riconoscere gli stimoli caratteristici dei fagi, che provocano l’attivazione del sistema di difesa.

Ora il team di ricerca è riuscito a identificare la proteina CaprileSJ46 Come arma importante nella difesa dei batteri contro i fagi. Una volta che nuove particelle fagiche iniziano a essere prodotte in un batterio infetto, percepiscono la proteina che costituisce l’involucro fagico. La proteina attiva quindi il sistema di difesa suicida.

READ  Gli inverni più caldi a Västerbotten aumentano il rischio di peste suina

CaprileSJ46 Si compone di due parti. Uno agisce come un veleno e l’altro come un’antitossina che neutralizza il veleno. L’antitossina è ciò che mantiene lo “stato normale” nei batteri e tiene sotto controllo la tossina. Quando i batteri percepiscono una proteina fagica estranea sconosciuta, afferma Vasily Horiliuk, assistente professore all’Università di Lund, la tossina viene attivata, provocando l’arresto completo dei batteri e il suicidio, in modo che non rischino di essere colpiti da altri batteri.

Comprendere il sistema immunitario batterico e come combatte i batteri è fondamentale per progettare terapie batteriche.

Riduce l’infezione virale

La scoperta della difesa dei batteri inducibile dalle proteine ​​è entusiasmante per diversi motivi. Non solo abbiamo scoperto uno specifico meccanismo molecolare che fa sì che i batteri riconoscano un virus e ne limitino l’infezione, ma esiste la possibilità che ciò che abbiamo scoperto sia un modello generale che può essere applicato ad altri tipi di difesa antivirale, afferma Tatsuaki Kurata, un ricercatore post-dottorato presso l’Università di Lund e coautore dello studio.

In linea di principio, si potrebbe anche utilizzare il meccanismo appena scoperto per stimolare artificialmente i sistemi di suicidio e ingannare i patogeni batterici per spegnerli senza essere attaccati dai fagi.

– Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, sarà possibile progettare proteine ​​in grado di innescare il sistema suicida allo stesso modo delle proteine ​​fagiche. Gemma Atkinson, ricercatrice presso l’Università di Lund e coautrice dello studio, conclude che il campo di ricerca sui fagi è davvero molto interessante.

Editoria
Attivazione diretta del sistema immunitario innato batterico da parte di una proteina del capside virale
Natura, 16 novembre 2022, disponibile qui. doi.org/10.1038/s41586-022-05444-z

READ  Problemi alla tiroide? Primario di medicina ordinaria...

Contatto
Vasily Horiliuk è docente presso l’Università di LundTelefono: 0706090493, e-mail: [email protected]



—————–
Stampa Contatta la Facoltà di Medicina dell’Università di Lund
: Katrin Ståhl, 046-222 01 31, 0725-27 97 97, [email protected]

Lund University è stata fondata nel 1666. Ci sono 46.000 studenti e più di 8.400 dipendenti a Lund, Helsingborg e Malmö. Siamo uniti nella nostra ricerca per comprendere, spiegare e migliorare le condizioni del nostro mondo e della nostra gente. Lund University è stata più volte classificata come una delle 100 migliori università del mondo. Iscriviti alla nostra newsletter Apropå! Alcuni dei nostri 5.000 ricercatori commentano gli eventi attuali: https://www.lu.se/kategori/nyhetsbrevet-apropa

tag: