TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le persone doppie con HIV si ammalano più lentamente –

All’inizio degli anni ’80, la pandemia di HIV iniziò a diffondersi in tutto il mondo e, verso la metà del decennio, i primi casi di AIDS avanzato furono osservati nell’Africa occidentale.

Quindi è stato scoperto un nuovo tipo di virus. La prima variante è stata denominata HIV-1 e l’altra HIV-2. Le persone infette da HIV-2 sviluppano l’infezione e l’AIDS quasi allo stesso modo dell’HIV-1, ma il decorso della malattia nel tipo 2 richiede circa il doppio del tempo.

Sono state seguite 4.700 persone

L’HIV-2 ha avuto origine dalle scimmie nell’Africa occidentale ed è prevalente principalmente in Guinea-Bissau.

Una possibile spiegazione potrebbe essere la lunga guerra che in precedenza aveva devastato il paese, le trasfusioni di sangue, le ferite e l’aumento della diffusione delle infezioni che derivano dalla guerra, afferma Hans Norgren, ricercatore di malattie infettive presso l’Università di Lund.

Ha vissuto in Guinea-Bissau per alcuni anni all’inizio degli anni ’90 e poi, con altri, ha avviato uno studio su 4.700 persone. Queste persone sono state poi seguite per 20 anni.

L’HIV-2 è difficile da studiare

Circa il cinque percento dei partecipanti allo studio erano portatori di HIV-2 dall’inizio o si sono infettati durante lo studio. La malattia è difficile da studiare perché richiede molto tempo per svilupparsi. Anche la quantità di virus nel sangue è bassa.

Tuttavia, i ricercatori hanno avuto il tempo di acquisire una conoscenza dettagliata dei sintomi e del decorso della malattia prima che i farmaci antinfiammatori iniziassero a essere utilizzati in Guinea-Bissau a metà degli anni 2000. Tuttavia, quando si tratta di persone senza sintomi dell’HIV-2, le raccomandazioni non sono altrettanto chiare.

READ  Gli anticorpi post-corona persistono per almeno un anno e proteggono dalla variante delta

– Il fatto che ci sia voluto così tanto tempo è in parte dovuto al fatto che il tasso di mortalità per malattia è stato a lungo sottovalutato. Tuttavia, i nostri risultati mostrano chiaramente che quasi tutte le persone infettate dall’HIV-2 prima o poi sviluppano i sintomi della malattia.

La doppia infezione rallenta il decorso della malattia

Nei loro studi, i ricercatori hanno scoperto che esiste un meccanismo immunitario che rallenta il decorso della malattia. Succede se una persona diventa co-infettiva, cioè contrae entrambi i tipi di HIV.

“Poiché siamo stati in grado di seguire le persone con HIV-2 per più di due decenni, stiamo vedendo che coloro che prima si infettano con l’HIV-2 e poi si infettano con l’HIV-1 hanno una progressione più lenta della malattia rispetto a quelli che hanno solo l’HIV-1”, afferma Frederic Monson, ricercatore in malattie infettive cliniche presso l’Università di Lund.

– Potrebbe essere dovuto a una sorta di immunità incrociata che fa sì che ricevano determinati anticorpi e quindi un decorso più lieve della malattia.

Potrebbe contribuire a vaccini migliori

È chiaramente interessante, affermano i ricercatori, date le difficoltà nel trovare un vaccino efficace contro l’HIV. Nel corso degli anni sono usciti molti vaccini, ma la maggior parte sono stati enormi delusioni e nessuno ha un effetto protettivo del 30% contro le nuove infezioni.

“Se riusciamo a capire perché il rallentamento delle persone con doppia infezione potrebbe aiutare a sviluppare un vaccino più efficace”, afferma Frederic Manson.

L’HIV-2 sta diventando meno comune nell’Africa occidentale e in Svezia ci sono solo pochi casi. Anche quando si tratta di HIV-1, l’infezione locale in Svezia è bassa e ora esiste un controllo efficace attraverso il trattamento preventivo per i gruppi ad alto rischio. La maggior parte delle persone infette viene infettata all’esterno, attraverso il contatto sessuale.

READ  Sotto i 60 anni, sani e vaccinati contro il Corona virus? - Allora starai bene

L’HIV rimane con te per il resto della tua vita

Il virus dell’immunodeficienza umana, virus dell’immunodeficienza umana, è il cosiddetto retrovirus il cui genoma è integrato nel genoma umano. Pertanto, l’infezione da HIV non guarisce da sola, ma una persona con HIV porta il virus per il resto della sua vita. Il virus distrugge gradualmente il sistema immunitario del corpo, lasciandone uno vulnerabile ad altre infezioni. Senza trattamento, il corpo non può più combattere l’infezione e la persona sviluppa la sindrome da immunodeficienza acquisita o AIDS, la “sindrome da immunodeficienza acquisita”.

Oggi non esiste una cura per l’HIV, ma il moderno trattamento con farmaci anti-HIV consente di controllare efficacemente il virus e prevenire la progressione della malattia. Senza virus rilevabile nel sangue, non c’è più alcun rischio di trasmissione sessuale e la persona può condurre una vita normale.

L’HIV è suscettibile alla mutazione, il che significa sfide in termini di trattamento e che richiede una buona compliance, per prevenire lo sviluppo di resistenza. È anche un problema nello sviluppo dei vaccini poiché i vaccini preventivi devono coprire le diverse varianti dell’HIV che si presentano quando il virus si replica e muta nel vettore.

Fonte: Scienza e Salute

Questo è un articolo di Scienza e salute.