TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Diversi trattamenti CBT sono ugualmente efficaci contro la fibromialgia –

Diversi trattamenti CBT sono ugualmente efficaci contro la fibromialgia –

In Svezia, circa 200.000 persone convivono oggi con la fibromialgia. È una condizione dolorosa a lungo termine con dolore diffuso, affaticamento e rigidità in tutto il corpo.

Attualmente non esiste un trattamento curativo per la fibromialgia e i farmaci esistenti spesso non hanno un effetto sufficientemente buono.

Il trattamento con la terapia cognitivo comportamentale, CBT, ha dimostrato di avere qualche effetto. Ma non era chiaro quale forma di terapia cognitivo comportamentale avesse dato i migliori risultati.

Due diverse forme di terapia cognitivo comportamentale

Un nuovo studio ha ora confrontato due diverse forme di terapia cognitivo comportamentale basata su Internet per vedere come aiutano a ridurre i sintomi della fibromialgia.

Una di queste forme è chiamata terapia cognitivo comportamentale basata sull’esposizione. Ciò significa che il partecipante si avvicina sistematicamente e ripetutamente a situazioni o attività che in precedenza venivano evitate perché associate a dolore, disagio psicologico o sintomi come stanchezza e problemi cognitivi.

L’altra è la terapia cognitivo comportamentale tradizionale in cui il partecipante è in grado di lavorare con diverse strategie durante il trattamento. Ciò può includere il rilassamento, la pianificazione di attività, l’esercizio fisico, la gestione dei pensieri negativi e il miglioramento del sonno.

Risultati equivalenti

Nello studio, circa 270 persone affette da fibromialgia sono state assegnate in modo casuale a diversi trattamenti, che sono stati somministrati online. Tutti avevano contatti regolari con il proprio terapista.

Lo studio ha dimostrato che la terapia cognitivo comportamentale tradizionale era sostanzialmente equivalente alla nuova forma di trattamento, la terapia cognitivo comportamentale basata sull’esposizione. Ciò ha sorpreso i ricercatori.

Il risultato è stato sorprendente perché la nostra ipotesi, basata su ricerche precedenti, era che il nuovo formato basato sull’esposizione sarebbe stato più efficace. Il nostro studio dimostra che il formato tradizionale può dare risultati altrettanto buoni e contribuisce quindi alla discussione in questo campo, afferma Maria Hedmann Lagerlöf, psicologa e ricercatrice presso il Karolinska Institutet.

READ  Sempre più giovani cercano cure psichiatriche: 'numeri allarmanti'

Entrambi i trattamenti riducono i sintomi

I partecipanti dovevano rispondere a domande sulla loro salute e sui loro problemi prima, durante e dopo il trattamento. Dopo dieci settimane di trattamento, il 60% dei pazienti che hanno ricevuto la terapia cognitivo comportamentale basata sull’esposizione ha riferito che il trattamento li aveva aiutati. Tra i pazienti che hanno ricevuto la terapia cognitivo comportamentale tradizionale, il 59% ha riferito che il trattamento li ha aiutati.

Entrambi i trattamenti sono stati associati a una significativa riduzione dei sintomi e dell’impatto funzionale dei partecipanti e che gli effetti sono persistiti per dodici mesi dopo la fine del trattamento, suggerendo che Internet come forma terapeutica potrebbe essere di grande beneficio clinico per le persone. Con la fibromialgia, Maria Hedmann-Lagerlöf dice e continua:

– Questa è una buona notizia perché consente a più persone di ricevere cure.

Lo studio è una collaborazione tra il Karolinska Institutet e l’Università di Uppsala.

Studio scientifico:

Effetto della terapia cognitivo comportamentale basata sull’esposizione rispetto alla terapia cognitivo comportamentale convenzionale per la fibromialgia: uno studio controllato randomizzato in singolo cieco in due siti., Dolore.

comunicazione:

Maria Hedmann Lagerlöf è psicologa e ricercatrice abilitata
Centro per la ricerca psichiatrica presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet, [email protected]