TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Distruzione di milioni di opere d’arte nell’assalto al Congresso brasiliano

Il 1 gennaio, migliaia di sostenitori dell’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro hanno preso d’assalto la conferenza nella capitale, Brasilia. L’attacco è stato una protesta contro il giuramento del nuovo presidente del paese, Luiz Inacio Lula da Silva.

Quando i manifestanti sono entrati, diverse scene caotiche si sono svolte nel Palacío do Planalto (il posto di lavoro del presidente), nel Congresso e nella Corte Suprema. Tra l’altro, molte opere d’arte furono danneggiate.

Trovato arte che galleggia nell’acqua – al chiuso

Tra le opere danneggiate c’è “Mulattas” del 1962 dell’artista contemporaneo Emiliano Di Cavalcanti, in cui la tela è stata perforata. Secondo il governo, il dipinto vale l’equivalente di 15,6 milioni di corone svedesi.

Anche il dipinto di Jorge Eduardo “Bandera do Brasil” del 1995, che rappresenta la bandiera brasiliana, è stato danneggiato. L’opera è stata trovata galleggiante nell’acqua che ricopre il pavimento del Palacío do Planalto, a seguito di manifestanti che hanno vandalizzato gli idranti del palazzo.

Anche le sculture degli artisti Bruno Giorgi e Franz Krajkberg furono danneggiate.

1200 detenuti

La sede del governo brasiliano è considerata uno dei più grandi tesori di arte modernista del paese: quanto è stato distrutto ea quale costo è ancora oggetto di indagine.

Finora, più di 1.200 persone sono state arrestate sulla scia delle proteste, secondo il Ministero della Giustizia del paese.

READ  Il presidente ucraino Zelensky vuole incontrare Putin a Donbas