TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Disaccordo tra Gran Bretagna e Grecia sulle sculture antiche

È questa la domanda che avvelena i rapporti tra Londra e Atene dall’inizio del XIX secolo.

Quindi Lord Elgin, l’ambasciatore britannico presso l’Impero Ottomano, fece smontare una grande quantità di sculture in marmo del Partenone e di altri edifici sulla roccia dell’Acropoli di Atene. Finì al British Museum di Londra, dove è esposto ancora oggi sotto il nome di “Elgin Marbles”.

Dal 1835, la Grecia ha chiesto la restituzione delle sculture del Partenone ad Atene. La Gran Bretagna rivendica con la stessa forza di appartenere a Londra. 60 anni fa venne approvata una legge speciale che vietava esplicitamente il loro ritorno.

Per dimostrare la stabilità La questione della scultura è diventata una necessità per i politici di alto livello in entrambi i paesi.

Quindi era logico che Mitsotakis ne parlasse durante la sua visita a Londra questa settimana. Una volta lì, domenica, ha detto alla BBC che le sculture sono state “sostanzialmente rubate”, paragonando la collocazione del famoso fregio a Londra al “taglio in due della Gioconda”.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha risposto annullando un incontro programmato con Mitsotakis nella sua residenza al 10 di Downing Street. Quindi la reazione di Mitsotakis è stata “malcontento e risentimento”, che sono parole insolitamente dure tra i due paesi alleati.

In Gran Bretagna, la questione delle sculture in marmo greche divenne una questione politica interna scottante.

Foto: TT

Lo hanno riferito alla BBC fonti vicine a Sunak La parte greca aveva promesso che Mitsotakis non avrebbe preso le sculture Durante la sua visita a Londra. Ciò sembra improbabile, perché menzionarlo è quasi necessario per Mitsotakis per ragioni di politica interna.

L’incontro era comunque programmato Si sarebbe svolto senza alcuna conferenza stampa, poiché inevitabilmente sarebbero sorte domande sulle sculture.

Perché anche in Gran Bretagna questo tema è una questione politica interna scottante.

Sunak e il suo governo ritengono che le sculture appartengano al British Museum di quel periodo. A loro piace ritrarre il leader dell’opposizione, il laburista Keir Starmer, come qualcuno disposto a rinunciarvi e a consegnarli.

Starmer, che ha incontrato Mitsotakis lunedì, è sicuramente un po’ più disponibile a prestare i marmi di Elgin ad Atene. Ma non è pronto a cambiare definitivamente la legge che vieta la loro deportazione.

Il Partito Laburista, ampiamente in vantaggio nei sondaggi d’opinione In vista delle elezioni del prossimo anno, ovviamente, sta anche cercando di trarre vantaggio dall’annullamento dell’incontro di Downing Street.

Un portavoce del partito ha detto alla BBC: “Lottare con un alleato della NATO per alcuni titoli mostra quanto sia debole Rishi Sunak”.

Non c’è alcuna soluzione in vista a questo problema. Il British Museum suggerì che alcune sculture potessero essere prestate ad Atene, mentre altri manufatti avrebbero potuto essere prestati a Londra.

Le copie in gesso del Museo dell'Acropoli di Atene si riferiscono alle sculture i cui originali si trovano a Londra.

Foto: TT

Ma è difficile immaginare che la parte greca sia d’accordo su questo. Da parte britannica molti temono che le sculture, se prestate, non verranno mai restituite.

Un terzo delle statue del Partenone sono esposte al Museo dell’Acropoli di Atene. Le opere una volta installate da Lord Elgin sono evidenziate con spazi vuoti o riproduzioni in gesso.

fatti.Le incisioni hanno 2.500 anni

Le sculture del Partenone sono decorazioni e sculture del tempio del Partenone sull’acropoli di Atene, compreso un fregio che originariamente era lungo 160 metri.

Le sculture furono realizzate tra il 447 e il 432 a.C.

Tra il 1801 e il 1805, gran parte delle sculture furono smantellate per ordine del diplomatico britannico Lord Elgin, che era ambasciatore presso l’Impero Ottomano (a cui allora apparteneva Atene).

La posizione ufficiale greca, dal 1835, è stata che si trattasse di un furto. La posizione britannica è che Lord Elgin abbia ottenuto il permesso dalle autorità ottomane di rimuovere le sculture.

La collezione Elgin fu venduta nel 1816 al governo britannico e successivamente collocata nel British Museum come parte della mostra permanente. Quasi un terzo delle decorazioni si trova ad Atene, dove dal 2009 sono esposte nel Museo dell’Acropoli.

Per saperne di più:

Sunak: Il fregio del Partenone rimane a Londra

READ  Bill Granger è morto: il famoso chef aveva 54 anni