TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Differenza nel controllo del dolore in quelli con comportamento autolesionistico.

Differenza nel controllo del dolore in quelli con comportamento autolesionistico.

La maggior parte delle persone cerca di evitare il dolore. Tuttavia, alcuni, in particolare adolescenti e giovani adulti, a volte possono esporsi a danni fisici. Il comportamento autolesionistico è strettamente correlato ad altre malattie mentali, come ansia e depressione. Ma non tutti coloro che soffrono di queste condizioni sono autolesionisti.

Abbiamo a lungo cercato di capire cosa distingue gli individui dal comportamento autolesivo dagli altri e perché il dolore stesso non è sufficientemente deterrente per astenersi dall’autolesionismo. Studi precedenti hanno dimostrato che le persone che adottano comportamenti autolesionistici sono generalmente meno sensibili al dolore. Ma c’è stata una mancanza di conoscenza sui meccanismi dietro di loro, dice Karen Jensen, ricercatrice e capogruppo del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet.

sopportare più dolore

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato questi meccanismi confrontando la regolazione del dolore in 41 donne che si sono ferite almeno cinque volte nell’ultimo anno con 40 donne identiche senza comportamenti autolesionistici. Le donne di età compresa tra 18 e 35 anni sono state sottoposte a test del dolore in vitro in due occasioni presso l’ospedale universitario di Karolinska nel periodo 2019-2020. Durante i test convalidati, le donne hanno dovuto valutare l’esperienza del dolore durante la compressione transitoria e la stimolazione termica. I ricercatori hanno anche misurato l’attività cerebrale nello stato di dolore esaminando una telecamera magnetica.

Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che, in media, le donne che avevano comportamenti autolesionistici tolleravano livelli di dolore più elevati rispetto al gruppo di controllo. Allo stesso tempo, l’imaging cerebrale ha rivelato differenze nell’attivazione tra i gruppi. Rispetto ai soggetti di controllo, i ricercatori hanno trovato un legame tra le aree del cervello responsabili della stessa esperienza di dolore e le aree associate alla regolazione del dolore nelle donne che si impegnano in comportamenti autolesionistici.

READ  Scopri come si sviluppano le cellule tumorali possono fornire un trattamento migliore |

Un altro risultato dello studio è che la differenza nella regolazione del dolore non è influenzata da quanto tempo, quanto spesso o in che modo i partecipanti allo studio si sono autolesionisti.

La conoscenza può fornire un aiuto migliore

Il nostro studio indica che un’efficace regolazione centrale del dolore è un fattore di rischio per comportamenti autolesionistici. Contribuisce anche a una maggiore conoscenza delle differenze nel cervello delle persone con comportamenti autolesionistici, che possono essere utilizzate per sviluppare un aiuto migliore per coloro che cercano assistenza per autolesionarsi. Le nuove conoscenze possono essere utilizzate anche nelle conversazioni con i pazienti per aumentare la loro comprensione dell’insorgenza dell’autolesionismo e per stimolare il trattamento, afferma Maria Laloni, ricercatrice presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet.

Lo studio ha alcune limitazioni. Ad esempio, le donne con comportamenti autolesionistici hanno riportato comorbidità psichiatriche in misura maggiore rispetto al gruppo di controllo. Hanno anche preso più farmaci come antidepressivi, di cui i ricercatori hanno tenuto conto nell’analisi.

Materiale scientifico:

Aumento dell’inibizione del dolore e maggiore integrazione delle reti cerebrali che modificano il dolore nelle donne con comportamenti autolesionisticiE il Psichiatria Molecolare.

Contatto:

Maria Lalouni, Ricercatrice, Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, [email protected]

Karin Jensen, Ricercatrice e Group Leader, Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, [email protected]