TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dare più spazio nella società al diabete di tipo 1

Dare più spazio nella società al diabete di tipo 1

Una teoria che i ricercatori stanno attualmente studiando è la capacità di convertire le cellule staminali in cellule che secernono insulina situate nel pancreas. Nel podcast Diabeteslab, il ricercatore Per Ola Karlsson dell’Università di Uppsala è stato intervistato sulla nuova ricerca. Spiega che le cellule staminali prelevate dal corpo sono essenzialmente cellule neutre e non hanno alcuna funzione speciale. Per riprogrammare le cellule, gli enzimi vengono utilizzati come forbici per tagliare e incollare un filamento di DNA dal nucleo della cellula. Se questo processo ha successo e la cellula diventa una cellula che secerne insulina, ci sono ancora alcuni criteri che devono essere soddisfatti. La cellula deve produrre abbastanza insulina, essere sicura per la persona che la riceve e avere una via d’uscita sicura dal corpo se qualcosa va storto. L’errore potrebbe essere, ad esempio, che il sistema immunitario vede la nuova cellula come un invasore e cerca di distruggerla, oppure che la cellula mutante smette di funzionare o inizia a funzionare troppo bene e produce troppa insulina.

Questa idea non è fondamentalmente nuova, ma il nuovo approccio alla ricerca lo è. All’inizio degli anni 2000, a una ragazza svedese affetta dalla malattia incredibilmente difficile da controllare DT1 fu chiesto se voleva provare un trattamento completamente nuovo. Trapianto di cellule secernenti insulina da una persona deceduta. Il trattamento iniziò bene e la produzione di insulina riprese, ma solo per un breve periodo. Dopo circa un mese l’effetto della cellula trapiantata cominciò a diminuire. Quindi i medici decisero di aggiungere altre cellule secernenti insulina di un altro defunto. Anche questa volta l’influenza della cellula ha cominciato a diminuire nel tempo. Il paziente ha ricevuto una dose finale di cellule trapiantate, ma anche questa volta l’effetto è stato attenuato. Non solo, ma il paziente ha dovuto assumere forti farmaci immunosoppressori per ridurre il rischio che il sistema immunitario rigettasse le cellule trapiantate. Gli effetti collaterali di questi potenti farmaci includono insufficienza renale e cancro.

READ  I vulcani hanno acceso la scintilla della vita | illvet.se

Per Ola Karlsson ci dice che ora che è possibile convertire le cellule staminali in cellule che secernono insulina, per avere un trattamento già pronto bisogna abbandonare solo i farmaci immunosoppressori. Con il giusto sostegno finanziario, vede una cura entro 5-10 anni.

Barndiabetesfonden.se scrive della visione del ricercatore Jonny Ludvigsson secondo cui una cura per DT1 sarà realistica nel 2040 se saranno disponibili le giuste risorse. Spiega come la mancanza di risorse derivi dalla mancanza di impegno di una comunità, che può derivare da una mancanza di conoscenza della malattia. Quando arrivò il coronavirus, diversi miliardi di corone furono stanziati per la ricerca e poi produssero con successo un vaccino in poco meno di un anno. La comunità si è resa conto che il Corona rappresentava una minaccia e poi all’improvviso le risorse sono arrivate. Ludvigsson spiega anche come la Scandinavia abbia le migliori condizioni al mondo per la ricerca sul diabete di tipo 1 perché lì la malattia è più comune. Un altro fattore che rende la Scandinavia la migliore per la ricerca è l’accesso alla buona medicina.

Essendo diabetico di tipo 1, cammino ogni giorno sperando in una cura. Quando sento che una cura potrebbe diventare realtà entro il prossimo decennio, mi sento fiducioso. Il sogno che ho avuto negli ultimi anni potrebbe realizzarsi se fossero disponibili le risorse, che attualmente non esistono. È stato dimostrato più e più volte che oggi quasi tutto è possibile nella ricerca se si dispone della giusta quantità di denaro. Alcuni anni fa solo poche persone guarivano dal cancro, oggi invece ci sono alcuni tipi di cancro in cui circa il 90% di tutte le persone infette guarisce. Questo grazie alla ricerca. Ora tocca al diabete attirare l’attenzione della società. Il diabete è una malattia che richiede un controllo costante per evitare situazioni pericolose per la vita. Tale stress esercita un’enorme pressione su chi ne soffre e anche su coloro che lo circondano. Non riesco a ricordare una notte in cui io, mia madre e mio padre siamo riusciti a dormire tutta la notte senza doverci svegliare perché le mie condizioni erano alte o basse.

READ  Gli scienziati sperano di eliminare completamente il cancro associato all’HPV

Il diabete di tipo 1 dovrebbe avere un posto maggiore nella società perché attualmente è una malattia incurabile e pericolosa per la vita che colpisce il 4-5% della popolazione svedese. Ma per ogni persona che contrae la malattia, almeno un numero simile sarà affetto in qualche modo dalla malattia. Gli scienziati ritengono che una cura sarà possibile entro i prossimi anni se si riusciranno a raccogliere più soldi per la ricerca. Credo che per raccogliere più soldi sia necessaria più conoscenza per la comunità. Faccio la mia parte cercando di diffondere la conoscenza della malattia ovunque possibile. Il mio sogno è che questa malattia abbia una cura, non solo a mio vantaggio ma per tutti i pazienti e i loro cari che vivono con la consapevolezza che un passo sbagliato potrebbe significare la fine.