TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dalla panchina in Spagna – al sogno a Napoli

Sejde Abrahamsson ha giocato i suoi primi anni a livello professionale al KIF Orebro. L’ho portata ad Hammarby dove c’erano due stagioni. Dopo un 2017 di successo, il 2018 si è concluso in modo molto più pesante. Hammarby è stato eliminato e nell’ultima partita della stagione, Abrahamson ha reciso il legamento crociato. È stata anche la sua ultima partita al club, ma vuole ricordarla con affetto, ha detto.

– Il tempo ad Hammarby è stato meraviglioso. Ho sviluppato molto lì ed è stata una delle migliori stagioni della mia carriera. È finita con un peccato che siamo usciti e si è rotto il legamento crociato, ma è stato un periodo fantastico.

Quindi Abrahamson tornò a casa sua a KIF Orebro. Ha completato la sua riabilitazione al club e ha giocato lì nell’autunno del 2019. Örebro è ancora descritto come a casa.

– E’ come essere a casa per me. Sono lì per incontrare la famiglia di tanto in tanto e alcune delle ragazze con cui ho giocato in squadra. È una sicurezza che esiste.

Riesci a vederti tornare al KIF Örebro o all’Hammarby?
– Non dovresti mai dire “no”, non sai cosa accadrà in futuro.

Dopo la stagione 2020, trascorsa a Petio, è iniziata la carriera all’estero di Abrahamson. È stato un trasferimento nel grande club del Siviglia durante l’inverno. Tempo di tutorial, anche se non impeccabile.

– Tutto è andato così velocemente quell’inverno quando ho finito Siviglia. Ci sono arrivato quando hanno giocato metà stagione. Lì il ritmo era alto. Era più tecnico e meno lungo, rispetto a come avrebbe potuto essere in Svezia. Avevo un vantaggio fisico che sentivo però. È stato un periodo educativo.

READ  La Croazia ha pareggiato con la Repubblica Ceca negli Europei di calcio

Non c’era molto tempo per giocare e sono già andato per l’estate. perché?
Il tempo di gioco non era buono e non volevo prolungare il contratto. Anch’io ho avuto un problema con un infortunio che non è andato via. Colpì tutta la primavera.

Allora il Napoli ha mostrato interesse?
– Esattamente. Ho sempre seguito il calcio italiano quindi è stato un sogno che si avvera. È anche una bella vita oltre al calcio.

Il campionato italiano ha giocato tre turni della stagione. Il Napoli parte difficile con due grandi sconfitte contro l’Inter, prima e poi con la Roma. Tuttavia, i primi tre punti sono arrivati ​​domenica, quando hanno sconfitto la Fiorentina per 1-0.

Abbiamo giocato due partite difficili contro due buone squadre. Abbiamo preso tanti gol ma pensavo che stessimo migliorando sempre. Contro la Fiorentina abbiamo fatto la partita sin dall’inizio e abbiamo giocato bene. Abbiamo vinto quella partita in modo equo. In realtà siamo una nuova squadra che gioca insieme. Sempre meglio.

Sei molto svedese in serie A, hai contatti con qualcuno?
– Si Alcuni. Io e Jonah Dahlberg di solito ascoltiamo molto. Anche lei è di Örebro.

Abrahamson ha giocato ogni minuto durante la partita di campionato di quest’anno. Dopo la sosta della Nazionale, ci aspettano Hellas Verona contro gli amici Jonah Dahlberg e Sarah Nelson.