TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Critiche alla decisione di Tre Kronor di consentire ai giocatori della KHL

La Swedish Basketball Association ha recentemente deciso di sospendere la stella Jonas Jeribko dalla nazionale da quando ha firmato per il CSKA Mosca nel bel mezzo della guerra.

Ma i giocatori svedesi del KHL sono i benvenuti al Tre Kronor, a patto che il loro contratto sia stato firmato prima che la Russia invadesse l’Ucraina il 24 febbraio. Quindi potrebbero rappresentare la Svezia ai Mondiali di maggio.

– Ovviamente ne abbiamo discusso. Dal nostro punto di vista, c’è una differenza nell’ottenere un accordo prima che avvenga, allora non lo sapevano, ha detto il segretario generale della Federazione di hockey su ghiaccio Johann Stark.

– Idealmente, vediamo, ovviamente, che nessun giocatore svedese sta giocando in Russia ora, continua.

Lasse Granqvist, commentatore esperto di TV4/Cmore, è critico. Nel podcast Sporthuset, afferma che la Ice Hockey League dovrebbe occuparsi della questione.

Per TT, sviluppa la sua logica:

– Lo sport ha preso una posizione forte quando la Russia è stata esclusa, ma non credo che sia sufficiente per metterci fine, dice.

Appartiene a un totale di 35 svedesi Club KHL in questa stagione, ma non tutti hanno dovuto decidere se rimanere o meno nel Paese, perché la serie principale si è conclusa prima dell’inizio della guerra.

Piuttosto che prendere una decisione che si applica a tutti i giocatori della KHL, Lasse Granqvist crede che l’associazione di hockey su ghiaccio dovrebbe prenderla a livello individuale.

– Chiedi a ogni giocatore cosa pensa della guerra di invasione russa in Ucraina, chiedigli questa domanda, ascolta quello che dice e poi prendi posizione. Se non ne sanno abbastanza: invia le informazioni e poi chiedi di nuovo.

READ  Amanda Sokolnicki: Ora vogliono che dimentichiamo come i nazionalisti si sono accovacciati per Putin

Granqvist continua:

– Poi c’è un’altra parte, potrebbero esserci problemi per la partenza dei giocatori, motivo per cui devi parlare con loro. Dire collettivamente che i giocatori che hanno preso accordi prima del 24 febbraio sono idonei senza porre la domanda, non è assumersi la responsabilità.

Gli accordi sono un problema che secondo Johann Stark rende difficile escludere automaticamente i giocatori KHL da Tre Kronor. La rottura del contratto può causare problemi al giocatore.

– Ci sono diversi casi. Se sono responsabili dei danni e se possono permetterselo, e se riescono a trovare un nuovo lavoro, dice Stark.

Sistema operativo router Lucas Wallmark È uno degli svedesi che si sono trasferiti in patria dalla Russia. Lui e Joachim Nordström hanno risolto il contratto con il CSKA Mosca.

Questa settimana, Wallmark ha fatto parte del team Tre Kronor che ha incontrato la Norvegia in due allenamenti internazionali. Adam Redburn e Klaas Dalibik hanno scelto di rimanere al CSKA, che era in semifinale dei playoff del KHL.

E non erano soli.

In un’intervista a esprimere La scelta di restare è stata fatta con tutti i giocatori stranieri, dice Matthias Tidenby, attaccante bielorusso della Dinamo Minsk.

– Sentivamo tutti che si sentiva molto calmo e che non volevi nemmeno lasciare la squadra con cui hai giocato per un’intera stagione, ha detto Tidenby al giornale.

Lasse Granqvist dice che tutti i giocatori hanno il diritto di decidere dove vogliono giocare. Allo stesso tempo, confronta le sanzioni imposte alle società e ai privati ​​russi.

Le sanzioni non significano affari con la Russia. Se sei là fuori e giochi, dovresti considerarlo un rapporto d’affari. Poi non importa molto quando è iniziata la guerra, dice.

READ  Le lacrime hanno lasciato Osaka: "bullismo"