TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crisi di Sannex in pandemia: “Le gambe sono completamente fuori”

Pubblicato:

Volentieri

L’epidemia ha avuto conseguenze disastrose per l’industria delle compagnie di ballo.

Andreas Olson dei Sannex è scettico riguardo al futuro e non pensa che la band avrà tanti concerti come prima.

– Allora sarai una band part-time ei membri della band dovranno lavorare con qualcos’altro.

Quando la pandemia ha colpito in pieno, alcune industrie sono state colpite più di altre. L’industria della ristorazione sta diventando dura, ma agli artisti e all’intera industria dell’intrattenimento è stato in gran parte vietato di fare affari.

Ora le restrizioni si stanno allentando a poco a poco dopo un anno di concerti e concerti cancellati.

Andreas Olson Chi è il leader della compagnia di danza Sannex descrive l’anno come catastrofico.

– Le gambe hanno bussato completamente. Non ho inviato una fattura da più di un anno. Le compagnie di danza sono spesso imprenditori e società per azioni con dipendenti. Se hai dipendenti e non entri in poche ore, è difficile “sbarazzarsi” dei tuoi dipendenti. Ovviamente non lo vuoi, ma costa anche denaro.

Andreas Olson e Sannix.

Foto: KARIN TÖRNBLOM / TT

Andreas Olson e Sannix.

Sebbene Andreas Olsson sia felice che la vita stia generalmente tornando alla normalità, non vede un futuro molto brillante quando si tratta di creare compagnie di danza.

Il ballo potrebbe essere l’ultima cosa per iniziare. Se gli organizzatori non possono ballare, non hanno niente da fare. I nostri organizzatori non hanno abbastanza immaginazione per portarci lì e mettere 150 sedie sulla pista da ballo e servire salsicce e birra.

Anche se possiamo fare uno o due, dobbiamo avere la nostra infrastruttura affinché funzioni. L’unica cosa un po ‘fortunata è che ci siamo espansi e ora stiamo anche suonando per il pubblico che ascolta e si siede. Ma l’economia per noi dipende da 500 persone che vengono a ballare 3-4 volte a settimana. Se hai una band per hobby, puoi suonarla perché è divertente, ma è quello su cui viviamo.

READ  "Stai lontano da Los Angeles, sei così stupido."

Pensi di poter contare sulla musica in futuro come lavoro a tempo pieno?

– No. Abbiamo bisogno di 130 veicoli e all’altezza dello standard di cui abbiamo bisogno. Non credo che saremo in grado di suonare così tanto in futuro, dopodiché la band diventerà una band part-time ei membri della band dovranno lavorare su qualcos’altro. In tal caso, devono avere un lavoro che dice al loro capo che devono improvvisamente scappare e giocare.

Foto: JIMMY WIXTRÖM

Andreas Olson & Sannix al Melody Festival.

La scena vivente è cambiata per sempre?

– La cultura e gli spettacoli saranno sicuramente più grandi che mai, ma penso che il ballo sarà molto difficile. È molto deprimente.

Jan Johansen, vincitore del Melodifestival, ha pensato che tutto sembrava migliorare quando la pandemia ha cambiato tutti i suoi piani.

La mia carriera è andata dritta: ho prenotato il Vasateatern al mio spettacolo per l’anniversario l’anno scorso e sono passati 25 anni da quando ho vinto il Melodifestivalen con “Look at me”. Ora spero che la miseria sia sufficiente e che tutto torni alla normalità. Ho alcuni concerti che ho prenotato quest’estate non appena iniziano a bollire di nuovo come al solito. Vedere la luce nel tunnel sembra incredibile.

Non si è seduto fermo e ha rotolato il pollice durante la frattura involontaria. Invece, ha scelto di lavorare come insegnante di musica.

Sono rimasto seduto per un anno aspettando che le cose accadessero. Non sapevo cosa fare. Ma poi qualcuno che conoscevo su Facebook mi ha chiesto se qualcuno poteva prendere il suo posto in una scuola a Järfälla. Ho risposto immediatamente e ho capito. Adesso lavoro cinque giorni alla settimana, tre giorni a Järfälla e due giorni ad Almunge fino alle vacanze estive.

READ  Parkroth: "Un fantastico compagno di squadra che è morto molto presto".

Anche se la sua carriera ricomincia, ha in programma di fare gli straordinari anche in futuro.

Anche se diventasse di nuovo normale, probabilmente lavorerò comunque come insegnante di musica in qualche modo, è divertente. È apprezzato e penso sia divertente, è un divertente cambiamento nella mia vita.


Pubblicato: