TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Covid-19 comporta seri rischi durante la gravidanza

L’infezione da Covid-19 durante la gravidanza aumenta i rischi per la salute sia della donna che del bambino. Un nuovo studio lo dimostra Il mondo dei prodotti farmaceutici Rapporti su.

Un nuovo studio mostra che la cattura di COVID-19 durante la gravidanza può avere conseguenze disastrose sia per la madre che per il bambino. Galleria fotografica.immagine: Kristen Olson / TT

Le donne incinte erano precedentemente note per essere più vulnerabili alle epidemie di malattie infettive. La debolezza è dovuta, tra le altre cose, ai normali cambiamenti del sistema immunitario durante la gravidanza.

Alcuni studi più piccoli hanno precedentemente dimostrato che COVID-19 sembra anche essere una seria minaccia per la salute delle donne in gravidanza. Ciò è ora confermato da un nuovo studio condotto in 43 cliniche in 18 paesi in diverse parti del mondo e pubblicato sull’American Journal of Pediatrics Gamma.

Hanno partecipato un totale di 706 donne incinte con covid-19 e 1.424 donne incinte senza virus covid. I risultati mostrano che le donne incinte con covid-19 sono chiaramente a rischio di sviluppare tossicità durante la gravidanza (rischio maggiore del 76%) e di infezioni che richiedono antibiotici (rischio maggiore di poco più del 300%).

Poco più dell’8% delle donne incinte con COVID-19 necessitava di cure intensive, rispetto a meno del 2% delle donne non infette. I tassi di mortalità tra questi due gruppi di donne erano rispettivamente dell’1,6 e dello 0,1%.

Il taglio cesareo e il parto prematuro erano significativamente più comuni tra i soggetti infettati dal virus, così come il travaglio prematuro e il basso peso nei bambini le cui madri avevano contratto il virus Covid-19.

READ  Meno vaccinazioni nelle aree ad alto rischio - raddoppiate | Corona virus

Anche quando le donne incinte con COVID-19 erano prive di sintomi, c’era un aumento del rischio per loro e per i loro bambini, ma non nella stessa misura di quando la madre stava manifestando i sintomi.

Il risultato più soddisfacente è stato che solo il 12% dei figli di donne sieropositive ha contratto il virus. Nessun bambino è stato infettato dall’allattamento al seno.