TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Corona Controls – Un rapporto Docma per il nostro tempo

“Party” di Thomas Winterberg. “The Idiots” di Lars von Trier e “The Beginning for the Italians” di Lon Shrefic. Conoscevi i famosi film danesi della metà degli anni ’90?

Hanno tutti una cosa in comune: il rapporto DocMay. Il contesto è il seguente: nel 1995, quattro noti registi dall’altra parte dello stretto hanno ricevuto un’opinione generale. Lars von Trier, Thomas Winterberg, Christian Levering e Soren Crock-Jacobsen volevano tutti esporre se stessi – e il loro cinema – a restrizioni e restrizioni.

L’idea è sperimentale quanto i quattro autori del film vincitore dell’Oscar di Winterberg “Another Round”. I direttori hanno concordato dieci regole che dovrebbero seguire come schiavi. Volevano verificare se la storia e la recitazione potevano essere evidenziate in questo modo. Tutte le stravaganze cinematografiche e le sfumature tecniche sono state ridotte contemporaneamente.

Si consideravano monaci che avevano giurato castità al servizio del film.

Le regole erano rigide come i comandamenti di Dio:

La sparatoria doveva svolgersi presso il sito. Nessun oggetto di scena o scenario consentito.

Nessun rumore diverso da quello registrato in loco è ammesso. È consentita solo la musica eseguita direttamente durante la registrazione, ad esempio una banda o un coro.

La fotocamera è portatile.

Non sono ammesse luci ad eccezione di una semplice lampadina attaccata alla telecamera.

Non sono ammessi filtri ottici.

Non sono consentite attività non necessarie. Assassinio e armi da fuoco furono banditi.

Il film avrebbe dovuto svolgersi qui e ora, e non è stato permesso di deviare dalla realtà nel tempo o nella geografia.

I film di categoria sono stati banditi.

Formato immagine 35 mm.

Il regista non verrà accreditato.

Bene, ora sappiamo tutti come è andato l’ultimo punto. Praticamente anche i film da 35 mm sono un ricordo del passato e questo tipo di film vive del tempo stabilito dall’etichetta dei servizi di streaming.

Ai tempi di Coronan come regista era giunto il momento non solo di riflettere le restrizioni, ma anche di essere motivato da esse.

Altri punti ci fanno pensare di più alle registrazioni di film durante le epidemie. Qui e ora, durante l ‘”esperimento svedese”. Un anno cinematografico caratterizzato da restrizioni e restrizioni, prove rapide e soluzioni di registrazione creative con alcuni in un campus esistente. Naturalmente, non ci sono dubbi sulle stravaganze geografiche, tranne che il tuo nome è Ruben Austland e hai noleggiato costose barche di lusso da Jackie Kennedy-Onassis. Khan è un tipo di film gonfio e toccato da una bomba. Il film Corona che ho visto finora parla di depressione – o rabbia – documentari e drammi claustrofobici. I monitor diffondono la loro luce abbagliante su volti ansiosi e frustrati, come “Orca” di Josephine Bournemouth.

READ  L'età dell'oro di Jorginho: vincere la Champions League e gli Europei

La fantasia sembra essersi presa una vacanza.

Invece, i protagonisti (per lo più più anziani) parlano in modo immersivo-realistico della loro Corona tramite lettera o zoom. I film sono schermi che visualizzano i monitor. Sbadiglio.

Il DocMay Manifesto ha ispirato registi di tutto il mondo per quasi trent’anni. Ci ha regalato film come “Mifoon’s Last Song”, “Crimes”, “Love You Forever” e “Julian Donkey-Boy”. Quindi, come regista durante il periodo dell’incoronazione, c’è più tempo non solo per riflettere le restrizioni, ma anche per essere motivato da esse.

Maria Dommellaf Wick Leggi di più:

leggi di più: Il coronavirus aggrava la già profonda crisi del film svedese

leggi di più: Recensione: “Deve essere il paradiso”

leggi di più: Godzilla e King Kong: possono salvare i cinema?

G.P. Non perdere nulla da Kultur!

Puoi ricevere tutte le nostre notizie culturali, rapporti, discussioni e recensioni direttamente sul tuo telefono sotto forma di breve avviso facendo clic sul pulsante segui accanto al tag culturale. Sul cellulare puoi trovarlo in fondo all’articolo e in alto a destra dell’articolo.