TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Contenuto minimo di corona nelle acque reflue in quattro mesi



Il livello di coronavirus nelle acque reflue di Göteborg è diminuito drasticamente e ora è il più basso in quattro mesi. Ciò è dimostrato dalle ultime misurazioni e analisi dell’Università di Göteborg.

La quarta ondata di pandemia è stata la più estesa finora durante la pandemia di Corona. In sedici misurazioni settimanali consecutive, il livello di sars-cov-2 nelle acque reflue di Göteborg era a livelli corrispondenti ai picchi della precedente ondata di pandemia, o superiori.

Il picco è iniziato nei campioni d’acqua prelevati alla settimana 50, dal 13 al 19 dicembre 2021, seguito da un picco nei campioni dalla settimana 2, dal 10 al 16 gennaio 2022. Da allora il livello del coronavirus è leggermente diminuito ma continua a fluttuare a livelli elevati livelli.

Nell’attuale indagine, che si basa su campioni prelevati durante la quindicesima settimana, dall’11 al 17 aprile, è invece diminuita in modo significativo. Certo, non si possono dare garanzie per le prossime settimane, ma Helen Norder, la responsabile della ricerca e microbiologa, è palpabile.

Infine, sembra dare. Abbiamo visto il valore più basso per sars-cov-2 da molto tempo ormai, dice, e continua:

– Può essere perché il tempo sta iniziando a salire e il virus segue la sua variazione stagionale, come è successo nel 2021 quando la quantità di virus è stata bassa da fine aprile a dicembre. Si spera che non si sviluppi nessuna nuova specie che possa causare malattie gravi, ma in futuro il virus si diffonderà come il comune virus del raffreddore.

Le indagini sars-cov-2 sulle acque reflue di Göteborg sono in corso da febbraio 2020. Sono condotte da un gruppo di ricerca presso l’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg in collaborazione con il comune Gryaab, che gestisce le acque reflue di Göteborg con i comuni circostanti.

READ  Il diabete di tipo 2 si cura meglio in tempo -

Ogni settimana l’azienda assiste i ricercatori con un campione dei campioni di acque reflue raccolti quotidianamente. Il gruppo, che quindi misura e analizza i campioni, riferisce direttamente ai centri di controllo delle infezioni e agli operatori sanitari di Västra Götaland.

Il corona virus nelle acque reflue indica la presenza di virus e malattie nella comunità. Tuttavia, l’associazione tra i virus nelle acque reflue e la percentuale di persone in condizioni critiche è gradualmente diminuita man mano che la protezione dalla vaccinazione è aumentata.

Oltre a sars-cov-2, è allo studio il contenuto di norovirus GG2, che causa il vomito invernale. Secondo i risultati attuali, il livello di norovirus sta diminuendo per la quarta settimana consecutiva, uno sviluppo che segue la normale variazione stagionale.

Il livello di enterovirus fluttua a un livello relativamente alto. L’enterovirus può causare una vasta gamma di sintomi, dal comune raffreddore alla pericardite, alla meningite e alla paralisi. Tuttavia, la maggior parte manifesta sintomi lievi.

Contatto: Helen Norder, tel. 0702 79 19 99 E-mail [email protected]Accessibile il mercoledì fino alle 22:30
ImmaginiHelen Norder (Foto: Elaine Lindstrom)



Margherita Gustafsson Cobesta
Chiamata addetto stampa
Accademia Sahlgrenska presso l’Università di Göteborg
Telefono. 0705 30 19 80

E-mail [email protected]

L’Accademia Sahlgrenska è la scuola di medicina dell’Università di Göteborg Istruzione e ricerca in medicina, odontoiatria e scienze della cura, www.gu.se/sahlgrenska-akademin