TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come un martello può migliorare le tue abilità linguistiche

La percezione accettata che la nostra abilità linguistica sia legata a regioni specializzate del cervello è cambiata negli ultimi anni. Ora sappiamo che esiste una relazione tra la capacità di comprendere la sintassi complessa e la capacità motoria fine di manipolare gli strumenti. Entrambe le capacità sono controllate dalle cellule dei gangli della base.

cipolla nervosa

Una funzione importante dei gangli della base è l’inizio e la fine dei movimenti. I gangli della base controllano anche i movimenti inconsci come la contrazione dei muscoli scheletrici, un esempio dei quali è l’oscillazione del braccio quando si cammina. I gangli della base sono importanti anche nei processi di coscienza, memoria, pianificazione e modulazione delle emozioni.

Fonte: Wikipedia

Ricercatore presso Karolinska Institutet e Università di Göteborg in collaborazione con Centro di ricerca neuroscientifica di Lione, INSERMe l’Università di Lione in Francia, per la prima volta siamo stati in grado di descrivere questa relazione attraverso misurazioni comportamentali e imaging cerebrale con una fotocamera per risonanza magnetica.

Lo studio è stato condotto in Francia e i partecipanti sono stati divisi in tre gruppi con 26 persone in ciascun gruppo, poiché due erano i gruppi di controllo.

Attiva le ghiandole basali

Durante l’esercizio motorio, i partecipanti avrebbero inserito dei bastoncini di legno in fori irregolari utilizzando un paio di pinze lunghe 30 cm. Gli esercizi di lingua consistevano nel rispondere a frasi grammaticalmente complesse. L’attività cerebrale dei partecipanti è stata misurata in tutte le fasi.

“È interessante notare che siamo stati in grado di dimostrare che la manipolazione degli strumenti e gli esercizi grammaticali attivano lo stesso gruppo di neuroni nel cervello, i cosiddetti gangli della base, che sono coinvolti nei movimenti volontari”, afferma Claudio Bruzzoli, ricercatore presso Inserm e associato ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze, Neurobiologia, Cura e Scienze della Società, Karolinska Institutet.

READ  Lascia che i centri sanitari indaghino sull'ADHD e l'autismo

Nella fase successiva, i ricercatori hanno studiato se l’allenamento di una capacità potesse migliorare l’altra. Cioè, se l’uso delle pinze migliora anche la capacità di comprendere frasi grammaticalmente complesse.

Ora i partecipanti hanno svolto l’esercizio di lingua prima e dopo 30 minuti di allenamento motorio con il forcipe. Uno dei gruppi di controllo ha svolto i propri esercizi motori senza ausili, mentre un altro gruppo no.

Risultati migliori dopo gli allenamenti cinetici

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno eseguito esercizi motori fini con le pinze hanno ottenuto risultati migliori con le regole impegnative. I gruppi di controllo non hanno migliorato i loro risultati nelle componenti linguistiche.

Inoltre, i risultati hanno mostrato che gli esercizi di comprensione grammaticale hanno migliorato l’uso motorio dello strumento.

I ricercatori stanno ora discutendo su come trasferire i risultati all’uso clinico.

Stiamo sviluppando un protocollo per la riabilitazione e il miglioramento delle capacità linguistiche per pazienti con capacità motorie relativamente conservate, come adolescenti con disturbi dello sviluppo del linguaggio. Oltre a queste importanti possibilità, i risultati forniscono informazioni su come il linguaggio si è evoluto nel corso della storia umana. L’uso di strumenti da parte dei nostri lontani antenati potrebbe aver comportato requisiti cognitivi che hanno contribuito alla maggiore accuratezza della lingua scritta e parlata, afferma Claudio Bruzzoli.

Materiale scientifico:

Uso degli strumenti e linguaggio nei processi grammaticali e nei pattern neurali nei gangli della base. (Simon Thibault, Raphael Bey, Angelo Mattia Gervasi, Romeo Salmi, Eric Kohn, Martin Lofden, Veronique Bollinger, Alice C Roy, Claudio Bruzzoli), Scienza.

Chiamata:

Claudio Brozzoli, Ricercatore presso il Dipartimento di Neurobiologia, Cura e Scienze della Comunità, Karolinska Institutet, [email protected]

READ  The Lancet: uno studio sociale in Israele mostra che la doppia dose di vaccino Pfizer fornisce una protezione del 95% | Straniero

margine:

La ricerca è stata finanziata dal Consiglio svedese della ricerca, ANR (Agenzia nazionale per la ricerca) e LabEx ASLAN.