TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come si dovrebbe chiamare il vino? Lotta alla bolla nell’UE

Nel piccolo villaggio di Reben, principalmente in Slovenia ma in Italia, l’enologo Milos Schabar mostra il suo conforto quando visita l’agenzia di stampa AP.

Qui si produce vino leggermente frizzante, con un nome che ricorda uno relativamente sconosciuto, ma molto popolare.

La domanda è cosa può venderlo.

– Il vino Proseker è originale perché è nato 300 anni prima del Prosecco, dice Skaber.

Tuttavia, l’organizzazione di produttori Prosecco DOC è rimasta fedele al suo nome e non ha voluto fare confusione.

– Il problema è che questi piccoli produttori, che producono solo un piccolo numero di bottiglie, entreranno nel mercato, ma il manager Luca Kiawi dice ad AP che è un casino che colpisce i consumatori.

Farina e vodka

Quando si tratta di bevande e cibo in Europa, la questione di cosa dovrebbe essere chiamato costantemente sensibile.

È molto famoso come i produttori di champagne in Francia abbiano fatto un primo passo nel proteggere il loro prodotto dalla concorrenza di copie a basso costo prodotte altrove.

All’interno dell’UE, esiste attualmente una lunga lista di bevande e piatti locali e regionali ben conservati: di tutto, dalla farina su misura di Värmland al salame ungherese di Szeged e alla vodka finlandese.

Il Proseccon è stato conservato nel 2009 e ora può essere prodotto solo in nove province italiane, e deve essere un vino brillante, fatto con almeno l’85% di glassa d’uva.

Ferrari rubata?

Tuttavia, la vicina Croazia si è opposta. Oltre al Prosecco e al Prosicar, prodotti da Milos Scarbor, c’è un vino chiamato Prosecco, che ha radici nella stessa zona.

Per la seconda volta, la Croazia sta ora cercando la protezione dell’UE, nonostante la grande rabbia italiana.

READ  Le parole oneste di Jenny Alversjo sulla sua relazione sconosciuta con lo chef stellato - dopo un periodo difficile: "Eric era ..."

– Stanno rubando un marchio importante al nostro Paese! Come se ci strappassero la nostra Ferrari! Secondo Reuters, il governatore regionale del Veneto Luca Jaya ha parlato a settembre.

Tuttavia, i produttori di Prosek non sono d’accordo.

– Se chiedi a uno straniero oa un anglofono, spero che il 99 percento delle persone capisca che si tratta di due parole diverse. E il Prosek è come un vino santo (vino dolce italiano dolce), mentre il Prosecco è come il vino bianco con l’acqua delle bollicine, ha detto quest’estate il produttore di Prosek Ivo Djokovic al quotidiano britannico The Guardian.

Decisioni prese nell’Unione Europea

La questione è ora in attesa di una decisione da parte della Commissione Europea.

Il commissario per l’agricoltura Janusz Wojciechowski ha affermato che due nomi identici potrebbero operare fianco a fianco “a determinate condizioni” a meno che non creino confusione tra i consumatori.

La Croazia tiene le dita incrociate.

– Così i consumatori non saranno confusi. Il prosek deve avere la sua corretta protezione della fonte e i produttori devono avere pieno accesso al mercato, ha sottolineato il deputato europeo Ladislav Ilcic in una recente discussione.

D’altra parte, i produttori di custodie scarseggiano attualmente. Secondo il collega di Milos Schauber, Andrzej Boley, al momento sono autorizzati a continuare fino a quando non saranno venduti al di fuori dell’area di Trieste.

– Siamo illegali. Ma finora siamo tolleranti, dice Bole ad Andhra.

Luca Kiavi è il presidente del consorzio Proceco DOC, che opera per i produttori di Prosecco nelle due regioni italiane del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia. Foto: Colonia Antonio / AB / DT

Milos Schobar è un viticoltore nel piccolo villaggio di Reban, a nord-est di Trieste.  Il paese appartiene all'Italia, ma è abitato principalmente da sloveni.  È proprio accanto al confine nazionale.

Milos Schobar è un viticoltore nel piccolo villaggio di Reban, a nord-est di Trieste. Il paese appartiene all’Italia, ma è abitato principalmente da sloveni. È proprio accanto al confine nazionale. Foto: Colonia Antonio / AB / DT

La produzione di vino nella zona intorno al Prosecco - Prosek in sloveno - è nota da centinaia di anni.  Qui Milos Skabar gestisce un vigneto nel villaggio di Reban.

La produzione di vino nella zona intorno al Prosecco – Prosek in sloveno – è nota da centinaia di anni. Qui Milos Skabar gestisce un vigneto nel villaggio di Reban. Foto: Colonia Antonio / AB / DT

I produttori di vino Milos Schabar (a sinistra) e Andrzej Bole (a destra) stanno discutendo con AP News su Prosek, Prosecar e Prosecco: tre vini con lo stesso aspetto.

I produttori di vino Milos Schabar (a sinistra) e Andrzej Bole (a destra) stanno discutendo con AP News su Prosek, Prosecar e Prosecco: tre vini con lo stesso aspetto. Foto: Colonia Antonio / AB / DT

Fatti: Prosecco, prosek e prosekar

Il Prosecco è un vino spumante (precedentemente noto come Prosecco) proveniente dalle regioni italiane del Veneto e dalle nove province del Friuli-Venezia Giulia. Ogni anno vengono prodotte più di 550 milioni di bottiglie di vino.

Il prosek è un vino dolce della dalmazia croata che può essere sia rosso che bianco ed è ottenuto da uve locali appassite, ma non levigate.

Processor è un vino lucido che viene prodotto sia da uve lucide che da due, ma solo da una dozzina di piccoli produttori intorno a Trieste.

Tutti e tre hanno lo stesso nome originale, il villaggio italiano di Prosecco – Prosek in sloveno – che si trova a nord di Trieste ed è popolato principalmente da sloveni.

Fonte: A.P.