TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come se avessimo sganciato una bomba atomica

La nuova Super League è crollata dopo il ritiro dei grandi club. Ma secondo il presidente Florentino Perez, il progetto è ancora vivo. – È solo una pausa, dice.

Florentino Perez, presidente del Real Madrid e fondatore della “Premier League”, ha rilasciato ieri sera un’intervista ai media spagnoli, in cui ha riassunto 48 ore turbolente, dall’annuncio del progetto al ritiro di alcuni club e la sospensione della Lega.

È scioccato dalle reazioni.

– Sono triste e deluso. Abbiamo lavorato a questo progetto per tre anni e abbiamo combattuto la situazione economica del calcio spagnolo, dice ed è fortemente criticato dalla UEFA.

– Non ho mai visto una tale aggressività. Dal presidente della UEFA e da alcuni capi di campionati nazionali. Hanno fatto sembrare che avessimo sganciato una bomba atomica. Dice che non ci hanno permesso di spiegarlo.

‘Il resto infetto’

Secondo Perez, sono state le defezioni collettive dei club inglesi martedì sera a destare sospetti e a spingere altri club a ritirarsi.

– Hanno colpito il resto. Hanno tutti accordi vincolanti ma alla fine, dopo la valanga in Premier League, hanno detto “lasciamo perdere”.

Il sogno della Premier League è ancora vivo per Perez, anche se potrebbe essere in una forma leggermente diversa.

Si apre a più squadre di diversi paesi per qualificarsi per il torneo e dice che il progetto è solo in pausa.

Il progetto esiste, ma la metà di loro è uscita stanca dopo quello che aveva sentito nelle ultime 24 ore.

– Ci stiamo lavorando. Ci sarà qualcosa che il mondo pensa sia il migliore.

“Errore storico”

READ  Il Real Madrid ha superato Granada

Anche il presidente del Barcellona Joan Laporta ha parlato giovedì. Il club spagnolo non si è ancora ritirato formalmente dalla “Premier League” e Laporta ritiene che il progetto sia necessario, ma spetta ai soci del club.

Capiamo che sia una necessità, ma d’altra parte sono i membri ad avere l’ultima parola, dice a Radio Catalogna, secondo Agence France-Presse.

È assolutamente necessario che i grandi club abbiano spazio per esprimere la loro opinione sulla distribuzione dei fondi perché contribuiamo molto ”, afferma Laporta.

Giovedì sera il Barcellona è uscito con una dichiarazione sul proprio sito in cui difendeva il motivo dell’adesione alla “Premier League”.

“La decisione è stata presa sulla base della convinzione che sia stato un errore storico rifiutare l’opportunità di partecipare al progetto come uno dei membri fondatori”, ha scritto il club.

Il club ha anche scritto nella dichiarazione che deve essere intrapresa un’analisi più dettagliata del progetto prima che i soci del club possano esprimere i loro voti. Secondo quanto riferito, anche le riforme strutturali erano necessarie, tra le altre cose, per garantire la sostenibilità finanziaria del calcio.