TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come posso non guardare gli uomini? Giornale di Sundsvall

Questo è un appuntamento.Analisi e valori sono di proprietà dell’autore.

Non è stato solo l’allenamento l’ultima volta che sono stato in palestra. Anch’io ammiravo gli uomini, scrive l’autrice Ellen Bergstrom.

Foto: Eva-Lena Olsson, Sabina Peterson

È solo riconoscimento. Non è stato solo l’allenamento l’ultima volta che sono stato in palestra. Ho guardato anche i ragazzi. Un gruppo di ragazzi assolutamente meravigliosi e forti è uscito dalla macchina sul retro, proprio accanto a me mentre ero seduto in una specie di macchina leg press. Come resistere a sbirciare almeno un pochino?

Di solito dicono che nessuno ti fissa mentre ti alleni, che tutti sono impegnati con le proprie cose e che a nessuno importa. Questo è quasi vero. È vero che puoi fare un po’ di tutto senza che qualcuno alzi un sopracciglio, ma è probabile che vengano guardati di tanto in tanto. Ammirazione, indifferenza o solo osservazione. Tuttavia, giudica raramente e questa è la cosa più importante. Nel mio caso, in questa visita in palestra, era impossibile non abbuffarsi perché gli uomini accanto a me erano assolutamente irresistibili.

annuncio

Erano quattro uomini Da qualche parte negli anni Cinquanta. Uomini normali, barbuti, felici. Sorridevano e ridevano insieme in un modo che sembrava insolitamente sicuro e gioioso. Soddisfatto è probabilmente la parola che sto cercando. All’inizio vengono posizionate alcune borse e le braccia vengono allungate in diverse direzioni. Avevano la schiena dritta e le magliette scivolavano sullo stomaco degli uomini mentre si preparavano a trainare e remare. Li ho visti incoraggiarsi a vicenda, una pacca sulla schiena qui e un “dai Ovi” lì. Tutto sotto sorrisi e chiacchiere. E poi un po ‘più di tensione e tensione punteggiata da peli sul petto pruriginosi e orgoglio nel sollevare pesi.

READ  La tubercolosi si trasmette attraverso il cibo: 'non molti conoscono il pericolo'

annuncio

Ero così felice di vederli che ho dovuto continuare a cercare. Uomini di mezza età, riservati. Coloro che, secondo le statistiche, sono più spesso soli e mancano di strette amicizie. La generazione e il gruppo che sembrano avere difficoltà ad aprirsi, mostrare emozione ed essere accoglienti. Gli uomini appartengono alla stessa fascia di età in quanto sono straziantemente sovrarappresentati nelle nostre statistiche sui suicidi.

Potrei dire che questo gruppo di ragazzi ha l’un l’altro, e anche se hanno bisogno della palestra per legare, penso che siano davvero vicini. Immagino che Ovi potrebbe raccontare a Kjell e Jan, o come si chiamano, le cose difficili ma anche le cose belle di questa vita. Probabilmente prestano particolare attenzione anche a Stefan, lui è quello che sembra così rilassato tutto il tempo, osando chiedere cosa sta veramente provando e persino ascoltando la risposta.

lo spero Continuano a vedersi e ad allenarsi insieme e ispirano altri uomini ad abbassare la guardia e incontrarsi senza facciate dure. Dopotutto, dobbiamo, una volta per tutte, invertire la malattia mentale maschile. Lascia che le risate e l’amicizia rimuovano la sofferenza silenziosa che si trova in molti.

annuncio

Fino ad allora, spero che a questi ragazzi non dispiaccia se guardo un po’ sotto la frangia sudata in futuro. Riscaldano il mio cuore e danno speranza per l’illuminazione oltre gli ideali maschili e la solitudine. Poi non importa che nella mezza età di solito hanno anche buone schiene e buone braccia.

annuncio

fatti

Puoi girarti qui se non ti senti bene

Chiama il pronto soccorso psichiatrico o chiama il 112 se ti senti così male da sembrare insopportabile o se hai seri pensieri o piani suicidi. Non aver paura di chiedere aiuto!
Blocco della squadra suicida: Chatta su mind.se o per telefono al 901 01. Tutti i giorni 24 ore su 24.
Stampa – I diritti dei bambini nella società: Per te di età inferiore ai 18 anni al numero di telefono 116111 o in chat. Tutti i giorni, tutto il giorno.
Collega di turno: Numero di telefono 08-702 16 80. Tutti i giorni dalle 21:00 alle 6:00.
Sacerdote officiante: È raggiungibile tramite il 112. Tutti i giorni dalle 21:00 alle 6:00
SPES – Associazione Nazionale per la Prevenzione del Suicidio e il Supporto ai Sopravvissuti: 020-181818. Tutte le sere dalle 19 alle 22
Chiama il 1177 se hai bisogno di aiuto su dove ricevere assistenza.

READ  Contea di Örebro - Fatti vaccinare contro la TBE - Örebro Tribune