TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Collezione di monete nascoste in vendita dopo 100 anni

Pubblicato il 2024-05-13 20.19

Una moneta d'oro che un tempo apparteneva alla collezione del re danese Federico VII e ora fa parte della Collezione Bronn, che viene venduta dopo 100 anni.

Una collezione unica di monete danesi del valore di oltre 780 milioni di corone svedesi sarà venduta all'asta, dopo essere rimasta nascosta dal mercato per 100 anni.

Il collezionista di monete danese Lars Emil Brun nacque nel 1852 e iniziò a collezionare monete da bambino negli anni 1850 e 1860, diversi anni prima di diventare ricco come grossista che confezionava e vendeva burro.

La sua ricchezza gli ha permesso di continuare il suo hobby, andando alle aste e accumulando una vasta collezione di 20.000 monete, medaglie, gettoni e banconote provenienti da Danimarca, Norvegia e Svezia.

Ora una casa d'aste negli Stati Uniti venderà la collezione di monete. La casa d'aste ha descritto la collezione come “la collezione di monete mondiali più preziosa mai arrivata sul mercato”, ha scritto l'agenzia di stampa Associated Press.

Al Museo Nazionale Danese è stato permesso di acquistare sette monete prima di mettere la collezione all'asta.

“Tutte e sette le monete sono uniche a modo loro e sono state molto ben conservate. Abbiamo effettuato un'attenta selezione in modo che possano completare al meglio la collezione di monete”, afferma Helle Horseness, responsabile della collezione di monete e medaglie del Museo Nazionale. un comunicato stampa, all'agenzia di stampa Ritzau Situato nel Museo Nazionale.

Dopo la devastazione della prima guerra mondiale e temendo un'altra guerra, Brun lasciò nel suo testamento rigide istruzioni per la raccolta di monete.

READ  1. L’Italia diventa un “regime presidenziale” sotto Mario Draghi? - Bruce ed Elvis sull'Europa

“Per il periodo di 100 anni dopo la mia morte, la collezione servirà da riserva per la collezione di monete e medaglie reali”.

“Tuttavia, se il prossimo secolo passerà con la collezione nazionale intatta, questa sarà venduta all’asta e il ricavato andrà alle persone che sono i nostri diretti discendenti”.

L'asta inizierà quest'autunno.