TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cinque esperti: ecco le nuvole di ansia quando si allentano le restrizioni coronariche

Cinque esperti: ecco le nuvole di ansia quando si allentano le restrizioni coronariche

Giovedì 15 luglio scompariranno le restrizioni sui trasporti pubblici a lunga percorrenza e autobus e treni non dovranno più circolare con metà dei posti vuoti. Eliminate anche le norme che limitano il numero di persone per metro quadrato anche negli ambienti interni ed esterni. Le restrizioni che vengono revocate ora significano il terzo dei cinque passaggi del piano del governo per riaprire il paese.

Noi dell’autorità stiamo valutando che possiamo continuare con il piano esistente, ma è comunque importante pensare in modo contagioso, ha detto l’epidemiologo statale Anders Tegnell durante una conferenza stampa lunedì.

Messaggio dell’Autorità per la Sanità Pubblica è che le restrizioni che ora vengono revocate potrebbero essere ripristinate se la situazione del contagio peggiora. Allo stesso tempo, nessuno degli scenari sviluppati dall’autorità indica una diffusione significativa dell’infezione questo autunno, ma come sarà davvero?

DN ha chiesto a cinque esperti:

Le restrizioni ora vengono gradualmente eliminate per sempre?

W: Ci sono nuvole di turbolenza che possono mettere dei bastoncini nelle ruote che si riaprono?

Agnes Wald è professore di batteriologia clinica presso l’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg.

Foto: Jonas Lindstedt

Agnes Wald, Professore di Batteriologia Clinica presso l’Accademia Sahlgrenska:

– Penso di sì, ma non puoi esserne completamente sicuro. Bisogna avere un po’ di rispetto per il fatto che si tratta di un virus completamente nuovo e non ne sappiamo tutto.

– Epidemie possono verificarsi durante l’autunno se ci sono gruppi che non sono stati vaccinati. Pertanto, è molto importante vaccinare il più spesso possibile e raggiungere tutti i gruppi. Se il 90 percento di tutti gli adulti viene vaccinato in ottobre, il rischio di diffusione del virus è minimo.

Naturalmente, c’è anche un piccolo rischio che il virus muti per resistere alla risposta immunitaria ottenuta attraverso la vaccinazione. Ma l’industria farmaceutica avrà probabilmente nuovi tipi di vaccini pronti a ottobre. Quindi dovresti ricominciare a vaccinare i gruppi ad alto rischio, se necessario.

Ali Mirazimi, Professore di Virologia Clinica al Karolinska Institutet.

Ali Mirazimi, Professore di Virologia Clinica al Karolinska Institutet.

Foto: Magnus Hallgren

Ali Mirazimi, Professore di Virologia Clinica al Karolinska Institutet:

– Non lo sappiamo ancora, dipende da come si presenta la situazione all’inizio dell’autunno. Se continua come ora con una bassa prevalenza nella comunità, nessun onere di cura e tassi di mortalità bassi o nulli, speriamo di vivere come al solito durante l’ultima parte dell’autunno.

Le nuvole preoccupanti possono essere nuove variabili che vanno oltre la protezione dei vaccini.

Gunilla Karlsson Hedestam ha detto:

“C’è ancora una diffusione significativa dell’infezione nel mondo e la Svezia non è una bolla isolata”, afferma Gunilla Karlsson Hedestam.

Foto: Ulf Cerborn

Gunilla Karlsson Hedestam, professore di immunologia al Karolinska Institutet:

– Probabilmente no. C’è ancora una diffusione significativa dell’infezione nel mondo e la Svezia non è una bolla isolata. Ad esempio, il Regno Unito ha 30.000 nuovi casi al giorno al momento e sembra lo stesso in molti altri luoghi.

La combinazione di gruppi non vaccinati, ridotta immunità negli anziani e in altri gruppi a rischio e l’emergere di nuove varianti più infettive e/o più immuno-resistenti può richiedere nuove procedure, sì.

Joakim Dillner, professore di epidemiologia delle infezioni al Karolinska Institutet, afferma:

“È importante avere la preparazione mentale di cui potrebbero aver bisogno per reimporre le restrizioni regionali questo autunno”, afferma Joakim Dillner, professore di epidemiologia delle infezioni al Karolinska Institutet.

Foto: fotografo Ulf Cerborn

Joachim Dillner, professore di epidemiologia delle malattie infettive al Karolinska Institutet:

È opportuno revocare le restrizioni a livello nazionale, ma allo stesso tempo è importante essere pronti mentalmente perché potrebbe essere necessario reimpostare le restrizioni regionali questo autunno. Nel caso di un focolaio locale, potrebbero essere necessarie misure di controllo dell’infezione, ma avere restrizioni in parti del paese senza la diffusione dell’infezione diventa controproducente. Non credo che vedremo di nuovo restrizioni nazionali.

– La variabile delta, di cui sappiamo molto poco. Ci sono ancora domande su quanto bene possa diffondersi all’aperto e quanto sia buono il vaccino.

Jorma Henkola è professore di virologia molecolare all'Università di Linköping.

Jorma Henkola è professore di virologia molecolare all’Università di Linköping.

Foto: Università di Linköping

Jorma Henkola, professore di virologia molecolare all’Università di Linköping:

No, in autunno saranno richieste restrizioni a livello regionale.

Ci sono molte nuvole preoccupanti, come nuove varianti virali, immunità parziale a breve termine e che il comportamento a rischio è in aumento tra i gruppi a rischio e gli studenti delle scuole.

Leggi di più:

Apre l’Islanda: sette settimane senza nuovi casi di Covid

La variabile delta prende il sopravvento in diverse regioni

Pertanto, coloro che hanno contratto il COVID-19 dovrebbero essere vaccinati

READ  I dati sull'inflazione hanno rafforzato Stoccolma - i consigli di vendita annullati hanno rafforzato Sectra