TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cerchiamo di mantenere la calma - Hufvudstadsbladet

Cerchiamo di mantenere la calma – Hufvudstadsbladet

Libri in quarantena, pulizie complicate, insegnanti in ansia: l’apertura delle scuole in Italia è attesa da tempo, ma difficile. – Alcuni insegnanti avevano paura di venire a scuola, dice la preside Barbara Willemick.

Apri l'immagine in modalità schermo intero

Foto: Henrik Montgomery/TT

Gli studenti escono dalle aule indossando le mascherine e in tutta la scuola vengono posizionati contenitori di disinfettante. Non tutto è normale al liceo Max Valer di Bolzano, ma il 6 settembre hanno dovuto riaprire i cancelli dopo una chiusura primaverile a sorpresa.

– Eravamo tutti contenti di essere tornati, studenti o insegnanti. “Ci sono molte regole, abbiamo le mascherine e con un po’ di buona volontà riusciremo a gestire la situazione”, afferma. Sabina RumboldInsegnante di lingua e storia tedesca.

All’inizio di marzo, il governo italiano ha preso la severa decisione di chiudere tutte le scuole. Allora nessuno si aspettava che gli studenti sarebbero rimasti a casa per il resto del semestre, dice Sabina Rumbold, che auspica che tutto torni alla normalità.

annuncio

– Ma ci vuole pazienza. È importante per noi insegnanti mostrare agli studenti che possiamo farcela e instillare in loro un po’ di speranza.

annuncio

Il primo è in quarantena

Aprire le scuole non è stato facile. Sono già più di 800 le scuole che hanno segnalato di avere uno o più studenti contagiati dal Covid-19 e hanno quindi chiuso o isolato le aule.

La scuola Max Faller di Bolzano è stata la prima scuola in cui si è verificato questo fenomeno. Lo studente asintomatico è risultato positivo al coronavirus e la classe è stata messa in quarantena.

READ  Controversia tra Telia e Viaplay - I clienti Telia potrebbero perdere i canali

– Abbiamo immediatamente chiuso questo semestre e tutti i luoghi in cui erano presenti gli studenti. “Poi l'azienda ha dovuto ripulire tutto”, dice il manager. Barbara Willemick.

Secondo la preside della scuola Barbara Willemick, gli insegnanti erano ansiosi e avevano difficoltà a tornare alla loro vita normale.Secondo la preside della scuola Barbara Willemick, gli insegnanti erano ansiosi e avevano difficoltà a tornare alla loro vita normale.

Apri l'immagine in modalità schermo intero

Foto: Henrik Montgomery/TT

Klaus Ferber Era uno degli insegnanti che insegnavano in classe e ora ha appena sostenuto il terzo e ultimo test Corona dopo l'incidente.

Dice: “L’intera situazione è difficile, ma stiamo cercando di mantenere la calma e di sopportarla”.

Adesso è ancora più facile, quando si possono incontrare di nuovo gli studenti, ritiene Klaus Ferber. Questa primavera l’insegnamento è stato svolto a distanza, una situazione a cui né gli insegnanti né gli studenti erano abituati.

Klaus Ferber ha dovuto sottoporsi a tre test Corona dopo che uno studente di una delle sue classi è risultato positivo alla malattia virale.Klaus Ferber ha dovuto sottoporsi a tre test Corona dopo che uno studente di una delle sue classi è risultato positivo alla malattia virale.

Apri l'immagine in modalità schermo intero

Foto: Henrik Montgomery/TT

– Alcuni si sono adattati rapidamente, ma per gli altri studenti è stato difficile. Alcuni di loro non funzionavano affatto, dice.

Gli insegnanti hanno paura

14 anni chemioterapia E Sofia Felice di essere tornato. Oggi hanno un laboratorio durante la lezione di biologia, una delle tante cose che non ha potuto fare la primavera scorsa.

annuncio

annuncio

La sfida più grande è stata la comunicazione tra scuola e casa. Sofia spiega che è stato difficile organizzarsi e Kimo aggiunge che non è una buona idea stimolarsi a casa.

Gli studenti Sofia e Kimo frequentano il primo ciclo presso l'Istituto Tecnico Max Valer di Bolzano.  Qui esaminano piccoli organismi in un piccolo armadietto durante una lezione di biologia.Gli studenti Sofia e Kimo frequentano il primo ciclo presso l'Istituto Tecnico Max Valer di Bolzano.  Qui esaminano piccoli organismi in un piccolo armadietto durante una lezione di biologia.

Apri l'immagine in modalità schermo intero

Foto: Henrik Montgomery/TT

Ma entrambi pensavano che non fosse divertente che uno studente a scuola potesse essere infettato. Poco dopo, un altro studente fu scoperto infetto.

– L'infezione può diffondersi rapidamente. Ma la classe era in quarantena, quindi dopo un po’ si è sentito di nuovo calmo, dice Kimo.

Tuttavia, alcuni insegnanti si sono sentiti nuovamente esposti e a disagio nell’insegnare. E molti di loro sono più anziani: secondo un rapporto dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, più della metà degli insegnanti delle scuole primarie e secondarie ha più di 50 anni e il 17% di loro ha più di 60 anni.

La preside dell'università, Barbara Willemick, era molto preoccupata.

– Alcuni insegnanti avevano molta paura di venire a scuola durante le conferenze di valutazione, e poi eravamo ancora in un'aula molto grande. Ma durante il blocco della comunità, erano sempre a casa e raramente uscivano per comprare cibo. Dice che da allora hanno avuto difficoltà a ricominciare una vita normale.

Le scuole hanno riaperto, ma con importanti modifiche.  Agli studenti della Max Valer High School viene chiesto, tra le altre cose, di mantenere le distanze su scale e corridoi.Le scuole hanno riaperto, ma con importanti modifiche.  Agli studenti della Max Valer High School viene chiesto, tra le altre cose, di mantenere le distanze su scale e corridoi.

Apri l'immagine in modalità schermo intero

Foto: Henrik Montgomery/TT

Vede il valore della scuola

Per Barbara Willemick la situazione attuale significa molto lavoro extra. Il lavoro di disinfezione di una scuola è costoso e richiede molto tempo: tra le altre cose, tutti i libri presi in prestito dalla biblioteca devono essere “messi in quarantena” per 72 ore. Sono inoltre riportati i moduli da compilare quando lo studente è malato per più di tre giorni: per poter rientrare è poi necessario il certificato medico.

annuncio

annuncio

Ma nonostante tutto, Barbara Willemick è felice di riaccogliere i giovani.

L'unica cosa positiva di questa situazione è che sia i genitori che gli studenti hanno compreso il valore della scuola e quanto sia importante, dice.

fatti

Il coronavirus in Italia

Il 20 febbraio i medici hanno lanciato l’allarme all’ospedale locale della città di Codogno, nel nord Italia, dove hanno scoperto persone infette dal nuovo coronavirus. Il giorno dopo è stata introdotta in tutta la città la cosiddetta “zona rossa”. La regione Lombardia, che comprende Codogno, Milano e aree circostanti, è entrata in lockdown l'8 marzo, seguita due giorni dopo da un lockdown nazionale per i 60 milioni di italiani.

Dopo due mesi di lockdown, all’inizio di maggio il Paese ha iniziato ad allentare gradualmente le restrizioni per far ripartire l’economia. Dal 3 giugno il Paese ha ripreso ad accogliere i turisti internazionali.

Finora nel Paese sono stati confermati più di 270.000 casi di coronavirus e più di 35.000 persone hanno perso la vita, la maggior parte delle quali in Lombardia.