TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cento giorni - Ricreare una simulazione di vinificazione

Cento giorni – Ricreare una simulazione di vinificazione

Molto è stato detto sull’importanza del vino per l’uomo. Una bevanda che all’inizio dei tempi si pensava fungesse da medicinale, ma ora viene gustata nel migliore dei casi come bevanda sociale e nel peggiore dei casi distrugge la vita delle persone. Nel corso della storia, gli studiosi del Parnaso sono andati in estasi per la bevanda e le sue nobili uve, nei primi anni cantando costantemente i suoi inni per essere più scettici in seguito. Euripide scriveva che in assenza di vino non c’è neanche amore, già nel 400 aC, mentre Christian Bovey all’inizio del Novecento affermava che il vino è un amico traditore per il quale bisogna essere sempre pronti. Louis Pasteur è andato un po’ più in là di chiunque altro e ha semplicemente affermato che il vino è la bevanda più salutare e salutare disponibile. Oggi il vino è anche un problema di classe con i borghesi della società seduti sullo scaffale delle creme e dei pinot mentre i meno abbienti strisciano nella polvere e si posano sui rivali e con un vero interesse per il vino ho provato la maggior parte delle cose, dalle costose bottiglie sputate fuoco fino a un dignitoso stipendio mensile e niente infilarsi sotto una sedia, quando il vino è davvero buono, può essere come la manna dal cielo. È una prelibatezza, una manna dal cielo, una manna dal cielo, ma quando è cattiva, è davvero disgustosa. Pronto per spaccare.

Con quel valore iniziale, è tempo di tuffarsi nel simulatore di cantina un centinaio di giorni per trovare quel bouquet perfetto, ma non è davvero un compito facile, va detto semplice. È proprio un mondo profondo e complesso, pieno di processi e gergo dove siamo catapultati come persone normali in un mondo di ammollo, tannini e grani ma allo stesso tempo è una simulazione di business dove è importante fare soldi costruendo domanda di papi e aumento dei prezzi. È un fragile equilibrio tra analisi matematica e forma d’arte. Il primo passo in Hundred Days è il design e quindi è stata anche la prima di Lindman Butelj Aktiebolag™. Si può scegliere di tutto, dall’adesivo al sughero, sia nel colore che nella forma. Poi è stato il momento di un’introduzione molto nutriente e inquietante, e quindi anche della prima sfida.

READ  Situazione incerta intorno a Milojevic - Il Rosenborg non ha deciso
Un vero Lindemann è sempre decorato con un maiale. naturalmente.

Hundred Days è pubblicizzato come un simulatore di vigneto, ma è anche una quantità infinita di testo irrilevante proveniente da più di semplici personaggi che vogliono portarmi giù dalla grande città. Non verrei qui pensando di non essere niente, sono una folla che non sa distinguere tra uno Chardonnay e un Cabernet Sauvignon. Maiale tra le perle. Certo, capisco che lo sviluppatore voglia lanciare una storia di fuga sull’abbandono della ruota di scoiattolo con il lavoro d’ufficio e il consumo a favore della campagna rurale dove non solo viene raccolta l’uva, ma anche il potenziale di vita reale, ma sfortunatamente diventa troppo rigido e longevo . Ma ha detto e fatto. Dico che sei arrivato al capo e sei arrivato nella campagna italiana con un piccolo jack in tasca e inizi con il tuo miglior stile Tetris posando le piastrelle su un campo quadrato 3 x 3. Uno spazio di lavoro modesto e dispendioso in termini di tempo che può essere ampliato e aggiornato durante il gioco in modo da poter svolgere più lavoro contemporaneamente.

Davanti a me ho delle carte da gioco che corrispondono a una certa azione e queste carte le dispongo in campo per ottenere risultati in più turni. La fermentazione richiede due o tre giri, per esempio, a seconda del tipo di vino che voglio fare e con che carattere. Le carte descrivono anche cosa significa ogni processo, quindi anche se non sai come viene prodotto il vino o puoi leggere il testo infinito che ti dà il tuo insegnante assegnato, puoi comunque avere un’idea relativamente buona degli effetti. Era anche un chiaro obiettivo dello sviluppatore, che non dovesse essere solo un gioco, ma anche un’educazione. Hundred Days Game è un gioco impegnativo ma anche educativo e per difficoltà intendo davvero impegnativo. Non è Dark Souls per gli amanti del vino in cui devi uccidere un proprietario di fattoria soffice e commissionare e rubare tutto il suo oro, ma per avere successo, devi essere in grado di calcolare le condizioni meteorologiche ottimali, i valori di PH, dolce, acido, secco e equilibrio fruttato e sapere anche quando le tue piante stanno lavorando. male e quindi produrre peggio.

READ  Werder Brema nella "Rissa nazista" con l'FPÖ
Cento giorni - Simulatore di vinificazione
fermentazione; È arte e profumo altrettanto nobile, ma se un buon vino viene servito, bisogna sopportare lo spillo.

Tutto è presentato su una chiara scala di dieci punti in cui ogni fattore è presentato separatamente, dopo di che spetta a me decidere cosa funziona e cosa no. Ciò che conferisce a un vino un gusto corposo di pesche mature, cedro, ribes nero e un pizzico di matita e ciò che sputa subito sulla degustazione compulsiva del vino che segue sempre l’imbottigliamento. Come in tutti i simulatori, la pratica dà abilità. Il primo vino sarà nella migliore delle ipotesi nella media per essere scartato nella peggiore delle ipotesi immediatamente, ma dopo diverse lunghe ore i voti aumenteranno gradualmente, il che a sua volta influisce sulla domanda, che a sua volta mi consente di aumentare i prezzi e quindi aumentare il reddito. Con i soldi, aggiorno la fattoria e non mancano i posti dove mettere le mie banconote. Strumenti, accessori e ricerca, ad esempio, offrono risultati migliori, rese maggiori e nuove entusiasmanti varietà di uva da provare. Questo è anche il luogo in cui i Cento giorni danno il meglio di sé, inizialmente quando tutto è nuovo e fresco. Quando un’idea di gioco unica occupa spazio e mi affascina con ambienti familiari e una sfida emozionante diversa da qualsiasi altra cosa a cui ho giocato prima. Quando la mia progressione porta a un vino davvero buono, non mi dispiace provarlo io stesso. Mi piace molto la quantità di ricerche che Broken Arms Games fa per essere in grado di produrre un gioco che riguardi tanto la vinificazione quanto lo è in realtà. Dall’ideazione iniziale della mia prima bottiglia alla mia prima bottiglia Grand Cru.

Cento giorni - Simulatore di vinificazioneCento giorni - Simulatore di vinificazione
Il bestseller è debole e sbilanciato. Acido e forte. Proprio come un produttore di vino.

L’orario di lavoro è impressionante. Ogni tanto è puro divertimento. Un sogno che si avvera all’improvviso ma sfortunatamente non puoi vivere dei tuoi sogni, quindi dopo questa morbida luna di miele sarà inevitabilmente un clima molto più rigido poiché alla fine riguarderà più il lavoro che il vino come forma d’arte e quindi svalutando in modo allarmante il gioco. Diventa quindi più simile a una simulazione di lavoro tradizionale in cui si tratta solo di produrre, creare domanda e ribaltare le cose. Che ovviamente ha anche il suo valore ed è fondamentale per la sopravvivenza, ma non è divertente come il processo di creazione, inoltre, non c’è assolutamente alcuna guida su come utilizzare i vari menu con funzioni ormai indispensabili per il successo. Ora ciò che conta è solo il margine di profitto e non il cuore. La cosa più eccitante in questa fase è aspettare una richiesta speciale da parte del cliente. Poi ho bisogno di sapere esattamente come farò quel particolare vino, e quindi devo tornare al tavolo da disegno e iniziare a disegnare un nuovo prodotto. Come dovrebbe essere chiamato, come dovrebbe essere l’etichetta? Devo cuocere a vapore ed eseguire un tappo a vite in alluminio o deluxe con vero sughero? Sperimentazione, creatività e ricerca di una soluzione. Più a lungo gioco, maggiore è il mio rischio di errori. La maggior parte sono piuttosto innocui e la maggior parte dei problemi grafici, ma quando i giorni non stanno finendo o quando non riesco a inserire una carta anche se c’è spazio o, peggio ancora, quando l’app si blocca e sono seduto lì al buio senza nessuno del vino o crogiolarsi nella Vita quindi è inaccettabile.

READ  Il primo gol di Messi per Paris Sanji per ridurre City
Cento giorni - Simulatore di vinificazione
Ci sono molti menu e opzioni che non vengono mai spiegati e le statistiche sono comprensibili. Maledetta è la statistica che rovina la gioia.

Cento giorni è un’ottima idea e un ottimo arrangiamento per divertirsi. È intriso di amore per il vino ed è bello in tutta la sua semplicità. Sfortunatamente, l’avvelenamento dura solo poche ore e poi arriva la sbornia. Allora è dolore, la vita è senz’anima, spezzata e monotona. Voglio solo continuare a fare vino in pace e tranquillità. Non dovermi stressare a causa di orari stretti, portafoglio vuoto e clienti brontoloni. Dopotutto, è per questo che ho lasciato la grande città dall’inizio. Questo è stato il motivo per cui ho stretto il pugno sulla scrivania e sono scappato alle latitudini più calde. Il motivo principale per cui ho cambiato il panorama dell’ufficio e ho aperto la planimetria alla vita leggendaria del paese. L’ho provato ora ed è stato divertente finché è durato, ma ora ci sto rinunciando, mi sto trasferendo di nuovo a casa, mi inginocchio in ufficio e bevo per dimenticare quanto possa essere bello.

Cento giorni - Simulatore di vinificazione
Un vecchio arrabbiato dopo l’altro scivola da sinistra per dimostrare che sono inutile. Affascinante vita di campagna comunque