TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Canzoni di protesta iraniane diventano virali – artista arrestato

Mahza Amini è morta il 16 settembre, una settimana dopo essere stata violentemente arrestata dalla polizia iraniana per aver indossato il velo in modo improprio. La sua morte ha scatenato un’ondata di proteste contro il regime del Paese in Iran e nel mondo.

Sebbene Accesso ai social media Molti video, immagini e musica in Iran sono esposti al mondo esterno principalmente tramite Instagram, afferma Tina Mehrafsoun, giornalista musicale di P3.

– Dice che poiché il tipo di cultura che puoi praticare in Iran è molto limitato, rimane uno sforzo per gli artisti esprimere la loro arte e diffonderla.

L’artista è stato arrestato dopo la canzone

Una delle canzoni anti-iraniane più popolari in questo momento è Pare, “per” in svedese. È stato scritto ed eseguito dall’artista Sherwin Hajipour. Con l’aiuto dei post su Twitter scritti sotto l’hashtag “#Mahsaamini”, ha creato una canzone che ora può essere ascoltata durante le manifestazioni in tutto il mondo.

Dopo l’uscita della canzone BBC Persia Sherwin Hajipur è stato arrestato e la canzone è stata temporaneamente rimossa dai suoi social media.

Le circostanze dell’arresto non sono del tutto chiare, ma secondo Tina Mehrafsoun, non è raro che gli artisti sperimentino gli effetti della musica con un messaggio politico.

– Storicamente in Iran, abbiamo visto artisti pop esiliati che non osavano pubblicare musica o esibirsi perché era un rischio per la loro incolumità, dice.

Mehrabsoun ritiene che le canzoni di protesta vengano eseguite principalmente all’estero per mostrare il loro sostegno all’Iran.

– Non c’è davvero tempo per cantare perché sembra così violento in Iran, ma la canzone di Sherwin Hajipour gioca un ruolo importante nelle manifestazioni fuori dall’Iran. Lì, le persone cantano insieme e suonano canzoni legate alle dimostrazioni.

READ  Emil Holm sulla vittoria contro le stelle della Serie A

Una versione persiana di Bella Seo

Un’altra canzone che è diventata virale è stata la versione di “Bella Ciao” delle sorelle Behin e Samin Boluri. In persiano, una vecchia canzone partigiana italiana è stata trasformata in una canzone di protesta contro il regime iraniano.

– In realtà è stato rilasciato un anno fa, ma ora ha guadagnato slancio con le proteste dell’Iran, dice Mehrabsoun.

Ascolta le canzoni e la giornalista musicale di P3 Tina Mehrabsoun nella clip qui sopra.