TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Buon effetto del vaccino contro il diabete

Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario attacca le cellule che producono insulina. Una volta che le cellule produttrici di insulina sono scomparse, il corpo non è più in grado di regolare i livelli di zucchero nel sangue e una persona con diabete di tipo 1 deve fornire insulina per il resto della sua vita.

Una delle grandi domande nella ricerca sul diabete di tipo 1 è se, e in tal caso, come rallentare o eventualmente fermare l’attacco del sistema immunitario. Una possibile strategia è influenzare il sistema immunitario iniettando una proteina a cui le cellule immunitarie rispondono come un tipo di vaccinazione.

Diabete di tipo 1 e 2

Il diabete significa che hai troppo zucchero nel sangue. Il diabete di tipo 1 si verifica più spesso quando sei un bambino, ma puoi sviluppare la malattia da adulto. Il diabete di tipo 2 è più comune e si verifica più spesso in età adulta. Entrambe le malattie hanno una componente genetica. Una donna incinta può sviluppare il diabete di tipo 2, che è transitorio.

Fonte: 1177.se

È stata vaccinata con proteine

Una delle proteine ​​che il sistema immunitario produce spesso dagli anticorpi per il diabete di tipo 1 è GAD65 (decarbossilasi dell’acido glutammico). Il professor Johnny Ludwigson dell’Università di Linköping ha studiato per molti anni le possibilità di vaccinare le persone con diabete di tipo 1 recente con GAD. La speranza è che il sistema immunitario diventi più tollerante nei confronti del disturbo d’ansia generalizzato nel corpo e smetta di distruggere le cellule che producono insulina, in modo che il corpo possa continuare a produrre insulina.

READ  7 consigli degli esperti per affrontare l'ansia sociale

È stato dimostrato in ampi studi che anche una piccolissima produzione di insulina sembra significare molto per la salute dei pazienti. Le persone con diabete che hanno una certa produzione di insulina non hanno facilmente bassi livelli di zucchero nel sangue o ipoglicemia. C’è anche un minor rischio di sviluppare la chetoacidosi che mette in pericolo la vita, che può verificarsi con carenza di insulina, afferma Johnny Ludwigson.

I geni giocano un ruolo

Precedenti studi sull’immunoterapia del diabete hanno suggerito che i fattori genetici possono essere importanti per l’effetto del trattamento. In questo studio, i ricercatori hanno esaminato un diverso tipo di gene chiamato HLA. I geni HLA codificano per proteine ​​che si trovano sulla superficie di cellule specifiche. Sono i portatori di blocchi proteici che vengono visualizzati al passaggio delle cellule immunitarie. Se il pezzo di proteina presentato proviene, ad esempio, da un batterio, il sistema immunitario deve costruire anticorpi contro la proteina estranea.

Ma a volte il sistema immunitario reagisce anche alle sostanze nel corpo e alcuni tipi di antigeni leucocitari umani sono associati a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 1. HLA-DR3-DQ2 di tipo HLA mostra la proteina GAD65 alle cellule immunitarie e i pazienti con questo genotipo spesso hanno anticorpi contro GAD65 all’inizio della progressione della malattia. Quasi la metà dei partecipanti allo studio attuale aveva la variante del gene HLA-DR3-DQ2.

Effetto positivo su alcuni pazienti

Quando i ricercatori hanno esaminato l’intera popolazione di pazienti, non vi era alcuna differenza tra il trattamento e il placebo nella produzione di insulina conservata. Al contrario, un effetto positivo dell’allume GAD è stato osservato nel sottogruppo di pazienti con HLA DR3-DQ2.

READ  Adiba, la madre di bambini piccoli, ha un cancro terminale

I pazienti nel sottogruppo HLA DR3-DQ2 non perdono la produzione di insulina così rapidamente. D’altra parte, non vediamo alcun effetto significativo nei pazienti che non hanno questo tipo di HLA, afferma Johnny Ludwigson.

Nello studio, non sono stati osservati effetti collaterali associati al trattamento con GAD-allume.

Il trattamento con GAD-allume sembra essere un metodo promettente, semplice e sicuro per mantenere la secrezione di insulina in quasi la metà del gruppo di persone con diabete di tipo 1, cioè quelli con il tipo HLA corretto. Pertanto, non vediamo l’ora di studi più ampi e speriamo che questo porterà a un farmaco in grado di alterare il decorso del diabete di tipo 1, afferma Johnny Ludwigson.

Decarbossilasi dell’acido glutammico intra-linfatico con integrazione di vitamina D nel diabete di tipo 1 appena emergente: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.

Contatto:

Johnny Ludvigsson, professore senior, Università di Linköping, [email protected]