TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Boris Bahor è un grande vecchio della letteratura slovena

Boris Bahor è nato nel 1913 ed è morto il 30 maggio di quest’anno. Così ha compiuto 108 anni. Molto sorprendente, diciamo solo degli anziani in generale che non sanno se è una buona cosa essere benedetti per così tanti anni.

Secondo Boris Bahor, ha vissuto per quasi 70 anni con i ricordi dei campi di concentramento nazisti e fascisti, tra cui Dachau e Bergen-Belsen. Come molti in tempi difficili, era un intellettuale normale che fu preso e portato via perché sospettato di un crimine di pensiero.

Il punto di forza della “Negropolis” è che descrive la vita del campo Bahor dal nostro punto di vista. Non una rappresentazione disgustosa della storia, potremmo essere lasciati tremare, ma piuttosto qualcosa di statico.

Boris Bahor è sopravvissuto e sfuggire ai peggiori crimini contro l’umanità è una lotta quotidiana. Altri scrittori a cui si riferiva spesso non riuscirono a sopravvivere: Primo Levy e Paul Seylan si tolsero la vita. Imre Kertész è generalmente paragonato a Pahor. Kertész, ungherese, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura nel 2002 ed è morto per cause naturali nel 2016. Ma dopo la guerra e i campi, è stato sfidato dallo stress.

Un capolavoro di Boris Bahor È il romanzo “Negropolis”, pubblicato in traduzione svedese da Morgan Nilsson nell’edizione 2013 di Celenders. La copertina svedese del romanzo presenta una fotografia del ritratto di Gerhard Nortstrom “The Ploughed Mozart” e uno che spesso passiamo senza vederlo. Questa è storia. Foto per foto, come foto tessera, di prigionieri ebrei in abiti a righe.

Un romanzo come “Negropolis” di Bahor ci ricorda che questa non è, o dovrebbe essere, la storia del popolo. La prima cosa che noti quando inizi a leggere il romanzo è che il narratore sembra non esserci più. Sembra che sia morto. Permette a un gruppo di turisti di salire a bordo di un autobus oltre le installazioni in un campo:

READ  Durante il primo test nucleare si è formato un semicristallo

L’umanità ha sempre avuto una certa percentuale di membri di pellegrini, pellegrinaggi e tombe, e generalmente consideriamo queste persone le migliori e le più nobili, ma non siamo sicuri che la storia sarà sempre meglio compresa da queste anime buone. I cuori compassionevoli seguono solo lo sviluppo degli eventi, non li danno inizio, non li modellano, ma di solito dopo un’esecuzione rumorosa o silenziosa, frecce di lacrime piegate in profondità nel luogo del silenzio infinito. Sistemato.

Boris è Bahor Il grande vecchio della letteratura slovena e la sua “necropoli” erano qualcosa di straordinario quanto il surrealismo nel realismo. Come descrivere altrimenti la vita implacabile nei campi di sterminio meticolosamente costruiti da alcune delle nazioni culturali europee più avanzate, che cercano di vivere i suoi prigionieri nel miglior modo possibile diventando incivili e brutali come possono immaginare?

Il punto di forza della “Negropolis” è che descrive la vita del campo Bahor dal nostro punto di vista. Non una rappresentazione disgustosa della storia, potremmo essere lasciati tremare, ma piuttosto qualcosa di statico. Qualcosa che è ancora nascosto con noi. Una possibilità, ora spaventosa.

È stato presentato una volta Un bel premio dalla sua città natale, Trieste, ma rifiutato. L’impulso per un evento che si riferisse al fascismo italiano è stato “dimenticato” quando si parlava dei crimini del nazismo e del comunismo contro l’umanità. Per tutta la vita Boris Bahor si oppose ai movimenti dittatoriali e nessun prezzo al mondo poteva comprometterlo.

Quando è morto il 30 maggio di quest’anno, era il più anziano sopravvissuto all’Olocausto. 108 anni. Potremmo pensare che questo sia troppo primitivo. Ma l’Olocausto è molto più antico di quello e ogni sorta di ostetriche stanno ancora aspettando di essere pronte per la rinascita: questo è il messaggio dall’altra parte di Boris Bahor.

READ  Emma Lind lascia Zedex e va alla Roma