TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Boom del turismo domestico |  Intelligenza di Turku

Boom del turismo domestico | Intelligenza di Turku

Lo scopo dell’associazione è quello di lavorare per la “divulgazione della conoscenza crescente del proprio paese tra i suoi connazionali, e cercare di persuadere il maggior numero possibile di connazionali di tutte le classi sociali possibili ad ampliare la loro conoscenza del proprio paese attraverso viaggi, lunghi passeggiate, viaggi più lunghi e più brevi”.

Con queste parole, l’Associazione finlandese del turismo descrisse il suo obiettivo principale nei primi anni ’20 – e se non si sapeva che la causa parziale era un’epidemia globale, si poteva pensare che tutti i suoi sogni si fossero avverati nell’estate del 2021. Nell’estate del 2020, i finlandesi hanno viaggiato molto in tutta la loro terra d’origine – alcuni lo hanno fatto per mancanza di alternative, altri hanno colto l’occasione per un periodo che si pensava fosse una breve eccezione.

Mentre entriamo nell’estate della seconda pandemia, il suo ritmo non è rallentato. Le persone viaggiano attraverso il paese e il regno in tutte e quattro le direzioni e sembrano essere all’altezza del mantra che un altro dei primi operatori del turismo, l’Ufficio del turismo finlandese, pubblicò cento anni fa: “Conosci il tuo paese e la tua gente!”

La parola turista, derivata dalla parola fortuna, fu usata per la prima volta alla fine del XVIII secolo, mentre le prime testimonianze del concetto di turismo risalgono al 1811. Tuttavia, fu solo alla fine del XIX secolo che iniziò il turismo svilupparsi nel fenomeno di massa che è oggi – e questo grazie al miglioramento delle comunicazioni e al fatto che sempre più persone nella classe media avevano risorse finanziarie rese possibile ai viaggiatori. Dopo la prima guerra mondiale, l’Ente per il turismo finlandese ha descritto il turismo mondiale come “le migrazioni internazionali di oggi” – un fenomeno così diffuso da “abbracciare tutte le nazioni e i popoli del mondo”.

READ  La Commissione europea chiede più soldi ai paesi dell'UE

Regolamentare il settore era uno dei requisiti fondamentali e di conseguenza la crescita del turismo. L’Associazione finlandese per il turismo è stata fondata nel 1887, con l’obiettivo di migliorare le infrastrutture per i viaggiatori e attirare turisti nazionali e stranieri. Hanno modernizzato l’industria alberghiera e degli ostelli, per ottenere migliori collegamenti con le destinazioni turistiche e per rendere le aree inaccessibili più accessibili a un maggior numero di visitatori.

Già all’inizio del ventesimo secolo, la Lapponia era una priorità, così come altri lontani paesaggi nazionali e strade che si estendevano a Puncaharjo, Ole River, Hoagland e Cole. Sembra che le persone si accalcano anche quest’estate, specialmente quest’estate, proprio come l’anno scorso.

All’inizio del ‘900 il turismo divenne così diffuso da essere visto sempre più come una potenziale risorsa economica. L’attrazione dei turisti era pienamente coerente con l’ethos commerciale del tempo e si rifletteva in un consapevole favore delle industrie e delle industrie locali. I turisti fornivano entrate all’industria dei trasporti, ai ristoranti e agli hotel – preferivano anche l’artigianato locale e i prodotti industriali locali.

Nei primi anni venti del secolo scorso, la stampa ha trasmesso seriamente la grande importanza dell’industria turistica per l’economia nazionale in paesi come la Svizzera, l’Italia e la Francia. Nei paesi nordici, la Norvegia era l’unico paese in cui i turisti stranieri potevano essere considerati una fonte di reddito significativa.

In confronto, l’importanza del turismo per l’economia finlandese era quasi inesistente. Ad esempio, si può notare che 5.000 passeggeri dei traghetti sono stati registrati nel porto di Turku nel maggio-settembre 1913, che possono essere collegati a circa 3,5 milioni di passeggeri prima della pandemia di Corona. Di gran lunga la più importante fonte di reddito per l’industria del turismo finlandese prima della prima guerra mondiale erano le decine di migliaia di russi che trascorrevano l’estate nella Finlandia orientale, ma anche questa fonte è diminuita dopo la chiusura del confine dopo l’indipendenza della Finlandia.

READ  Settimana 32, 2023. Hai tenuto il passo?

Una parte importante delle attività delle associazioni turistiche è stata la pubblicazione di guide di viaggio per diversi luoghi da visitare e luoghi in Finlandia – in forme familiari di guide di viaggio che sono ancora vendute oggi. guida della città Direzioni attraverso Turku, pubblicato dalla filiale di Turku dell’Associazione finlandese del turismo nel 1913, inizia puntualmente con una breve storia delle tappe della città. Seguono informazioni dettagliate su come raggiungere Turku, hotel, ristoranti, caffè e trasporti locali.

Alla voce “Cosa devono vedere gli stranieri a Turku” sono elencati i luoghi più importanti della città. Per avere una panoramica della città, si consiglia al turista di salire su Vårdberget o Samppalinnaberget, mentre quasi tutti i luoghi importanti possono essere visti durante un viaggio in tram di un’ora.

Dopo due estati pandemiche all’insegna del turismo domestico, si è già quasi fatto in tempo a dimenticare com’era viaggiare due anni fa. Dalla seconda guerra mondiale, non è successo nulla che limiti radicalmente il turismo, a livello globale e anche tra i paesi vicini. In attesa di vedere come saranno influenzati i viaggi a lungo termine, molti di loro hanno ancora tempo per fare qualche viaggio di ritorno a casa.

Condividi l’articolo