TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bibite analcoliche e cancro: questo è ciò che dice la ricerca

Bibite analcoliche e cancro: questo è ciò che dice la ricerca

L’anno scorso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato il dolcificante aspartame come “probabilmente cancerogeno”. Molte persone mettono la soda in gola. Questo significa anche che la Coca-Cola Zero e altre bevande ipocaloriche zuccherate con aspartame provocano il cancro?

Questa non è la prima volta che il dipeptide super dolce è oggetto di allerte sanitarie. Le prime segnalazioni di cancro e aspartame sono arrivate decenni fa, dopo uno studio sui topi. I topi sono stati nutriti con grandi quantità di aspartame, che ha provocato tumori cancerosi. Nel corso degli anni sono emersi numerosi studi che hanno smentito il legame del dolcificante con il cancro e hanno messo il dolcificante in relazione con una serie di altre malattie.

Nell’estate del 2023, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito il dolcificante aspartame nella lista dei “possibili agenti cancerogeni” e ha chiesto ulteriori ricerche. Il fatto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità non abbia successivamente modificato le sue raccomandazioni sull’aspartame solleva un’altra domanda: come può qualcosa essere cancerogeno e tuttavia essere ingerito?

Questa è la quantità di soda dietetica che puoi bere, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità JECFA, che studia tutti i rischi per la salute derivanti dagli additivi alimentari, la dose massima giornaliera raccomandata di aspartame è di 40 mg per chilogrammo di peso corporeo. Pertanto, una persona di 60 chilogrammi dovrebbe essere in grado di bere quattro litri di bibite dolcificate con aspartame al giorno, per il resto della sua vita, senza alcun rischio per la salute.

Si scopre che i due aminoacidi sono molto carini insieme

L’aspartame diventerebbe infatti il ​​nuovo farmaco contro l’ulcera. Ma quando il chimico Jim Schlatter scoprì che la miscela di aminoacidi con cui stava lavorando produceva un'intensa dolcezza, capì di aver scoperto qualcosa. L'azienda per cui lavorava, J.D. Searle, capì rapidamente il potenziale commerciale.

Più di 50 anni dopo, l’aspartame è diventato uno dei dolcificanti più utilizzati al mondo. Viene spesso definito anche il dolcificante più studiato al mondo, perché pochi additivi alimentari sono stati accusati di causare così tante malattie.

READ  Ecco come le varianti del coronavirus si sono sostituite

20 anni fa, un deputato del Partito dell’Ambiente, anche lui ex portavoce, fece una richiesta Pratica Chiedere al governo di fermare l'aspartame, richiesta respinta. Da allora questo dolcificante non è stato oggetto di forti richieste politiche volte a vietarlo, almeno non in Svezia. Ma gli scienziati continuarono a collegare l’aspartame a varie malattie, e nei media la ricerca si trasformò in rapporti di allarme.

Gli avvisi sanitari sono rimasti impressi nella mente delle persone

Una persona che se ne è accorta è Ingrid Larsson, nutrizionista presso l'Ospedale universitario Sahlgrenska e professore associato presso l'Accademia Sahlgrenska. Funziona per curare le persone che soffrono di obesità grave (obesità), poiché uno dei suoi strumenti è ridurre il consumo di bevande zuccherate.

-Tengo anche conferenze sulle abitudini alimentari sane e spesso si parla di aspartame. La gente si chiede se sia pericoloso e se possa portare a questa o quella malattia, dice Ingrid Larsson.

A volte l’allarme riguarda specificamente l’aspartame, come quando ricercatori italiani hanno somministrato aspartame ai ratti e hanno suggerito un collegamento tra il dolcificante e il cancro.

Una donna porta l'apparecchio ortodontico e una gomma non masticata tra i denti.
L'aspartame viene utilizzato come esaltatore di sapidità nelle gomme da masticare

Cento volte più dolce dello zucchero normale

Il dolcificante aspartame (E 951) è stato sviluppato nel 1965 ed è arrivato in Svezia all'inizio degli anni '80. È 100-200 volte più dolce dello zucchero normale. Pertanto, sono necessarie solo quantità molto piccole per ottenere un effetto dolcificante. L'aspartame viene utilizzato al posto dello zucchero in molti alimenti, dalle bibite alle marmellate, ai cereali per la colazione, alle preparazioni di frutta e verdura. Il dolcificante può essere utilizzato anche come esaltatore di sapidità nelle gomme da masticare.

Fonte: Agenzia alimentare svedese

È stata l’obesità ad aumentare il rischio di ictus

Altre volte, l’allarme riguarda il gruppo dei dolcificanti, come quando qualche anno fa i media pubblicarono titoli come “La soda può aumentare il rischio di ictus”. Nello studio, i ricercatori hanno avvertito che le donne anziane che bevono molte bevande analcoliche senza zucchero corrono un rischio maggiore di ictus.

Ingrid Larsson ha utilizzato l'esempio delle donne e della soda senza zucchero in una presentazione in cui ha parlato della cosiddetta causalità inversa.

READ  Questo è il modo in cui il sistema immunitario viene utilizzato per curare il cancro

In questo caso, la causalità inversa significava che le donne erano obese e bevevano soda dietetica per cercare di mantenere il peso. Quindi è stato il peso extra a farli consumare gli edulcoranti, non il loro consumo a renderli sovrappeso e quindi ad aumentare il rischio di ictus.

Sfortunatamente, i ricercatori non hanno discusso della causalità inversa, ma nello stesso numero dell’articolo un altro ricercatore ha sollevato la questione. Ciò dimostra che non è possibile limitarsi a guardare i singoli studi, afferma Ingrid Larsson.

Non ci sono prove che l’aspartame causi malattie

Nell’estate del 2023 diversi media hanno riferito che l’istituto di ricerca dell’OMS IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) stava per classificare l’aspartame come cancerogeno e il dibattito sulla pericolosità del dolcificante ha acquisito nuovo slancio.

Quando è stata annunciata la classificazione, era formulata come “probabilmente cancerogena”, una categoria che comprende anche alimenti come l’aloe vera.

Nel frattempo, un altro organismo dell'OMS, il Comitato congiunto sui prodotti alimentari, che valuta gli additivi alimentari, ha deciso di non modificare la dose giornaliera accettabile di aspartame.

Come è collegato questo?

Johan Olander, tossicologo presso l'Agenzia alimentare svedese:

– L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) non esamina l'esposizione, ma solo ciò che può accadere a dosi elevate. È come stare sulla spiaggia a guardare l'oceano e vedere uno squalo. È pericoloso, ma lo è solo quando ci entri dentro. Il comitato congiunto di esperti sulle sostanze chimiche (JECFA) esamina i rischi in base alla quantità di sostanze chimiche ingerite.

Entrambe le organizzazioni sottolineano la necessità di ulteriori ricerche. Attualmente l'Autorità alimentare europea (EFSA), l'autorità alimentare dell'Unione europea, sta esaminando le ricerche disponibili. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha condotto l’ultima valutazione sull’aspartame nel 2013 e si prevede che effettuerà una nuova valutazione quest’anno o il prossimo.

Così l’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica il rischio di cancro

La IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) prevede quattro diverse categorie di rischio di cancro:

  1. Gruppo 1. Esistono prove sufficienti che la sostanza provoca il cancro negli esseri umani. Ciò include il fumo di tabacco, l’alcol e le radiazioni solari.
  2. Gruppo 2a. Prove limitate di cancro negli esseri umani. Prove sufficienti negli esperimenti sugli animali. Ciò include il DDT, la carne rossa e il lavoro notturno.
  3. Gruppo 2B. Prove limitate di cancro negli esseri umani. Non ci sono prove sufficienti negli esperimenti sugli animali. Ciò include aloe vera, acido caffeico e aspartame.
  4. Gruppo 3. Prove insufficienti per il cancro negli esseri umani. Prove insufficienti negli esperimenti sugli animali.
READ  Butt Under the Knife: si diffonde una seria tendenza di bellezza

Nessuna sostanza riceve la classificazione “non cancerogena”, legata al fatto che non sarà mai possibile dimostrare che qualcosa non provochi il cancro.

Sono necessarie ulteriori ricerche sui bambini

Quindi che tipo di ricerca manca? L’aspartame è uno degli additivi alimentari più studiati.

Ingrid Larsson chiede maggiori ricerche sui bambini e sugli adulti che non fanno parte del gruppo di persone sane su cui si è concentrata la maggior parte delle ricerche. Sono necessari anche studi più lunghi.

– La ricerca nel campo degli edulcoranti si basa principalmente su studi osservazionali. Esistono anche studi randomizzati, ma solitamente sono piccoli e brevi, il che limita le conclusioni che si possono trarre.

Il problema con gli studi osservazionali è che non è possibile stabilire una relazione causale. Nessuno è riuscito a spiegare come l'aspartame, composto da due aminoacidi presenti anche in altri alimenti, possa causare la malattia.

– Quando entra nel sistema, si degrada come qualsiasi altro dipeptide, dice Ingrid Larsson.

Fenilchetonuria e aspartame

Ci sono persone che non dovrebbero assumere l'aspartame. Riguarda le persone con un disturbo metabolico congenito che limita la capacità di scomporre la fenilalanina, un amminoacido che viene rilasciato quando l'aspartame viene scomposto nel corpo. Per rilevare la malattia, tutti i bambini vengono esaminati pochi giorni dopo la nascita. Pertanto, i prodotti contenenti aspartame dovrebbero essere etichettati con informazioni che indichino che contengono una “fonte di fenilalanina”.

TInt: Johan Frisk per conto di forskning.se