TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Barare con covidpass in AIK Match – Crucial District Board

Quando Joanna, 33 anni, è entrata in una partita AIK alla Friends Arena, ha testimoniato che le guardie non avevano bisogno di identificazione in termini di controllo del covidpass.

Deluso dal fatto che gli organizzatori non si siano assunti la responsabilità.

– In realtà mi sento arrabbiato e pieno di risentimento. Dice che la salute dovrebbe venire prima di tutto.

Chat: fai le tue domande su Omicron al virologo Niklas Arenberg

Giusto in tempo, Joanna, 33 anni, si è assicurata che il suo libretto delle vaccinazioni fosse pronto, così poteva andare a vederlo AIKSabato la battaglia finale alla Friends Arena.

Aftonbladet era sul posto e ha visto circa due dozzine di persone arrivare in forma anonima in relazione al controllo passaporti Covid.

Joanna è arrivata alla Friends Arena circa un’ora fa per poter arrivare all’inizio della partita. Quando ha iniziato ad avvicinarsi all’ingresso dopo una lunga fila, ha visto che le guardie erano diventate nervose, il che ha attirato la sua attenzione.

– Pensavo che qualcosa fosse andato storto o fosse sbagliato. Ma poi ho visto che erano stressati perché c’erano così tante persone in giro, ha detto.

Poi ha scoperto che le guardie al suo ingresso non hanno chiesto la sua identità quando sono state esaminate le prove, ma solo schermi di telefoni cellulari.

– Hanno solo detto: “Stai bene, stai bene, stai bene.” Nessuno ha verificato la sua identità e ha controllato a malapena il cellulare. Potrei mostrare qualsiasi cosa, sembra che lo sia.

READ  Cuccioli di contrabbando venduti tramite Blocket - Milioni ritirati

AIK: “Informazioni ben comunicate”

L’Agenzia svedese per la sanità pubblica ha deciso di raccomandare a partire dal 1 dicembre

Ieri Aftonbladet ha riferito che il controllo della corsia Cofidas è scoppiato in più punti durante la partita di ieri.

Giovedì l’AIK ha comunicato che il tetto della Piazza degli Amici deve essere operativo, a causa delle condizioni meteorologiche. Ciò a sua volta significava che l’evento era soggetto all’obbligo del passaporto di vaccinazione, poiché veniva conteggiato come al chiuso.

“Mi sentivo molto insicura all’interno della partita. C’era un controllo molto scarso e voi due siete molto vicini”, dice Joanna ad Aftonbladet.

– Per quanto ne sappiamo, l’evento è andato generalmente bene. Abbiamo poco più di 300 persone che lavorano e il feedback che abbiamo ricevuto proviene dai rappresentanti delle partite che hanno partecipato alla distribuzione del personale. Quello che abbiamo ottenuto è che l’informazione è stata trasmessa bene, Fredrik Soderbergh, il manager del club di recitazione dell’AIK, ha scritto in un messaggio di testo.

Il supervisore del consiglio di amministrazione della contea Moa Karlsson durante un’ispezione di una palestra di Stoccolma a gennaio.

Consiglio di amministrazione del Governatorato: “Può contribuire alla diffusione del contagio”

Il consiglio di amministrazione della contea è stato in contatto con l’AIK prima delle grandi partite di questo fine settimana. Moa Karlsson, responsabile operativo dell’esame dell’epidemia condotto dal consiglio di amministrazione della contea di Stoccolma, critica il fallimento del processo di ispezione.

– Sicuramente non va bene. Perché il sistema funzioni, devi seguire le regole in vigore, altrimenti non sarai in grado di dire che è la persona vaccinata che sta entrando, dice.

L’organizzatore deve assicurarsi che la persona appropriata presenti il ​​certificato di vaccinazione, che può essere fatto solo tramite identificazione. L’ente governativo digitale, DIGG, ha sviluppato un’applicazione che un organizzatore può utilizzare per garantire la validità di un certificato di vaccinazione.

Moa Karlsson teme che potrebbero esserci più restrizioni se i regolatori non stanno attenti alla missione.

– Se 30.000 persone si radunano e un certo numero non viene vaccinato, ovviamente più potrebbero essere infettati.

Per quanto riguarda le critiche del consiglio di contea, Fredrik Soderbergh afferma di non aver fatto commenti, né elogi né critiche.

Non abbiamo altro parere che il consiglio di contea a cui si applica la direttiva.

Ai visitatori vengono mostrati i loro codici QR.

Joanna: “Mi sentivo insicura”

Joanna pensa che sia molto importante che tutti arrivino in tempo per iniziare la partita, piuttosto che controllare che tutti siano stati vaccinati.

Perché non hanno rovinato la partita per lei, poiché si sentiva insicura.

– Quando controllano le sessioni di vaccinazione, non so se sto accanto a qualcuno che non è vaccinato. Allora rischio di essere contagiato.

Inserito: