TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Axel Utzon contro Niklas Torp di HV71

Nella serie di partite Bjorclofen vs MODO, i giocatori di MODO hanno posto l’accento sul capitano difensivo di Björklöven Daniel Rahimi.

Dopo tre partite nella serie finale, il veterano della difesa HV Nichlas Torp è finito sotto i riflettori.

Durante la prima finale, è stato responsabile di un contrasto sospetto contro la punta del mento di William Erickson.

Nella terza partita ha partecipato a due casi in breve tempo durante il primo periodo. L’intervento contro Daniel Rahimi e davanti al botteghino HV si è reso responsabile di un volo da dietro su Axel Ottosson.

Poi un’atmosfera ribelle ha prevalso sugli spalti ea Björklövenbåset.

Poco dopo, Frederick Forsberg ha segnato 0-1 e ha messo HV71 al centro della scena nella partita. che è stato poi trattenuto fino in fondo.

Axel Ottosson aveva una persona nell’inquadratura, dopo di che si è arrabbiato con il suo ex compagno di squadra Nichlas Torp, con il quale ha giocato al Modo.

– Ho interpretato Torp quando ero più giovane, è un bravo ragazzo, ma non so se è frustrato perché non va in giro. È stato davvero codardo. Ovviamente sono rimasto deluso.

Ti interessa TURP?

– No, come ho detto: ho già giocato con lui ed è un uomo molto divertente. Non lo infastidisco affatto, ma poi le forme che può mettere su. Non c’è niente di cui essere orgogliosi.

Lo stesso Niklas Torp ride un po’ quando sente del suggerimento di Ottosson.

– Ah ah, è divertente. Abbiamo suonato a Modo insieme. Lui è un buon uomo. Ovviamente comincio a invecchiare. Ma penso di stare ancora al passo, dice Torp.

READ  "Un posto nell'accademia di F1 non significa solo ricevere"

Sta inciampando?

Penso di tenere la mazza sulla neve e non decolla.

Ti piace il caldo lì?

– Sì davvero. Ho aspettato dodici anni per giocare una finale, quindi ovviamente sto consumando tutto quello che posso.

Fa un bel caldo lì?

– È in buone condizioni e sembra una finale. Ma penso che dovrebbe essere una parte naturale del gioco, quindi non ci penso nemmeno, dice Niklas Torp.