TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arrestato attivista per la democrazia di Hong Kong | Bohusläningen

Il massacro del 4 giugno 1989 a Hong Kong viene solitamente celebrato con una grande manifestazione di commemorazione, ma come l’anno scorso, le autorità hanno vietato i festeggiamenti quest’anno.

Venerdì mattina presto, Zhao Hang Tong, vicepresidente dell’organizzazione che organizza eventi annuali, è stato arrestato fuori dal suo ufficio. Una fonte della polizia ha detto all’AFP che Zhao era sospettato di aver diffuso informazioni su un raduno illegale. Due suoi colleghi hanno confermato l’arresto a Reuters.

Finora, il 37enne è stato uno dei pochi attivisti democratici di spicco di Hong Kong che non è ancora finito dietro le sbarre da quando la Cina ha rafforzato il suo controllo sulla città e durante l’estate è stata costituita una nuova squadra di sicurezza.

Si dice che diverse migliaia di poliziotti siano stati dispiegati per impedire alle persone di radunarsi alle manifestazioni di venerdì e alla principale stazione televisiva di Hong Kong RTHK è stato ordinato di non segnalare un possibile servizio commemorativo.

In Cina la celebrazione del massacro è vietata e il Partito comunista al potere non ha ancora riconosciuto che vi sia stato alcun massacro.

A Hong Kong, fino all’anno scorso erano consentite manifestazioni in memoria del massacro, ma nonostante il divieto, le cerimonie commemorative si svolgono ancora in quel momento. Si stima che abbiano partecipato decine di migliaia di persone nonostante il rischio di reclusione.

Fatti: proteste democratiche in Cina 1989

L’attacco dell’esercito cinese ai manifestanti di piazza Tiananmen il 4 giugno 1989 è stato preceduto da proteste giovanili su larga scala a Pechino nella primavera del 1989. Le proteste, a loro volta, sono scoppiate con la morte dell’ex leader del partito Hu Yaobang. Era stato licenziato dal suo incarico due anni prima perché considerato troppo indulgente con le richieste di libertà degli studenti.

READ  I leader mondiali condannano l'escalation della violenza in Israele

I manifestanti sono rimasti per settimane e sono stati sostenuti da una folla crescente nelle loro richieste di democrazia. Al massimo, circa un milione di persone si sono radunate a Pechino. A metà maggio, le proteste si erano diffuse in 400 città della Cina.

Il 20 maggio è stato dichiarato lo stato di emergenza e 300.000 soldati sono stati dispiegati a Pechino.

Nella notte del 4 giugno, i carri armati sono rotolati verso il centro e hanno attaccato i manifestanti in piazza Tiananmen. Il numero dei morti nel massacro è sconosciuto e sono stati segnalati molti numeri diversi, ma si ritiene che migliaia di persone siano state uccise o ferite.

Fonte: Nationalencyklopedin