TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Anche noi siamo rifugiati’ – le diverse regole per ucraini e richiedenti asilo suscitano forti sentimenti in Germania

Ogni giorno, per diverse settimane, migliaia di persone in fuga dalla guerra in Ucraina viaggiano dalla Polonia alla stazione centrale di Berlino. Chi può organizzare un posto dove dormire da solo non ha bisogno di registrarsi, ma può viaggiare attraverso il paese gratuitamente. Altri possono avere l’opportunità di trascorrere la notte con individui o in uno degli alloggi temporanei delle autorità.

La cosiddetta Direttiva Collettiva sui Rifugiati, che l’Unione Europea ha recentemente attivato per la prima volta, offre ai rifugiati ucraini l’opportunità di vivere, lavorare e andare a scuola in un Paese dell’UE, senza prima richiedere asilo. Lo scopo della guida è evitare di sovraccaricare le autorità di immigrazione e poter aiutare molti rifugiati in modo rapido e non burocratico.

La maggior parte dei rifugiati che arrivano in Germania dall'Ucraina arriva prima alla stazione centrale di Berlino.  Da qui, molti viaggiano in autobus o in treno verso altre città tedesche o altri paesi europei.  Finora in Germania sono stati registrati più di 250.000 rifugiati ucraini.

La maggior parte dei rifugiati che arrivano in Germania dall’Ucraina arriva prima alla stazione centrale di Berlino. Da qui, molti viaggiano in autobus o in treno verso altre città tedesche o altri paesi europei. Finora in Germania sono stati registrati più di 250.000 rifugiati ucraini.

Foto: Adam Berry/AFP

Domenico Hogging, Chi lavora in una casa d’asilo a Münster, nella Germania occidentale, ed è attivo nell’organizzazione di soccorso GGUA Flüchtlingshilfe, crede che questo sia il modo giusto per affrontare la situazione.

– Questo corrisponde allo scenario che sogno su come accogliere i rifugiati. Dimostra che è possibile. Ma mostra anche che è stata una scelta consapevole trattare gli altri in modo diverso, dice.

La direttiva sui rifugiati si applica solo alle persone che sono fuggite dall’Ucraina. Mentre i rifugiati continuano ad arrivare in treno dalla Polonia alla Germania, altri vengono rimandati indietro nella direzione opposta.

Dominic Hogging è in contatto con due fratelli iracheni, recentemente fuggiti in Polonia dopo aver trascorso diverse settimane al confine bielorusso. Lì, i due fratelli sono finiti in un campo profughi, dove uno di loro ha tentato il suicidio.

Ora i ragazzi si sono trasferiti in Germania, dove vogliono restare. Tuttavia, secondo il regolamento Dublino, che si applica ai richiedenti asilo e che stabilisce che i rifugiati devono chiedere asilo nel primo paese dell’UE in cui sono registrati, devono tornare in Polonia.

foto 1 da 2
Più di quattro milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina tra il 24 febbraio e il 29 marzo, secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Qui, i profughi dall’Ucraina arrivano nella città di confine di Isaaccia in Romania.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 2 da 2
Dominic Hugging, un attivista dell’organizzazione di soccorso GGUA Flüchtlingshilfe, afferma che il gran numero di rifugiati ucraini significa che i richiedenti asilo devono vivere in condizioni anguste e aspettare più a lungo prima di potersi trasferire da un alloggio per rifugiati ad un altro alloggio. – Inoltre, colpisce psicologicamente i richiedenti asilo, perché si sentono rifugiati di seconda classe, ha affermato.

Foto: privato


Noshin dall’Iran, Coloro che ricevono asilo nella Germania occidentale si trovano in una situazione simile. La mia prima domanda di asilo è stata registrata in Danimarca, dove è stata respinta.

– In Iran c’è una guerra civile tra il governo e la popolazione civile, che uccide molte persone ogni anno. Chi protesta corre il rischio dell’esecuzione. È fuggita per motivi politici, religiosi e culturali, dice.

Secondo l’organizzazione per i diritti umani AI Il regime iraniano usa la pena di morte come mezzo per reprimere gli oppositori politici e le minoranze etniche e religiose.

Noshin, che ha criticato il regime iraniano, è preoccupato di essere rimandato in Danimarca e poi deportato in Iran. Dice di comprendere i sentimenti dei rifugiati dall’Ucraina.

– Anche noi siamo rifugiati. Abbiamo anche bisogno di supporto. Dice che ho perso la mia casa, ho perso tutto.

Decisione dell’Unione Europea di attivare La cosiddetta direttiva sui rifugiati per i rifugiati dall’Ucraina è storica. Lo afferma il ricercatore e sociologo sulla migrazione Gerald Knaus, co-fondatore della European Stability Initiative, un think tank austro-tedesco, ESI.

– Ma davvero non c’era alternativa, continua.

Anche prima dell’escalation della guerra in Ucraina, i cittadini ucraini potevano entrare nell’Unione Europea senza visto. Secondo Gerald Knaus aveva senso la scelta di concedere all’intero gruppo un permesso di soggiorno fino a tre anni, senza necessità di procedure di asilo.

– Nessun sistema di asilo in Europa è riuscito a gestire un milione di domande a settimana – sì, molte persone sono fuggite nelle prime settimane, dice.

Il ricercatore sull'immigrazione Gerald Knaus afferma che molti richiedenti asilo hanno dovuto aspettare più a lungo per sapere se i rifugiati ucraini devono presentare domanda di asilo.  Avrebbe potuto causare il sovraccarico del sistema, dice.

Il ricercatore sull’immigrazione Gerald Knaus afferma che molti richiedenti asilo hanno dovuto aspettare più a lungo per sapere se i rifugiati ucraini devono presentare domanda di asilo. Avrebbe potuto causare il sovraccarico del sistema, dice.

Foto: Francesco Scarpa

Secondo il ricercatore sull’immigrazione, la decisione solleva interrogativi sul fatto che anche i rifugiati provenienti da altri paesi possano evitare la procedura di asilo.

Si potrebbe obiettare che sarebbe ragionevole fare la stessa valutazione quando si tratta della Siria. Quasi tutti i siriani ottengono asilo o sono classificati come bisognosi di protezione in Germania e il Paese non effettua alcuna deportazione in Siria. Ma nell’Unione europea non c’è stata una sola scintilla di volontà politica in tal senso, ha affermato Gerald Knaus.

Dominic Hogging conferma Crede che l’Unione Europea abbia preso la decisione giusta riguardo ai rifugiati ucraini.

– Ma è spaventoso vedere che le persone vengono trattate in modo diverso, dice.

Ora spera che le regole per i richiedenti asilo in Germania cambino e diventino più simili a quelle che si applicano ai rifugiati dall’Ucraina.

– Vorrei che l’accesso alle abitazioni private fosse governato dalla necessità, in modo che le famiglie che sono qui da molto tempo, ad esempio, non debbano aspettare ancora perché gli altri hanno la priorità. E che tutti, non solo gli ucraini, hanno diritto al lavoro.

READ  La vita notturna in Israele pulsa di vita dopo il successo del vaccino