TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amnistia: i rifugiati di ritorno sono sottoposti a tortura GP

Nel rapporto, Amnesty ha documentato violazioni contro 66 persone rientrate, tra cui 13 bambini. Le interviste sono state condotte tra lo scorso luglio e giugno di quest’anno. Alcuni sono già stati maltrattati al valico di frontiera o negli edifici dei servizi di sicurezza poco dopo.

Secondo Amnesty International, almeno 33 persone sono state torturate o maltrattate durante l’interrogatorio o l’arresto, tra l’altro per convincerle a confessare presunti crimini. I servizi di sicurezza hanno rapito 17 persone e non sono ancora tornate, secondo i parenti. Un’altra persona è stata rilasciata dopo nove mesi.

“La mia famiglia pensava che fossi morto e si è tenuto un funerale”, ha detto nel rapporto.

Sono state violentate al confine

Il rapporto include testimonianze di rifugiati di ritorno, che descrivono che le autorità siriane hanno preso di mira in particolare i rimpatriati, in quanto sleali a causa della loro fuga. Una donna nel rapporto afferma che un funzionario della sicurezza al confine con il Libano ha affermato che la Siria non è un hotel in cui puoi andare come desideri. Ha poi violentato la donna e sua figlia di cinque anni.

“La minaccia militare potrebbe essere diminuita, ma l’abitudine del governo siriano di commettere gravi violazioni dei diritti umani non è cambiata”, ha detto in un comunicato stampa l’investigatrice di Amnesty International Marie Forestier.

La Svezia è menzionata

Il rapporto cita, tra l’altro, Danimarca e Svezia come due paesi con permessi di soggiorno limitati per richiedenti asilo provenienti da aree considerate sicure, come la campagna di Damasco e Damasco.

“Un governo che ora afferma che la Siria o parti della Siria sono al sicuro sta ignorando la realtà prevalente”, ha detto nel comunicato stampa Madeleine Seidlitz, responsabile del lavoro dei rifugiati presso Amnesty Sweden.

READ  Un quadro più chiaro degli effetti delle nuvole sul clima fornisce scarse informazioni sul futuro della Terra

E mentre nessun paese europeo ha ancora iniziato a rimpatriare le persone, le percezioni sul rischio di rimpatrio stanno iniziando a cambiare, minando il livello di protezione offerto ai rifugiati, teme Amnesty International.