TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amnesty: gli algoritmi di Facebook hanno contribuito alla pulizia etnica

È noto da tempo che la violenza etnica in Myanmar, ex Birmania, è stata alimentata dai contenuti su Facebook. Già nel 2018 Facebook ha ammesso che la sua piattaforma era stata utilizzata per diffondere propaganda di odio riguardo al genocidio e allo sfollamento del popolo Rohingya e che non aveva fatto abbastanza per fermarlo.

‘La tempesta dell’odio si intensifica’

Un nuovo rapporto fornisce ora maggiori dettagli sull’argomento e, secondo Amnesty International, gli algoritmi di Facebook hanno contribuito “in modo significativo” agli abusi nel paese.

Inoltre, AI ritiene che Facebook abbia evitato di agire pur sapendo che gli algoritmi hanno alimentato la diffusione di contenuti dannosi e offensivi.

Nel 2017, centinaia di migliaia di Rohingya sono stati uccisi, torturati, violentati e sfollati nell’ambito della pulizia etnica portata avanti dalle forze di sicurezza del Myanmar. Nei mesi e negli anni precedenti le atrocità, ha affermato Agnès Callamard, segretario generale di Amnesty International, gli algoritmi di Facebook hanno contribuito a intensificare la tempesta di odio contro il popolo Rohingya.

Nazionalisti radicali

Il rapporto evidenzia come i post di attori legati all’esercito birmano e ai nazionalisti buddisti estremisti abbiano riempito la piattaforma di contenuti anti-musulmani. Tra le altre cose, i Rohingya sono stati descritti come “invasori” e si presume che il paese stia affrontando una “acquisizione musulmana”.

Anche le persone al comando diretto dei militari hanno pubblicato opuscoli che invocano violenza e discriminazione.

“Dichiariamo apertamente che il nostro Paese, chiaramente, non ha un gruppo etnico chiamato Rohingya”, ha scritto sulla sua pagina Facebook nel 2017 il generale Min Aung Hlaing – lo stesso uomo che nel 2021 ha preso il potere nel Paese con un colpo di stato.

READ  New York: Lavrov è fuggito dalla riunione delle Nazioni Unite

procedure legali

Attualmente sono in corso diverse cause che riguardano le azioni di Meta (il proprietario di Facebook) in Myanmar. Tra le altre cose, sono in corso cause civili contro la società sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti.

Secondo Amnesty International, Meta non ha voluto rispondere a nessuna domanda sulle operazioni commerciali della società in Myanmar nel periodo precedente al 2017, sottolineando che è “attualmente coinvolta in procedimenti legali relativi a questioni correlate”.

Javascript deve essere abilitato per riprodurre il video

Centinaia di migliaia di Rohingya sono stati costretti a fuggire dal Myanmar. Scopri quando il team SVT ha visitato un campo profughi in Bangladesh nel 2017. immagine: SVT