TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amanda Zahi critica l’associazione e la selezione di Victor Gadfors

Nel marzo dello scorso anno, LT ha pubblicato un’intervista a Victor Gadfors, il cestista della nazionale svedese, che ha discusso le differenze tra i campionati di basket francese e italiano.

nell’intervista, Che LT ha poi ripubblicatoGadfors ha detto che il campionato francese ha più giocatori di colore ed è quindi più sportivo, mentre c’è una partita più intelligente nel campionato italiano.

La dichiarazione è stata condannata in diversi modi.

– Non penso che Victor Jadefors sia razzista, ho giocato con lui e mi sono fermato molto con lui. È stata una dichiarazione stupida, ha detto l’ex star della nazionale Jeffrey Taylor nel podcast BC-Luleå.

Nel novembre dello scorso anno, Jadefort è tornato in nazionale e venerdì è stato presentato nella rosa per le imminenti qualificazioni ai Mondiali di fine agosto.

Qualcosa infastidisce Amanda Zahi, la più grande star del basket svedese, che ha recentemente completato il suo primo campo per la squadra nazionale in due anni.

“Mi disgusta che la nazionale svedese porti qualcuno che parla così apertamente e con orgoglio dei neri. Un uomo che ha espresso apertamente il razzismo sulla stampa. Sono disgustato nel vedere che Victor rappresenta il nostro paese e un sindacato che parla così fortemente di ” uguaglianza’. Il paese vive del mio successo e tuttavia accettano un comportamento del genere”, scrive Zahoei su Twitter.

“Mostra davvero i veri valori della nazionale maschile”.

Amanda Zahi si infuria contro il sindacato

L’anno scorso, la Swedish Basketball Association, lo stesso Gadefors e il suo club Södertälje, hanno preso le distanze dai commenti ed espresso autocritica.

– Ci siamo allontanati dalla dichiarazione di Victor in un’intervista e l’abbiamo condannata con forza. Abbiamo scelto di supportare Victor e il club con ciò di cui hanno bisogno su questioni educative e altri sforzi, afferma Fredrik Gullamow, segretario generale della Swedish Basketball Association, in seguito alle critiche alla nuova Amanda Zahoe.

READ  L'incubo di Djurgården - Perdere e ferire il giocatore chiave

Amanda ha espresso come si sente riguardo alla situazione e, se la conosci, è il tipo che dice quello che pensi.

Parlerai con Amanda Zahi?

Noi e il nostro direttore sportivo contatteremo Amanda e sentiremo se vuole dirci qualcosa direttamente in questa situazione e ovviamente cerchiamo sempre di avere un dialogo quando i giocatori della nostra nazionale non sono contenti di qualcosa.

– È passato molto tempo da quell’incidente con Victor, ci siamo allontanati dal sindacato e ci siamo separati nettamente. Ci sono state alcune reazioni da parte di altri, ad esempio la nazionale femminile che era sulla stessa linea nel turno di qualificazione agli Europei e ha dichiarato che eravamo dietro di noi.

Qual è la giustificazione per permettergli di giocare in nazionale?

– Siamo stati chiari fino ad allora che ci stiamo allontanando dalla dichiarazione e dalle dichiarazioni fatte dalla persona, non da Victor Gadefors. Abbiamo dialogato con lui e abbiamo scelto di riportarlo indietro, poi siamo stati chiari sul fatto che non volevamo essere un’unione che distingue nessuno, ma invece difendere chiaramente quello che pensiamo. Abbiamo anche risposto che non etichettiamo nessuno per sempre.

Jadifors: “Può dire la sua”

Lo stesso Jadfors è un po’ senza parole quando SportExpressen gli arriva.

– Può dare la sua opinione e può difenderla un po’. Ci sono stato e non ci riesco più. Mi sento come se non potessi fare molto, rimango solo un po’ fuori. è stato. Lei può avere la sua opinione.

In che modo pensi che la più grande star svedese sia rimasta delusa dalla tua scelta personale?

READ  La Francia ha sconfitto la Danimarca - affrontando la Norvegia nella finale dei Mondiali

– Non mi diverto molto. Dico che non è divertente per qualcuno sentirsi così. Ma non posso farci molto adesso. Ecco cos’è, ecco come ti senti e pensi, a lei può piacere, non mi opporrò.

– Ne ho preso le distanze e ne sto lontano per un po’ adesso. Sembra una classe chiusa da parte mia.