TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Altri manifestanti sono stati impiccati in Iran

Sia Mohammad Mehdi Karami, 22 anni, che Seyyed Mohammad Hosseini, 20 anni, sono stati giustiziati sabato, secondo Reuters, citando le autorità iraniane.

Gli uomini erano stati arrestati all’inizio di novembre, con l’accusa di aver ucciso una guardia di sicurezza iraniana morta in relazione a una protesta a Karaj, fuori dalla capitale iraniana, Teheran. Oltre a Karami e Hosseini, altre 14 persone sono sospettate di reati legati alle morti.

Secondo un certo numero di gruppi per i diritti umani, gli uomini sono stati picchiati in relazione all’arresto. Tra gli altri, un’organizzazione con sede a Oslo Iran per i diritti umani (RSI) Scrive che le confessioni degli uomini sono state forzate.

Alla fine di A dicembre, il regolamento sanitario internazionale ha pubblicato un elenco di persone che rischiano la pena di morte per reati presumibilmente commessi in relazione a manifestazioni contro il regime iraniano. L’organizzazione ha identificato più di 100 persone, tra cui Karami e Hosseini.

Le proteste contro il regime iraniano sono in corso da settembre ea metà dicembre due uomini sono stati giustiziati. Magidreza Rhenoord E il Mohsen Sukkaridalle autorità iraniane per la loro partecipazione alle manifestazioni.

Secondo le norme sui diritti umani, molte altre condanne a morte sono già state emesse in Iran, con più di 500 persone giustiziate l’anno scorso. È stato il doppio rispetto al 2020 e il numero più alto di esecuzioni effettuate in cinque anni.

Secondo le Nazioni Unite L’Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR) ne ha almeno 14.000 persone arrestate Dall’inizio delle proteste a settembre, in seguito alla morte di Mahsa Gina Amini, è sotto la custodia della polizia morale. Oltre alle condanne a morte emesse, a causa delle proteste sono morte anche centinaia di persone.

READ  La squadra afroamericana esce dal gioco delle superpotenze

Diverse organizzazioni per i diritti umani stimano che circa 500 manifestanti siano morti in relazione alle proteste. Con le autorità iraniane, il bilancio delle vittime è stato notevolmente ridotto a circa 200 morti, comprese le guardie di sicurezza e gli impiegati del governo.

Leggi di più:

Il rilascio dell’attore iraniano Taraneh Alidoosti

I politici svedesi e tedeschi divennero “patroni” degli iraniani imprigionati

Centinaia di manifestanti rischiano la pena di morte in Iran