TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alto tasso di mortalità tra la malattia di Covid-19 in Africa

Lo studio mostra un quadro difficile della situazione in Africa. Si tratta di una prima importante indagine, che esamina sistematicamente l’assistenza sanitaria nei paesi poveri. Finora, siamo stati solo in grado di ipotizzare come funzionerà l’assistenza sanitaria per il virus in questa parte del mondo, afferma Johan von Scribe, professore di medicina dei disastri presso il Karolinska Institute.

Nel nuovo studio, pubblicato da ricercatori sudafricani, La rivista scientifica The Lancet Seguito più di 3.100 adulti con COVID-19 che hanno ricevuto cure intensive in 64 ospedali in dieci paesi in Africa. Lo studio è stato condotto nel periodo da maggio a dicembre 2020 principalmente negli ospedali universitari, soprattutto nei paesi africani a medio reddito.

I ricercatori possono vedere che, dopo un mese dall’inizio della terapia intensiva, quasi tutti sono morti (48%). Questo può essere paragonato a un tasso di mortalità globale del 31% in terapia intensiva.

E interpretalo come segue I ricercatori non hanno attrezzature mediche e personale di terapia intensiva. Ad esempio, la metà dei pazienti è morta senza ricevere ossigenoterapia. I ricercatori hanno concluso che la disponibilità del trattamento di emodialisi avrebbe dovuto essere sette volte superiore al giorno per coprire il bisogno di cure dei pazienti. Per il trattamento con il cosiddetto ecmo (ossigeno extracorporeo), l’apporto dovrebbe essere 14 volte maggiore. C’erano attrezzature in alcuni ospedali, ma non c’era personale che potesse prendersi cura dei pazienti.

Non sappiamo come sia nei paesi poveri dell’Africa e negli ospedali più piccoli a causa della mancanza di dati. Ma potrebbe essere più pericoloso di quanto pensiamo. Il tasso di mortalità è direttamente proporzionale alle risorse sanitarie, afferma Johan von Scribe.

READ  Ora inizia la conferenza EASD sul diabete - Dagens Medicin

Molti pensavano I pazienti sarebbero probabilmente sopravvissuti allo studio se avessero avuto un migliore accesso all’ossigenoterapia, all’inversione del riposo a letto, alla terapia con cortisone e ai farmaci per fluidificare il sangue.

Allontanati con questi quattro trattamenti relativamente semplici ed economici. Anche gli ospedali più piccoli possono darlo ai loro pazienti.

Johan von Scribe sottolinea anche l’importanza che i paesi africani ricevano vaccinazioni per proteggere sia i dipendenti che le persone a rischio.

Gli sforzi di vaccinazione in Africa dovrebbero essere diretti principalmente a coloro a rischio, che sono spesso più anziani e leggermente meglio finanziati. Dice che hanno uno stile di vita che aumenta il rischio di malattie come il diabete e l’ipertensione, che sono fattori di rischio di morte per Covid-19.

Leggi di più:

I decessi per coronavirus sono stati sottostimati in molti paesi

Il virus si sta diffondendo nelle carceri thailandesi: ai prigionieri può essere data la priorità con la vaccinazione