TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ahrweiler devastata dall’alluvione: almeno 110 morti

BAD NEUENAHR-AHRWEILER / ERFTSTADT / EUSKIRCHEN.

Uno “tsunami” ha travolto la città di Bad-Neuenaar-Arweiler in pochi minuti, afferma Marco Senschede, 27 anni.

Non tutti sono riusciti a fuggire. Almeno 110 persone sono state uccise nella zona.

Ieri hanno trovato un cadavere a due case di distanza. Era una vecchia signora.

La lingua tedesca non ha parole per questo tipo di devastazione. Era il consigliere Angela Merkel Rifletti su quando ha visitato la zona di Ahrweiler domenica.

Sulle alture della Valle dell’Ahr, nota per il suo vino rosso, le viti prosperano sotto il sole cocente. A valle, nel comune di Bad-Neuenahr-Ahrweiler, quasi tutto è ricoperto di fango. È chiaro che la zona è la più colpita Europa, con almeno 110 morti e molti dispersi.

Tre auto accatastate una sull’altra in un minuscolo cortile di proprietà della nonna di Marco Senschede.

– Ci siamo seduti qui domenica scorsa e abbiamo parlato, bevuto caffè e mangiato una torta, dice Marco Senscheid, 27 anni, guardandosi intorno.

Come Angela Merkel, gli mancano le parole per quello che è successo da allora.

– Lavoriamo da giovedì mattina. Non ho parole per descriverlo. L’intera area ha bisogno di essere ricostruita. Ponti, strade, case, tutto distrutto. Non sappiamo da dove cominciare.

La linea marrone sul muro mostra quanto è alta la linea di galleggiamento.

immagine: Anna Tarnovod

A Bad-Neuenahr-Ahrweiler non è sopravvissuta quasi una sola casa.

immagine: Anna Tarnovod

“Era come uno tsunami”

L’acqua che ha travolto la città mercoledì notte proveniva dal fiume Ahar, lungo la valle dell’Ahr ea poche centinaia di metri dalla casa.

Di solito il fiume è così stretto che è quasi possibile scavalcarlo, dice Marco Senschede. Quando mercoledì sera ha piovuto forte, era al piano di sotto a controllare il flusso dell’acqua con suo padre.

– Era solo 10 centimetri più alta del solito, quindi non pensavamo che sarebbe successo nulla. Ma dopo circa mezz’ora ero in piedi vicino alla casa e l’acqua mi stava allagando, e le macchine galleggiavano per le strade.

La sua foto che l’acqua ha divorato la città in meno di un quarto d’ora. Il processo molto rapido può in parte spiegare l’alto numero di morti nell’area di Ahrweiler.

– È stato come uno tsunami, uno tsunami interno.

La città è ricoperta di fango.

immagine: Anna Tarnovod

Una donna anziana è stata trovata morta nella sua casa

La nonna di Marco Senscheid vive nella casa che la famiglia pulisce. È sopravvissuta perché non era sola. Nel suo soggiorno al livello dell’ingresso si vedeva che la linea d’acqua lungo le pareti era alta più di due metri.

La polizia tedesca ha dichiarato che per motivi di privacy non vuole segnalare l’età, il sesso e altre informazioni personali del defunto. C’è molto da suggerire che molte delle oltre 180 persone morte in Europa fossero anziane. Un poliziotto con cui abbiamo parlato dice che le morti che conosce sono persone che sono annegate nelle loro case.

A poche case di distanza, un’anziana donna è stata trovata morta quel giorno, racconta Marco Senschede. Ha familiarità con molte persone che sono ancora disperse.

– Terribile.

È silenzioso e deve incontrarsi prima di poter continuare;

Le persone anziane non possono proteggersi. Non possono correre come fanno i giovani. Anche se hanno visto arrivare l’acqua, non hanno potuto fare nulla.

Marco cita anche 12 persone morte a Sinzig in una casa famiglia per disabili.

– A proposito di questo, questa è la cosa peggiore che è successa dopo la seconda guerra mondiale.

Marco Senschede conosce tante persone che ancora mancano. “È orribile”, dice.

immagine: Anna Tarnovod

La città vicina è sott’acqua

Per le strade di Bad-Neuenahr-Ahrweiler, le auto vanno alla deriva e il fango marrone ti risucchia i piedi quando cammini. Allo stesso tempo, ci sono città che hanno sofferto di più.

– 20 km in questa direzione non c’è più una città, ad Altenburg, dice Marco Senscheid e indica il villaggio finito sott’acqua.

Il disastro non ha un centro, ma piuttosto ha diversi centri. Vediamo molti ponti crollati mentre guidiamo intorno all’area colpita negli stati del Nord Reno-Westfalia e della Renania-Palatinato. Le strade chiuse sono la regola e non l’eccezione quando si cerca di raggiungere i luoghi colpiti.

Alcuni villaggi sono completamente sopravvissuti. Davanti alle finestre del seminterrato ci sono sacchi di sabbia che sono stati collocati all’esterno per sicurezza.

In altri villaggi, i marciapiedi coprono l’erosione di mobili ed elettrodomestici distrutti. Con vestiti infangati e stivali di gomma, i proprietari di casa stanno lavando via acqua e fango dalle loro case. Amici, parenti e volontari spostano container in container e guidano escavatori. Fanno pause per l’acqua in garage o all’ombra di un albero. Quando la giornata lavorativa inizia a diventare buia, ogni tanto esplodono birra e sigarette.

Pausa a Bad-Neuenahr-Ahrweiler.

immagine: Anna Tarnovod

La volontaria Lina Rambo, 29 anni.

immagine: Anna Tarnovod

Clinica dentale Crush: “La vita continua”

A Erfstadt, l’intero seminterrato della clinica odontoiatrica è stato completamente distrutto. Scaffali con raccoglitori e fusioni dentali sono alla deriva.

– Probabilmente hai perso tra 50.000 e 100.000 euro. Tutti i miei soldi sono in questa clinica e non potrò usarla per mesi, dice il proprietario Oliver Buskins, 50 anni.

cosa pensi?

Resti di chirurgia dentale.

immagine: Anna Tarnovod

– Penso… di essere vivo. E la vita va avanti. Ora questo è successo, e devo sistemare una cosa alla volta. Impossibile cambiare.

Almeno 26 persone sono state uccise a Euskirchen tra Irwistadt e la regione vinicola di Ordalen. Qui visitiamo un’altra strada residenziale completamente distrutta, inghiottita dal flusso d’acqua del fiume Erft.

Sono passati solo tre mesi da quando Marina Schulz, 33 anni, suo marito e i suoi figli si sono trasferiti nella nuova villa. La cantina è stata riempita dal pavimento al soffitto. Tutto ciò che non era al piano di sopra doveva essere smaltito.

Mike Schulz, 40 anni, e Marina Schulz, 33, si sono trasferiti in casa. L’assicurazione non sembra dare loro nulla.

immagine: Anna Tarnovod

A quanto pare, l’assicurazione non coprirà i danni.

– Pioggia e tempesta, sì. Ma quando si tratta di annaffiare in questo modo, no, dice Marina Schulz, e inizia a piangere.

– Terribile. Tutto è rotto.

Un gruppo di rifugiati aiuta Marina e Mike Schulze a ripulire.

immagine: Anna Tarnovod

Claudia Carles, 54 anni, ha vissuto qualcosa di completamente unico per lei. “L’acqua aveva un potere così devastante, è qualcosa che non avevo mai visto prima”, dice.

immagine: Anna Tarnovod

Claudia Carles, 54 anni, e sua madre vivono nella stessa strada.

L’acqua aveva un potere distruttivo, qualcosa che non avevo mai visto prima. Mia madre diceva sempre: “Puoi sfuggire al fuoco, ma non puoi sfuggire all’acqua”.

Quando siamo lì, le parole hanno perfettamente senso. Anche se coloro che hanno subito incendi boschivi in ​​Australia, California o Vastmanland potrebbero avere un’opinione diversa.

Ma ora un disastro alluvionale ha colpito l’Occidente Germania, e può essere paragonato colpito dalla seconda guerra mondiale.

Ad Angela Merkel mancava una parola per descrivere la devastazione che ha visto. E probabilmente lo fanno anche tutti gli altri che l’hanno visto.

Inserito:

READ  Gaza - I canti palestinesi quando arrivano i razzi di Hamas