TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

250 giornalisti internazionali sostengono la Russia

È stato fissato il 23 aprile di quest’anno Sito di notizie di Meduza Improvvisamente nella lista dei “clienti stranieri” dello stato russo. In pratica, questo significa che Meduza non può più essere approvato per alcuna conferenza stampa. I loro giornalisti faticano a prenotare interviste a personaggi pubblici. Il sito Meduza dovrebbe contenere anche una casella di testo in cui si afferma: “Questo materiale è stato creato da un broker con la stessa funzione di un agente straniero …”.

Il paese non ha citato alcun motivo specifico per cui Medusa è ora classificata come cliente straniero. La redazione ha sede in Lituania ei loro testi sono spesso investigativi e assetati di potere. Oggi in Russia ci sono un gran numero di canali televisivi, giornali e riviste di proprietà diretta o indiretta dello Stato russo, e quindi non possono fornire un quadro oggettivo di molti eventi di notizie importanti. Ad esempio, il politico dell’opposizione Alexei Navalny è stato imprigionato.

In precedenza ha criticato l’Unione europea Le azioni della Russia contro Medusa, che sono solo un esempio delle numerose restrizioni alla libertà dei media nel paese nell’ultimo mese.

“È motivo di grave preoccupazione che le autorità russe continuino a limitare il lavoro delle piattaforme mediatiche indipendenti e il lavoro dei singoli giornalisti e di altri operatori dei media. Ciò viola gli obblighi internazionali e gli impegni della Russia sui diritti umani”, si legge nella dichiarazione.

Lunedì lo è anche In occasione della Giornata della libertà di stampa, è stato pubblicato un invito sui siti web di diverse importanti organizzazioni di media in tutto il mondo. La descrizione afferma che durante il governo del presidente Vladimir Putin, lo stato russo ha gradualmente esercitato pressioni sui media indipendenti del paese, al punto che i media di proprietà statale ora controllano lo spettacolo.

READ  60 anni fa, Yuri Gagarin è diventato il primo uomo nello spazio

Organizzazione svedese CEO e editori Robert Olson È uno di quelli firmati. È affiancato da Katherine Viner per il Guardian, Matt Kiefer per il Washington Post e altri 247 colleghi da tutto il mondo.

Leggi di più:

Ho urlato che ero una ballerina e li ho supplicati di non picchiarmi una gamba

La risposta di Propaganda Channel: The Home of Navalny Photographer in Germany