TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

William Ruto o Raila Odinga sarà il prossimo presidente del Kenya

Mancano pochi giorni alla campagna elettorale quando la gente di Kirogoya, ai piedi del Monte Kenya, ha la possibilità di incontrare l’uomo che potrebbe diventare il leader del Kenya per i prossimi cinque anni. Un acquazzone mattutino ha ammorbidito il terreno argilloso del complesso sportivo locale trasformandolo in fango che si attacca sotto le scarpe e induce i bambini a infilarsi sandali di plastica mentre si infilano in un convoglio di auto che non possono permettersi.

da un tetto apribile Una Toyota Williams Roto a trazione integrale si arrampica per rivolgersi alla folla. È vicepresidente dal 2013. Con le dimissioni del presidente Uhuru Kenyatta, l’obiettivo di Ruto dovrebbe essere aperto all’assunzione di responsabilità. Ma Kenyatta ha voltato le spalle al suo ex pistolero e ora nella roccaforte più forte di Kenyatta, Ruto sta cercando di ottenere voti fino alla fine.

– Uhuru Kenyatta è mio amico. Ma ha scelto qualcun altro oltre a me. Lo rispetto e sfortunatamente, per lui, sconfiggeremo il suo candidato.

William Ruto, vicepresidente del Kenya dal 2013.

William Ruto, vicepresidente del Kenya dal 2013.

Foto: Eric Espornson

Così dice Roto a DN In un’intervista dopo il discorso, mentre il suo vice Rigathi Gachagua ha preso il microfono e ora sta sparando alle persone dal tetto apribile.

La moderna democrazia keniota è stata istituita dopo l’inizio del millennio, quando il tiranno Daniel arap Moi si è fatto da parte e ha sostituito il predominio del partito al potere Kano con un’intensa competizione tra un certo numero di partiti minori. La costruzione di alleanze ora è fondamentale per il successo.

Ma democratizzazione Non era senza attrito. Il voto è stato in gran parte condotto lungo linee etniche, il che ha portato a una divisione tra i tre gruppi etnici più grandi, Kikuyu, Kalenjin e Luo. Questa rivalità, dopo le elezioni del 2007, ha innescato i combattimenti che hanno causato la morte di oltre 1.000 kenioti.

Roto, un Kalenjin, era dalla stessa parte di Raila Odinga, il politico di Luo che ora è il suo avversario alle elezioni. Si unirono contro il più grande gruppo etnico del paese, i Kikuyu.

La carriola divenne un simbolo della campagna elettorale di William Ruto.  Il vicepresidente sta cercando di mettersi in contatto con i truffatori del Paese, quelli che lottano per far funzionare l'economia.

La carriola divenne un simbolo della campagna elettorale di William Ruto. Il vicepresidente sta cercando di mettersi in contatto con i truffatori del Paese, quelli che lottano per far funzionare l’economia.

Foto: Eric Espornson

Durante il periodo delle ripercussioni legali Le accuse sono state presentate alla Corte penale internazionale contro due alti politici di ciascuna parte: William Ruto e Uhuru Kenyatta. Per combattere la giustizia internazionale – cosa che hanno fatto con successo – i due hanno stretto un’alleanza. Si è esteso a due cicli elettorali segnati da turbolenze politiche. Ma dopo le elezioni del 2017, Uhuru Kenyatta è tornato e ha stretto una nuova alleanza con Raila Odinga. Questa era la prima volta dall’era dell’indipendenza negli anni ’60 che Kikuios e Los erano finiti dalla stessa parte del gioco politico.

In questo contesto, si sta svolgendo la campagna elettorale di quest’anno, la prima in 20 anni in cui nessun politico kikuyu è stato nella buca del vincitore. Gli elettori kikuyu a Quirogoya hanno familiarità con i loro candidati che cercano partner altrove. Ora sono invece padroni dell’onda.

– Queste persone mi conoscono, ho lavorato con loro per dieci anni. Abbiamo mostrato loro un buon piano nelle aree che stanno loro a cuore, dice Roto a DN.

Abbiamo una crisi in termini di disoccupazione in Kenya. Stiamo cercando di mostrare come cambiare il settore agricolo.

Di tutti i keniani sani Il 40 per cento lavora nell’agricoltura. Ma quella quota sta diminuendo in linea con la rapida urbanizzazione, quindi Roto ha concentrato la sua campagna sulla folla crescente di giovani sani che cercano di ottenere lavori umili nelle città. Sotto slogan come “Hustler Nation” e “Every Hustle Matters”, l’uomo che si definisce “il truffatore numero uno del Kenya” vuole attirare questo gruppo. Tra l’altro, ha promesso investimenti per 50 miliardi di scellini (4,2 miliardi di corone) per sostenere i piccoli imprenditori attraverso il suo cosiddetto “Hustler Fund”.

Nella città di Kirugoya, nel Kenya centrale, il vicepresidente William Ruto sta cercando di corteggiare gli elettori con lo slogan

Nella città di Kirugoya, nel Kenya centrale, il vicepresidente William Ruto sta cercando di corteggiare gli elettori con lo slogan “ogni trambusto conta”.

Foto: Eric Espornson

Al lettore svedese, come spieghi la frase “impostore”?

– C’è qualcuno che cerca di avanzare con tutti i mezzi. Lavoratore duro, dice Roto, dorme fino a tardi e cerca di mettere insieme il puzzle in modo rispettoso della legge, che ha iniziato la sua carriera vendendo polli lungo l’autostrada, secondo la sua storia.

Non tutti sono convinti Che lui stesso rispettasse la legge, a parte l’accusa della CPI (che è crollata). Roto è uno dei politici più accusati di corruzione in un Paese in cui la corruzione è stata una caratteristica cronica della politica. E sebbene non sia mai stato condannato in tribunale, gli scandali si sono susseguiti. Per questo molti kenioti temono un aumento della corruzione con l’ascesa al potere di Ruto. L’avversario Raila Odinga ha promesso di combattere la corruzione.

Cosa diresti ai critici che parlano del tuo passato contaminato?

-Coloro che discutono della corruzione a Kisumu (la roccaforte più forte di Odinga, ndr), sono quelli che hanno tratto maggior beneficio dalla corruzione. Roto dice che sono stati miliardari affamati a finanziare la campagna dei dissidenti, persone che hanno rubato denaro ai pazienti durante la pandemia.

Come in molti altri paesi africani, in Kenya sono scomparse ingenti somme di denaro durante il flusso di cassa nel settore sanitario causato dalla pandemia di Covid. Tuttavia, la responsabilità è limitata dopo l’ultimo mandato.

Giovedì si è tenuta una manifestazione per la pace a Kisumu, scossa dai disordini durante le precedenti elezioni.

Giovedì si è tenuta una manifestazione per la pace a Kisumu, scossa dai disordini durante le precedenti elezioni.

Foto: Eric Espornson

Perché quando Uhuru Kenyatta E Raila Odinga si è stretto la mano dopo le ultime elezioni, per aggiungere carburante alle onde create dopo un risultato elettorale inconcludente, William Ruto è stato messo da parte.

Così Roto si è venduto con successo all’elettorato come outsider politico, anche se ufficialmente esercitava più potere del suo avversario.

risalire Attraverso il portello del tetto per salutare le persone. Una donna ha lottato per l’ultimo quarto d’ora per raggiungere l’auto e portare il suo bambino di un anno, che Roto sta sollevando nel cielo nebbioso. La folla applaudiva per questa benedizione e il bambino sembrava terrorizzato.

Alla fine del caucus, il vicepresidente William Ruto ha portato un bambino spaventato nel cielo nebbioso.

Alla fine del caucus, il vicepresidente William Ruto ha portato un bambino spaventato nel cielo nebbioso.

Foto: Eric Espornson

L’allontanamento di cui parla Roto non è solo di breve durata. Si considera un combattente contro un sistema politico dominato da alcune dinastie sin dall’indipendenza.

Quando lo era il padre di Uhuru Jomo Kenyatta Divenne il primo presidente del paese all’inizio degli anni ’60, con Yaramoji Oginga Odinga, il padre di Raila, come vicepresidente. Questi due politici divennero poi acerrimi nemici e la famiglia Odinga fu destinata ad assumere il ruolo di opposizione per mezzo secolo.

Raila Odinga non nega la sua storia familiare. Al contrario, lo sottolinea quando il suo ultimo incontro elettorale è iniziato in patria, nella verde città costiera di Kisumu, sulle rive del Lago Vittoria, il giorno successivo. Decine di migliaia di giovani estatici si sono radunati su un campo da calcio e sugli spalti sono diventati così caotici prima dell’arrivo di Odinga che i visitatori hanno iniziato a lanciarsi sedie l’un l’altro in una rissa che le guardie di sicurezza si sono rapidamente sciolte.

Decine di migliaia di spettatori hanno riempito la piazza di Kisumu, la roccaforte più forte del leader dell'opposizione Raila Odinga.

Decine di migliaia di spettatori hanno riempito la piazza di Kisumu, la roccaforte più forte del leader dell’opposizione Raila Odinga.

Foto: Eric Espornson

Nel discorso, Odinga le si è rivolto in precedenza La divisione tra la sua famiglia e quella di Uhuru Kenyatta, tra le famiglie di Los e Kikuyos, ora si è riunita.

Kikuyus e Luos non sono nemici. Abbiamo diviso la politica. Ma ci siamo stretti la mano e abbiamo deciso di stare insieme e realizzare il sogno dei nostri compatrioti, dice Odinga.

È senza dubbio una cosa tremenda Questa alleanza sarà difficile per Roto, che è in ritardo nei sondaggi. Odinga è stato anche rafforzato dopo aver presentato l’ex ministro della Giustizia Martha Karua come vicepresidente. Se vincono, diventerà la prima vicepresidente donna nella storia del Paese.

Dopo l’incontro, Odinga ha detto a DN che è un punto di forza che lui e la sua famiglia siano stati in politica per molto tempo.

I kenioti mi conoscono bene. Sanno che sostengo il cambiamento. Il mio avversario fa parte del governo, a differenza di me.

immagine 1 da 3
Raila Odinga ha già provato a diventare presidente quattro volte. Il quinto tentativo sembra riuscito, secondo i sondaggi d’opinione.

Foto: Eric Espornson

immagine 2 da 3
Baba na Martha è il duo che potrebbe guidare il Kenya per i prossimi cinque anni. Baba è un’espressione che simboleggia il ruolo patriarcale che Raila Odinga ha ricevuto nel Paese. Martha Karua potrebbe diventare la prima vicepresidente donna del Paese.

Foto: Eric Espornson

immagine 3 da 3
I sostenitori di Raila Odinga tornano a casa dopo la manifestazione elettorale di Kisumu.

Foto: Eric Espornson


Lo dice Odinga Che desiderano coprire l’aumento del costo della vita con efficienze nel settore pubblico che possono portare a una maggiore produttività.

All’età di settantasette anni, la domanda nella mente di tutti era se Odinga avesse le forze rimanenti, poiché sembrava pronto ad arrivare al palazzo presidenziale al quinto tentativo.

– Conduco questa campagna da diversi mesi e sono sana come una noce. Questo è l’ultimo giro della maratona. Sono salito sul ring e ho intenzione di correre verso il traguardo.

READ  Corte costituzionale polacca: l'Unione europea sta violando le nostre costituzioni