TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vuoi aiutare Blåvitt a tornare al top e giocare in Europa?

Ha incontrato star come Timo Werner, Achraf Hakimi e Jadon Sancho. Ha giocato nelle qualificazioni ai Mondiali e nel campionato tedesco. Suleiman Abdullah ha già messo insieme un solido curriculum calcistico. Ora è pronto per Allsvenskan e IFK Gothenburg.

– Sono venuto qui perché è un grande club. Ho sentito molto parlare della squadra, quindi ho deciso di venire qui. Voglio aiutare gli altri nella squadra, dice Abdullah a Fotbollskanalen.

L’attaccante si unisce a parametro zero e ha firmato un contratto per la stagione 2025. Ma non c’era interesse a firmarlo.

– No, ma ho deciso di venire qui. Avevo alcune opzioni, ad esempio in Svizzera e Germania, ma ho scelto il blu e il bianco.

perché?
– Sono venuto qui per aiutarci a vicenda per riportare la squadra in cima. Forse possiamo suonare anche in Europa.

Abdullah appartiene al club tedesco Union Berlin, ma è stato recentemente ceduto in prestito al Braunschweig in seconda divisione. Nel club precedente ha giocato con lo svedese Sebastian Andersson.

– A volte abbiamo parlato dei club qui in Svezia, sono bravi e così via. Se potessi giocare qui, ecc. E ora sono qui finalmente! Va bene, dice l’attaccante e continua:

– Mi sono divertito molto in Norvegia e anche in Viking (2015-2016). Conosco il calcio scandinavo, il che è positivo ora che sono qui. Il tempo era così, ma era lo stesso ovunque. Non è un problema.

Nel microfono dell’intervista, Abdullah all’inizio dà un’impressione timida. Il nuovo allenatore di Blåvitt, Stig Torbjörnsen, pensa che il nigeriano sia una persona familiare. Qualcosa con cui lui stesso è d’accordo.

– Sono molto introverso ma ancora una persona sicura di sé. Anche se sono abbastanza distaccato, sono molto socievole da solo. Amo stare con la mia famiglia, ma anche la religione è importante per me. Prego ogni giorno cinque volte al giorno. Nella squadra ci sono molti musulmani, tre o quattro giocatori. È permanente.

READ  Ronnie Bardji supera Alexander Isaacs, il giocatore più giovane nella storia della nazionale under 21

Suleiman Abdullah è stato presentato da Blovitt martedì e giovedì ha eseguito il suo primo allenamento di gruppo con la sua nuova squadra. Quando si aprirà la finestra di mercato, il 15 luglio, sarà disponibile per la partita. Questo nonostante il fatto che non giochi in competizioni da oltre un anno.

– E’ stato il mio secondo allenamento oggi. Oppure, mi sono allenato da solo una volta prima, quindi è stato il mio primo allenamento con la squadra oggi. Tutto è andato bene, tutto è andato bene.

Sei pronto per giocare quando lo ottieni?
– Sì, sono pronto. Già oggi e domani sono pronto.

La voglia di tornare a giocare a calcio non poteva mancare a Suleiman “Minni” Abdullah.

– Mi chiamano “Manny”. Mi chiamavano così a Braunschweig, ma in Norvegia mi chiamavano “Sully”. Dice che quelli di Plafitte mi chiamano “Sully”.

Quale preferisci?
– Criniera!

L’allenatore dell’IFK Göteborg Mikael Stahri sull’acquisizione del nuovo attacco:

– Potente forza in avanti. Stahre dice di essere bravo in profondità, forte e sa dove mirare da qualche parte.

Quali sono le tue speranze per lui?
– Ovviamente speriamo che ci aiuti ad avere successo. Come al solito abbiamo grandi speranze, ma allo stesso tempo un po’ di pazienza perché gioca da tanto tempo. Ma dopo due settimane di allenamento qui, probabilmente è pronto per iniziare.

Quando pensi che possa essere fisicamente pronto per le partite?
– Non lo so. Essere abbastanza pronti per giocare ed essere bravi è un’altra cosa per essere al meglio. Sappiamo che le cose possono andare velocemente, quindi speriamo comunque che venga selezionato nella partita contro il Mjällby (17 luglio), afferma Mikael Stahre.

READ  "Sarò visto come Zlatan in Gambia"