TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Voglio che le persone vengano qui e abbiano paura”

Milos Milojevic era un successore senza titolo del dimesso John D. Thomason, poche settimane dopo che lo stesso serbo era stato espulso da Hammarby. Ma Malmo non è estraneo a Milojevic. Grazie all’amicizia con il connazionale Vito Stavlianin, ex capo scout del MFF e qualche mese fa direttore sportivo dell’Uster, il 39enne ha inseguito il MFF ed è da tempo nel radar del club.

Milojevic dice di aver seguito le partite europee del club la scorsa stagione e di aver monitorato i giocatori under 19 nell’organizzazione. Quando ha allenato il Mialbe tra il 2018 e il 2019, il club ha preso in prestito i giovani di MFF Pavli Vagic e Felix Konstandliasz. Ora inizia il compito di gestire il successo complessivo sotto la guida di Dale Tomasson che ha ottenuto la doppia medaglia d’oro per il campionato svedese e la Champions League.

Il motivo principale per cui sono qui è perché questo club è tutto per vincere. Questo è stato il caso negli ultimi dieci anni e anche prima, ovviamente, ma questi dieci anni sono stati così sorprendenti. Le ambizioni del club e le mie sono sulla stessa linea. Sì, ci vuole molto, ma se fosse diverso, non sarebbe abbastanza buono, dice Milos Milojevic e continua:

– Questa è la ragione principale, e l’altra è che avevo una band a Malmö anche prima di venire in Svezia. Il legame tra me e il club è Vito e ho fatto squadra per prendere giocatori dal Malmö, ho guardato le partite e ho seguito lo sviluppo. Penso di sapere cosa ci si aspetta da me e non mi nascondo dalle responsabilità. So che ci vuole molto lavoro, ma so di avere i migliori giocatori del campionato e il miglior potenziale nel club.

READ  È morto l'attore Jean Paul Belmondo

Ad Hammarby, ha usato un esterno offensivo 5-3-2 e ha reso Baggen una delle migliori squadre in termini di punti durante i suoi 22 turni in squadra. Una media di 1,91 punti a partita sotto Milojevic è stata superata solo dall’AIK in quell’intervallo e ha portato al quinto posto nell’Allsvenskan.

Il mio stile di gioco è molto aggressivo e controllato, con velocità e intensità con la palla. Sono anche molto adattivo nel trovare la squadra migliore in base alla squadra che abbiamo e ai giocatori che vogliamo reclutare, dice Milojevic.

Si apre a MFF per continuare il fortunato 4-3-3.

– Penso che i principi non differiranno, ma la squadra può farlo. Il bene che è stato raggiunto in questi anni qui, vogliamo valutare e alzare l’asticella nella struttura e attaccare il gioco e farci più dominanti. Fai in modo che possiamo finire le partite in un modo più comodo, in breve.

Alla conferenza stampa di venerdì, a Milojevic è stato chiesto quale identità associa al Malmö FF:

Mentalità vincente. Ricordo tutte le partite che ho visto qui prima di diventare allenatore dell’Allsvenskan: non molte squadre possono sopravvivere alle prime 20-30 partite in campo. Questo è quello che voglio, che le persone vengano qui e si spaventino. Non voglio parlare di questo, ecco perché non vedo l’ora di mettermi al lavoro e inviare questi messaggi ai giocatori, che sanno cosa significa essere responsabili nell’indossare questa maglia e lo stemma del club. Se ci arriviamo, cosa che penso che faremo, dice Milojevic, sarò molto orgoglioso.

– Penso che la direzione sia buona e ci sono piccoli dettagli che dobbiamo migliorare. Dobbiamo dare loro più fiducia e cose del genere, ma il gruppo di giocatori è una buona regola e l’identità deve essere che anche in una brutta giornata si vince la partita. Molti club non lo hanno, ma lo esprimo qui e lo chiamo la Stella Rossa. Se vinci in una brutta giornata, è fantastico perché significa che avremo davvero il controllo delle giornate migliori. Niente funziona meglio di vincere. Gain funziona meglio della penicillina e degli antibiotici.

READ  "Forse mio fratello era troppo orgoglioso."

Il più grande punto interrogativo su Milojevic è la sua piccola esperienza con i grandi club. Prima di trasferirsi ad Hammarby la scorsa estate, Milojevic ha lavorato come assistente allenatore alla Stella Rossa della Serbia per 1,5 anni. Le posizioni di allenamento prima di Mjällby, che ha preso il posto sia della Divisione 1 che del Superettan, si sono svolte negli islandesi Vikingur e Breidablik. Ma la pressione non aumenterà perché la pensa così.

– Penso che lo gestirò bene. Ma devo dire che se le persone pensavano che ci fosse pressione qui, non l’hanno espressa. L’esperienza che ho avuto prima, soprattutto dalla Serbia, è stata stressante. È completamente diverso e penso che mi aiuterà in questo. Ovviamente c’è pressione, ma penso che la pressione che metto su me stesso non possa essere paragonata alla pressione che qualcun altro esercita su di me. Penso che la pressione sia molto buona perché sai che devi esibirti giorno dopo giorno e sarai sempre giudicato dalla tua ultima partita, dice Milos Milojevic.

Il suo staff tecnico sarà integrato da un altro nome dalla partenza di Remy Reigns. Jeffrey Oppen e Johnny Fidel rimangono assistenti allenatori e allenatori dei portieri del club.