TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Violente proteste contro il vaccino in Europa

I permessi e le restrizioni alle vaccinazioni hanno portato a una nuova ondata di proteste in Europa.

Violente proteste sono scoppiate in diversi luoghi.

Lo svedese Jacob e suo figlio di 7 anni sono stati gasati mentre stavano pranzando in Francia.

Jacob Hascolli, 30 anni, era in vacanza all’inizio di agosto Europa Con suo figlio di 7 anni. Quando si sono fermati a pranzo nella città francese di Metz, sono finiti nel bel mezzo di uno scontro tra manifestanti e polizia.

– La polizia ha sparato gas lacrimogeni contro tutte le persone, anche se molti di loro erano appena passati e molti di loro erano solo turisti, dice Jacob Hascolli.

Sono finiti per errore nel mezzo della rivolta, e Jacob e suo figlio hanno cercato di uscire da lì nello stesso momento in cui la polizia ha sparato loro con i gas lacrimogeni.

“Ho pensato che avrei dovuto portare mio figlio fuori di lì, è stato orribile vedere mio figlio tossire e piangere per i gas lacrimogeni”, dice Jacob Hascolli.

I manifestanti sono stati amichevoli e disponibili, dice Jacob, cercando di sbarazzarsi dei gas lacrimogeni e aiutando Jacob e suo figlio a spostarsi da lì in una piazza vicina dove potevano lavarsi gli occhi con acqua. Lì, Jacob ha parlato con un manifestante, il quale ha affermato che le proteste erano dovute alle restrizioni del paese.

– Il manifestante ha detto che voleva “rivendicare la sua libertà”, secondo Jacob Hascolli.

Lo svedese Jacob e suo figlio di 7 anni sono stati gasati mentre stavano pranzando in Francia.

Macron: “Hanno perso la testa”

Scontri come quelli testimoniati da Giacobbe si sono verificati in diversi luoghi della Francia. Washington Post Scrive che, tra le altre cose, le tende che forniscono test per il coronavirus sono state attaccate e distrutte dagli oppositori del vaccino.

READ  Focolaio su larga scala ad Älvsbyn - 73 raccoglitori di lamponi infetti da covid-19

In Francia, 230.000 persone hanno preso parte sabato alle proteste contro la reimposizione delle restrizioni e delle condizioni per l’ottenimento dei passaporti per le vaccinazioni. Un’iniziativa del governo volta ad aumentare il tasso di vaccinazione. Attualmente, circa il 65% della popolazione francese ha ricevuto almeno un’iniezione.

“Decine di migliaia di persone hanno perso la testa al punto da poter affermare che viviamo in una dittatura”, ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron. mercoledì Sulle critiche che il governo ha aggirato queste leggi.

In Francia, 230.000 persone hanno preso parte alle proteste.

Molti dei manifestanti sono persone generalmente critiche nei confronti delle restrizioni e delle restrizioni nella società che colpiscono coloro che non sono stati vaccinati.

Ma tra coloro che manifestano ci sono anche operatori sanitari che si oppongono all’obbligo di vaccinazione per poter lavorare nel settore sanitario. Oltre al personale del ristorante scontento del nuovo requisito secondo cui gli ospiti devono mostrare il passaporto covid per poter mangiare in un ristorante, ha scritto il Washington Post.

Ho cercato di entrare nella BBC – il titolo era sbagliato

A Londra, martedì un gruppo di manifestanti anti-vaccini ha cercato di prendere d’assalto l’edificio della BBC. Il grosso problema era che erano all’indirizzo sbagliato. Il gruppo ha tentato di entrare nel vecchio edificio della BBC, che ora ospita diverse società, ma non la BBC.

In centinaia si sono scontrati con la polizia mentre cercavano di prendere d’assalto l’edificio. Molti hanno cantato “Vergognati”, secondo The Guardian.

Le proteste sono state dirette alla BBC, poiché i manifestanti credono di incoraggiare e promuovere la vaccinazione. Nell’aggressione un poliziotto è rimasto lievemente ferito e nessuno è stato arrestato.

Dimostrazioni di vaccini antisemiti in Polonia

Altrove in Europa sono scoppiate proteste simili. Soprattutto nei paesi con una sorta di covid-pass in cui coloro che non sono stati vaccinati devono affrontare più restrizioni rispetto a coloro che hanno ricevuto il vaccino. In Polonia, i critici affermano che il vaccino ha creato una separazione nella società.

Lì migliaia di persone hanno manifestato contro vaccinazioni e restrizioni. Per le strade della città polacca di Katowice si potevano leggere manifesti con testi come “Il governo sta uccidendo”, “Non toccate i nostri bambini” e “L’epidemia è falsa”. media locali.

Lì, molte proteste contro i vaccini sono state guidate da gruppi nazionalisti e di estrema destra. All’inizio di luglio, i video sono stati pubblicati Social media “Gli ebrei sono dietro la pandemia”, hanno cantato i manifestanti.

La polizia tedesca ha usato cannoni ad acqua contro i manifestanti.

Gli estremisti di destra approfittano delle proteste in Germania

La scorsa settimana, la Germania ha assistito a una nuova ondata di proteste violente in dozzine di luoghi diversi in tutto il paese. Anche lì, le proteste si svolgono nel contesto del dibattito sui passaporti pandemici e sui benefici dell’immunizzazione delle persone nella società.

Più di 600 persone sono state arrestate la scorsa settimana durante le manifestazioni contro le misure contro la pandemia nel paese e la polizia ha usato spray al peperoncino e cannoni ad acqua contro i manifestanti. Secondo i rapporti, durante una protesta, un giornalista è stato picchiato e preso a calci dai manifestanti Guardiano.

READ  Un sondaggio unico mostra: il commercio elettronico è migliore per l'ambiente rispetto al commercio fisico

Anche sui social media, il tono è aggressivo, con i critici del vaccino che scrivono cose come: “Il tempo delle manifestazioni pacifiche è finito”.

È il cosiddetto movimento Querdenker in particolare a guidare molte delle manifestazioni. È un gruppo che include scettici sulla pandemia e oppositori del vaccino, nonché estremisti di destra.

Secondo gli esperti, gli elementi radicali del movimento hanno molte somiglianze con quelli che hanno preso d’assalto il Campidoglio a Washington, DC, all’inizio di quest’anno, scrive. Washington Post.

Manifestazione contro il passaporto Covid in Italia.

Rabbia in Italia e Grecia

In Italia, il passaporto del vaccino ha suscitato indignazione in diversi luoghi. “Abbasso la dittatura”, hanno scandito i manifestanti, in reazione alla nuova legge che impone ai visitatori di ristoranti e cinema, ad esempio, di mostrare i passaporti.

In Grecia, alla fine di luglio, circa 4.000 persone si sono radunate in grandi manifestazioni. Ad Atene sono state lanciate bombe molotov contro la polizia, che ha risposto con gas lacrimogeni.

Inserito: