TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vetenskapsradion evidenzia una nuova ricerca sulle tracce delle esperienze linguistiche dei bambini prima della nascita

I neonati riconoscono la voce e la lingua materna perché l’hanno già sentita, come hanno dimostrato gli studi comportamentali degli anni Novanta. Ora i ricercatori sono stati in grado di confermare che ciò è vero attraverso metodi neurofisiologici. Iris-Corinna Schwarz, ricercatrice presso Stockholm Babylab, commenta l’articolo e cosa questo significa per la ricerca su Vetenskapsradion Nyheter i Sveriges Radio P1.

pancia incinta

Foto: freestock, Unsplash

In un recente articolo “L’esperienza precedente modella il cervello” Progressi scientifici, un team di ricercatori italiani, francesi e americani presenta il proprio studio su come i feti nel grembo materno possono acquisire il linguaggio. Lo studio, basato sull’ascolto della voce materna nel feto durante l’ultimo trimestre di gravidanza, mostra come quell’esperienza lasci tracce nel cervello. Iris-Corinna Schwarz, esperta di linguistica, docente di pedagogia speciale e ricercatrice allo Stockholm Paylab dell’Università di Stoccolma, ritiene che i risultati di questo studio confermino ciò che gli studi comportamentali degli anni ’90 hanno mostrato riguardo alle capacità linguistiche dei neonati. Ad esempio, i neonati possono riconoscere la voce e la lingua materna della madre perché l’hanno sentita nel grembo materno.

– Questo è il primo studio che è riuscito a dimostrarlo attraverso l’analisi delle bande di frequenza dell’EEG, utilizzando metodi neurofisiologici, afferma Iris-Corinna Schwarz.

Nello studio si vede che il francese si distingue chiaramente perché il cervello del bambino ha più esperienza e i percorsi cerebrali hanno acquisito una certa abitudine a elaborare il francese.

Nel nuovo studio, i neonati di madri francofone hanno dovuto ascoltare frasi equivalenti ripetute in francese, spagnolo e inglese, ciascuna lingua in blocchi di 7 minuti. I ricercatori hanno confrontato le oscillazioni del cervello prima dell’ascolto e hanno riscontrato differenze tra francese, spagnolo e inglese.

READ  Il manager fisso si scusa: "Non abbastanza"

– Nello studio si vede che il francese si distingue chiaramente, dice Iris-Corinna, perché il cervello del bambino ha più esperienza e i percorsi cerebrali hanno acquisito una certa abitudine a elaborare il francese. Lo spagnolo, simile al francese, trae qualche vantaggio dall’esposizione prenatale al ritmo. L’inglese, d’altra parte, è così diverso dall’esposizione prenatale che il cervello non ha alcun vantaggio nell’elaborare l’inglese perché non c’è nulla da creare.

Iris-Corinna Schwarz, PhD in Linguistica, docente di Pedagogia Speciale e ricercatrice presso Stockholm BabyLab presso l’Università di Stoccolma. Fotografo: Rickard Gilstrom

Il vantaggio degli studi neurofisiologici è che il bambino non deve fare altro che ascoltare, dice Iris-Corinna Schwarz. I bambini nello studio dormivano e il loro cervello rispondeva alla domanda.

-Primi risultati comportamentali ottenuti utilizzando la frequenza del ciuccio, il primo comportamento che i neonati possono controllare. Associando tassi di assorbimento diversi a stimoli diversi, ad esempio lingue diverse, si può scoprire cosa piace sentire a un bambino, dice.

Nella loro ricerca presso Stockholm Babylabb, Iris-Corinna Schwarz e i suoi colleghi hanno potuto vedere che, a livello neurologico, le emozioni positive nel discorso diretto al bambino facilitano il riconoscimento delle parole nel bambino.

Usi molte emozioni positive quando parli con i bambini nel primo anno di vita, durante il quale si costruisce il vocabolario passivo del bambino, ad es. Il bambino impara le parole senza essere ancora in grado di dirle, dice. Con l’aiuto dell’EEG, indaghiamo l’ipotesi che il discorso rivolto ai bambini in generale – soprattutto quelli con elevata emozione – faciliti il ​​riconoscimento delle parole nei bambini.

Leggi l’articolo “L’esperienza prenatale con il linguaggio modella il cervello” qui.

READ  La star delle lunghe distanze si sente inseguita: "Tanti che vogliono battermi"

Ultimo aggiornamento: 30 novembre 2023

Responsabile del sito: Dipartimento di Linguistica