TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una persona è stata infettata dall'influenza aviaria dalle mucche da latte

Per la prima volta in assoluto una persona ha contratto l'influenza aviaria dopo essere entrata in contatto con mucche infette. La persona in questione è nata nello stato americano del Texas, secondo l'Autorità per il controllo delle infezioni Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Se la persona interessata ha avvertito arrossamento degli occhi come unico sintomo e ora si sta riprendendo.

Era la fine di marzo Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti L'azienda ha annunciato la scoperta del virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità di tipo H5N1 nelle vacche da latte di un totale di quattro allevamenti in Texas e Kansas. Questa era la prima volta che il virus H5N1 veniva rilevato nei bovini. Sembra che le mucche da latte più anziane siano colpite in misura maggiore, sebbene nessuna mucca o almeno alcune mucche siano morte a causa della malattia.

L’infezione dei mammiferi è qualcosa che dobbiamo monitorare attentamente, perché la probabilità che il virus subisca cambiamenti che lo rendano più adatto a noi esseri umani è leggermente più alta. Questo è qualcosa che dovremmo tenere d’occhio, dice Malin Grant, epidemiologo presso l’Istituto veterinario norvegese, a Uppsala.

Malin Grant, epidemiologo del Norwegian Veterinary Institute, SVA.

Foto: Goran Ekeberg

La SVA non vede alcun rischio maggiore che una situazione simile possa verificarsi tra le vacche da latte svedesi.

L'infezione è stata scoperta dopo una diminuzione della produzione di latte in alcuni allevamenti di animali e dopo che sono state escluse altre cause. Nelle aziende lattiero-casearie svedesi non vediamo un quadro simile a quello osservato negli Stati Uniti.

Quella gente L'influenza aviaria è rara, sebbene si verifichi. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale ci sono 887 casi documentati provenienti da 23 paesi in cui le persone sono state confermate infette dal virus. La metà delle persone infette, il 52%, è morta. Tuttavia, la maggior parte di questi decessi deriva da ceppi diversi dal ceppo del virus H5N1 attualmente circolante tra gli uccelli in Nord America, Sud America ed Europa.

La variante che circola ora è meno contagiosa per l’uomo e provoca sintomi più lievi. Malin Grant afferma di essere arrivata in Europa per la prima volta nel 2014.

In Svezia la SVA ha rilevato l'influenza aviaria in foche, focene e volpi. Quest'ultimo è stato colpito l'anno scorso dalla morte di numerosi gabbiani ridenti a causa del virus in diverse regioni del Paese. Le volpi si infettavano quando mangiavano uccelli malati. Tuttavia, gli animali più colpiti dall'H5N1 restano gli uccelli, dove il tasso di mortalità può essere molto elevato.

Finora quest'anno abbiamo riscontrato tre focolai di influenza aviaria tra i volatili domestici svedesi, due a gennaio e uno a marzo, afferma Malin Grant.

fatti.Influenza aviaria e umana

È molto raro che l'influenza aviaria A (H5N1) ad alta patogenicità possa infettare l'uomo. Tra i sintomi e le complicazioni che possono verificarsi ci sono febbre, tosse e polmonite.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra il 1 gennaio 2003 e il 26 febbraio 2024, ci sono stati un totale di 887 casi provenienti da 23 paesi in cui è stata confermata l’infezione dal virus. Di questi casi, il 52% è stato fatale.

Ma la maggior parte dei decessi sono causati da ceppi del virus H5N1 diversi da quello attualmente diffuso tra gli uccelli in Nord America, Sud America ed Europa. Sembra causare malattie molto più lievi negli esseri umani.

L’influenza aviaria è una delle malattie più pericolose che colpiscono il pollame, poiché provoca un tasso di mortalità molto elevato. L'infezione si distingue in una forma ad alta patogenicità (HPAI) e una forma a bassa patogenicità (LPAI) a seconda della sua capacità di provocare malattie nel pollame.

Fonte: OMS/SVA

Per saperne di più:

Il primo caso di influenza aviaria nelle mucche

READ  I movimenti del feto nell'utero sono necessari per collegare il corpo, il midollo spinale e il cervello