TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una nuova ricerca determina che la luce dello schermo non danneggia il sonno

Una nuova ricerca determina che la luce dello schermo non danneggia il sonno



Göteborg, 10 giugno 2024 – In uno studio pubblicato di recente, i ricercatori del sonno hanno dimostrato che le convinzioni obsolete sulla luce dello schermo e sull'uso dello schermo prima di andare a letto non sono così dannose per il sonno come riportato in precedenza.

Se facciamo un passo indietro e osserviamo tutto ciò che può avere un impatto negativo sul sonno, vediamo che l'impatto degli schermi è stato notevolmente esagerato, afferma Michael Gradisar, Ph.D. e responsabile della scienza del sonno presso Sleep Cycle.

Si chiama lo studio pubblicato sulla rivista Sleep Medicine Reviews Un modello bidirezionale di sonno e uso della tecnologia: una revisione teorica della quantità, per chi e con quali meccanismi Fornisce una revisione completa del rapporto tra uso della tecnologia e sonno. Una ricerca condotta da un team di esperti internazionali, tra cui Michael Gradisar, ha dimostrato che gli effetti negativi della luce blu emessa dagli schermi sono molto piccoli sul sonno e spesso sono sovrastimati.

Intensità luminosa: Lo studio ha dimostrato che la luce emessa dagli schermi non è abbastanza forte da disturbare il sonno. Negli esperimenti, anche gli schermi più luminosi non superavano gli 80 lux, ben al di sotto dei 500 lux che influiscono sui livelli di melatonina e sul sonno..

Ritardo di 9,9 minuti: Un’analisi di 11 studi globali ha rilevato che il ritardo massimo del sonno causato dall’uso dello schermo è stato di soli 9,9 minuti, una differenza considerata piccola.

Impatto del contenuto: Contrariamente alla credenza popolare, diversi tipi di contenuti, inclusi videogiochi e programmi TV, hanno avuto un effetto minimo o nullo sulla qualità del sonno fintanto che l’individuo rispettava l’orario di andare a dormire regolarmente.

READ  Test: Sandberg Bluetooth Audio Link 2in1 TxRx - Crea vecchi gadget wireless

Michael Gradisar afferma che il tempo trascorso davanti allo schermo prima di andare a letto è spesso ritenuto responsabile dei problemi del sonno, ma i risultati della ricerca mostrano che il tempo trascorso davanti allo schermo prima di andare a letto non ha questo effetto. La maggior parte dei problemi del sonno possono essere attribuiti a persone che hanno abitudini di sonno irregolari e incoerenti.

La cosa più importante per dormire è dormire a sufficienza Luce naturale Durante il giorno e creare Routine di posa regolareMichael Gradisar dice.

L’obiettivo della ricerca è promuovere abitudini sane legate allo schermo che possano aiutare le persone a mantenere una buona igiene del sonno. La speranza è che i risultati della ricerca possano contribuire a come la tecnologia possa essere integrata positivamente nelle routine della buonanotte per favorire un sonno sano anziché ostacolarlo.

Avere Michael Gradisar, come ricercatore attivo ed esperto del sonno, garantisce che ciò che costruiamo sia supportato dalla scienza. Gli ultimi risultati della ricerca di Michael sono incredibilmente interessanti perché mettono in discussione una verità precedentemente assunta. Si tratta di informazioni che possiamo a nostra volta condividere con 1 milione di utenti giornalieri, contribuendo così a migliorare la salute del sonno in tutto il mondo, afferma Erik Gevmark, CEO di Sleep Cycle.



Per ulteriori informazioni contattare:

Jonah Greenfeldt | Ciclo del sonno per l'addetto stampa

+46707 35 75 39 | [email protected]

Michele Gradisar | Direttore del Dipartimento di Scienze del Sonno e del Ciclo del Sonno e Ph.D.

[email protected]

Informazioni sul ciclo del sonno

Con milioni di utenti attivi ogni giorno e oltre 2 miliardi di notti analizzate in oltre 150 paesi, Sleep Cycle è l'app leader per il monitoraggio del sonno e uno dei servizi per il miglioramento della salute del sonno più utilizzati in tutto il mondo. La missione di Sleep Cycle è migliorare la salute globale facendo sì che le persone in tutto il mondo dormano meglio. Dal suo lancio nel 2009, Sleep Cycle ha aiutato milioni di persone a comprendere le proprie abitudini di sonno e a migliorare il proprio sonno. L'applicazione mobile aiuta gli utenti ad addormentarsi più facilmente, legge e analizza il sonno durante la notte, sveglia l'utente in una fase di sonno leggero e fornisce informazioni su come migliorare al meglio la qualità del sonno. Sleep Cycle è una delle fonti più complete di statistiche sul sonno al mondo e contribuisce alla ricerca e alla reportistica sul sonno in tutto il mondo. Sleep Cycle è quotata al Nasdaq di Stoccolma con il ticker SLEEP e ha sede a Göteborg, Svezia.

READ  In vendita: bisturi Cannondale HT Carbon 2 | Viola Nebbia taglia S.