TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una difesa molto solida ha dato la vittoria alla Svezia sulla Norvegia

Il grande punto interrogativo prima dei Giochi Olimpici di Tokyo riguardava la linea di difesa svedese. Dopo che Linda Sembrandt si è infortunata e Nella Fisher si è rifiutata di giocare alle Olimpiadi, la domanda era come colmare il vuoto al centro della difesa.

Contro la Norvegia, il capitano della nazionale Peter Gerhardsson ha risolto la questione passando al 3-4-3 alternativo e schierando Natalie Björn e Amanda Illestit accanto a Magdalena Eriksson in difesa.

Fondamentalmente sembrava sicuro come qualsiasi altra cosa, e il risultato ha retto allo stesso tempo la Svezia ha mancato a malapena un’opportunità da rete davvero pericolosa e Gerhardsson è sembrato raffreddarsi molto.

Miglior Benison Internazionaleسون

avanti allora?

Olivia Schouf ha iniziato in una posizione un po’ insolita, come giocatrice difensiva (piuttosto che molto offensiva) in un centrocampo a quattro. L’ha gestita con coraggio, non da ultimo nel gioco offensivo, e Gerhardsson probabilmente ha dato esattamente la risposta che voleva, ovvero che ha un buon sostituto per Hannah Glass, il giocatore del Bayern Monaco che è stato clamorosamente bravo la scorsa stagione.

A centrocampo, anche la talentuosa Hanna Benison ha collezionato le sue ottave presenze in nazionale. E quando la nazionale ha potuto giocare per la prima volta dopo tanto tempo davanti a un pubblico – 500 spettatori sono stati ammessi alla Guldfågeln Arena – il diciottenne ha messo in campo il suo miglior impegno giallorosso fino ad oggi. Dopo un inizio iniziale, le cose sono andate bene ed è stato più volte il centro creativo che dovresti essere in nazionale.

Al 69′ è stato concesso un rigore alla squadra di casa e a Filippa Angeldahl è stata data la possibilità di ribaltare alcune cose.

READ  Fulmine pronto a sconfiggere gli uragani

Impressionato da Plastenius / Aslani

Ovviamente la Svezia è stata la squadra migliore per tutta la partita, ma ci è voluto un po’ prima che trovassero la squadra giusta. Tra gli altri, Stena Plastinius e il kosovaro Aslani hanno avuto molte buone occasioni nel primo tempo, la più vicina delle quali è stata un cross di Aslani sul palo al 12′. Caroline Seeger ha contribuito alla partita numero 214 del capitano svedese, detentrice del record europeo per Therese Sjogran e Birgit Prinz.

Nella ripresa, Blacksteinius e Aslani hanno continuato a farlo per difendere la Norvegia. Al 62′ la collaborazione avrebbe dovuto sfociare in un rigore svedese.

Blacksteinus ha lottato per la palla in una rapida svolta svedese e Aslani ha liberato. Nonostante sia stata spinta alle spalle, la stella del Real Madrid è riuscita a spingere la palla sulla famigerata Cecily Fiskerstrand prima che il portiere norvegese la portasse via. Ma il rigore è stato un calcio, nonostante le clamorose proteste di Peter Gerhardsson contro l’arbitro Mika Vanderstschel.

Lo provo come se fossi il primo a giocare per il pallone e ho finito. Nello stesso istante ricevo una spinta e vengo rapita. Aslani dice punizione chiara.

Molti cambiamenti

Quattro minuti dopo, nessuno è stato in grado di fermare la Compagnia Blackstenius/Asllani. Un esterno di Aslani ha messo la difesa norvegese, Blacksteinius è entrato perfettamente in traiettoria diagonale e ha tirato 1-0 tra le gambe su Fiskerstrand.

La Svezia ha avuto il secondo tempo in generale e avrebbe potuto segnare più gol. Blacksteinius ha avuto un’altra palla dentro, ma è stato escluso per fuorigioco.

READ  Riflessione: si dice che Pirlo venga espulso - Sostituisce Allegri

La partita ha poi perso un po’ di ritmo quando i capitani della nazionale hanno scelto di aerare adeguatamente i propri posti durante gli ultimi 20 minuti di gara, insieme a Philippa Engeldahl, Hannah Glass, Jonah Ritting Canried, Emma Kohlberg, Madeleine Gannuji e Mimi Larsson. Ho anche avuto tempo per giocare in Svezia.

– Facciamo una partita molto forte. Più possesso palla, più occasioni da rete, e avrei dovuto fare almeno un gol. Aslani dice, è stato molto divertente da giocare.

Martedì, la Svezia affronterà anche l’Australia a Kalmar. È l’ultima partita internazionale prima della candidatura della squadra olimpica il 22 giugno.

Poi anche Caroline Seeger passerebbe alla storia – molto probabilmente – come la prima calciatrice europea ad aver giocato 215 presenze.