TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un malfunzionamento del sistema ormonale potrebbe essere alla base della grave malattia di Covid-19



Susan Rich, medico di terapia intensiva del Karolinska University Hospital, ha difeso la sua tesi il 20 maggio con uno dei primi studi sui pazienti COVID-19 in terapia intensiva.

La ricerca è diventata il mio modo per superare la disabilità all’inizio della pandemia, quando così tanti sono morti senza che noi potessimo fare nulla, dice.

Il Karolinska University Hospital era l’ospedale con i pazienti in terapia intensiva covid-19 durante l’inizio della pandemia. Susan Resch era una di quelle che lavoravano all’epoca.
Ho osservato, campionato, letto e riflettuto molto su ciò che rende alcuni pazienti più sensibili. I miei risultati indicano che abbiamo un grave problema di salute pubblica che dobbiamo davvero affrontare. In una certa misura, conferma ciò che abbiamo visto durante la pandemia; La malattia colpisce in gran parte le persone con benessere. Questo di per sé è un problema crescente di salute pubblica, una pandemia, per così dire, che dovremo affrontare nel prossimo futuro.

Susan Rich ha presentato la sua tesi al Karolinska Institutet venerdì 20 maggio. Ha identificato la fisiopatologia dei pazienti affetti da COVID-19 in condizioni critiche, ovvero ciò che causa la malattia e ciò che caratterizza coloro che si ammalano in modo critico, e ha trovato un potenziale denominatore comune nella sindrome metabolica.

La sindrome metabolica significa un aumento del rischio di malattie cardiovascolari a causa di lipidi nel sangue elevati, pressione alta e talvolta persino diabete.
I pazienti che hanno già contratto il COVID-19 erano moderatamente sovrappeso nella mezza età. Molti di loro hanno il diabete primario non diagnosticato. Susan Rich afferma che potrebbero essersi considerati sani quando hanno sofferto di COVID-19.

READ  Strutture di assistenza più semplici migliorerebbero la situazione al pronto soccorso

Ci sono risultati scientifici nella tesi che indicano un legame tra un sistema ormonale squilibrato, il sistema RAAS, e lo sviluppo di COVID-19 grave. Uno degli studi presenti nella tesi di Susan Rich ha già ricevuto molta attenzione. È stato pubblicato da Nature Communications 2021 e riguardava le somiglianze tra i pazienti in terapia intensiva con COVID-19 grave e un modello animale sperimentale in cui il sistema ormonale RAAS è stato manipolato in un modo simile a come funziona il virus. Quindi sembra che il sistema ormonale RAAS svolga un ruolo importante.

Susan Risch ha anche prelevato campioni da pazienti in terapia intensiva per COVID-19 per vedere come apparivano i livelli di diversi ormoni nel sangue, inclusi gli ormoni RAAS, rispetto a un gruppo di controllo sano. Si scopre che i pazienti in terapia intensiva covid-19 hanno bassi livelli di alcuni ormoni.
Per entrare nelle nostre cellule e diffondersi ulteriormente, il virus SARS deve legarsi a una proteina nel sistema ormonale RAAS, che può portare a uno squilibrio all’interno del sistema. Questo è già noto. Poiché il RAAS regola la pressione sanguigna, l’equilibrio di liquidi e sali, il metabolismo degli zuccheri e il sistema di coagulazione, tra le altre cose, potrebbe spiegare alcuni dei sintomi gravi osservati nei pazienti con COVID-19, come un aumento del rischio di coaguli di sangue, afferma Susan. piume.



Servizio stampa presso l’ospedale universitario Karolinska

08-123 740 10

[email protected]